Interviste & esperienze

«Molte PMI sono a corto di risorse finanziarie e di personale»

Stampa

In occasione della prima «Giornata Digitale Svizzera» molti clienti aziendali Raiffeisen si sono incontrati per vari eventi organizzati dal Raiffeisen Centro Imprenditoriale RCI, scambiandosi molte informazioni ed esperienze sul tema.

Raiffi

 

Intervista a Matthias P. Weibel

 

La partecipazione agli eventi organizzati presso le tre sedi CIR è stata quanto mai elevata. Appare evidente che i clienti aziendali Raiffeisen nutrono un forte interesse per il tema della digitalizzazione.

In occasione della giornata delle PMI di quest'anno, svoltasi lo scorso 27 ottobre, l'Università di San Gallo ha presentato un interessante studio sui cambiamenti strategici attesi dalle PMI per i prossimi anni. La questione principale all'ordine del giorno è l'investimento nella digitalizzazione, seguita a ruota dall'apertura di nuovi campi di attività, dalle nuove assunzioni e dall'investimento nelle novità di prodotto. Anche i colloqui con i clienti RCI sono spesso incentrati sulla trasformazione digitale. Per questo motivo abbiamo voluto trattare molto da vicino questo tema e abbiamo utilizzato la «giornata digitale svizzera» quale cornice ideale per farlo. Il grande interesse mostrato dai partecipanti ci ha dato ragione.
 

Durante gli eventi CIR quale clima generale è emerso dalle posizioni degli imprenditori? A che punto siamo? Quali sfide ci prepariamo ad affrontare? Qual è la percezione generale sulla digitalizzazione?

A livello generale le piccole e medie imprese svizzere tendono a considerare la digitalizzazione come un'opportunità unica e apprezzano la possibilità di svolgere la propria attività in un'epoca che pone svariate sfide. La digitalizzazione consente infatti di ottimizzare i processi, aumentare l'efficienza e aprire nuovi campi di attività.
 

A che punto sono le PMI in questo senso?

La situazione è molto variabile, perché in molti casi ci sono ancora diverse questioni da risolvere. Inoltre regna un clima di profonda insicurezza dovuto in particolare al fatto che ogni imprenditore concepisce la trasformazione digitale in modo diverso. E, non da ultimo, a molte PMI mancano le risorse finanziarie e il personale necessari per affrontare le tematiche della digitalizzazione con la dovuta serietà.
 

Quanto è importante per i clienti aziendali Raiffeisen potersi confrontare con altri imprenditori sul tema della digitalizzazione e dunque ottenere informazioni pratiche da chi è direttamente coinvolto nel processo?

Molto importante, perché gli imprenditori vogliono capire a che punto è la loro azienda di per sé e rispetto alla concorrenza e quali nuove opportunità offre loro la digitalizzazione. Vogliono sapere quali sfide hanno affrontato gli altri imprenditori, come le hanno gestite e come sono riusciti a trovare una soluzione su misura. La digitalizzazione è un megatrend che non «risparmia» nessuno. Proprio per questo la partecipazione è stata numerosa non solo in occasione della «giornata digitale», ma anche durante tutti gli altri eventi RCI incentrati sulla digitalizzazione.
 

Di conseguenza, in futuro il numero degli eventi organizzati dal CIR sul tema della digitalizzazione è destinato ad aumentare?

Assolutamente sì. Gli eventi RCI in programma per il 2018 saranno tutti all'insegna del motto «Trend». In tutte e tre le sedi RCI, e ora anche presso il Forum Raiffeisen di Berna, che utilizzeremo come piattaforma imprenditoriale fino alla messa in funzione del RCI di Berna, organizzeremo eventi volti a dimostrare il potenziale rivoluzionario della digitalizzazione.

Matthias Weibel, amministratore dell'RCI

L'amministratore dell'RCI è un imprenditore a tutti gli effetti e ha alle spalle un'esperienza pluriennale maturata nei ruoli di amministratore e membro del Consiglio di amministrazione. Matthias Weibel conosce per esperienza personale le sfide che gli imprenditori devono affrontare oggigiorno. Ultimamente è stato contitolare per oltre dodici anni di un'azienda internazionale di progettazione meccanica, con la stessa ha saputo espandersi con successo all'estero e lanciare prodotti innovativi in Svizzera, realizzando progetti nel settore «Industria 4.0» e soluzioni di nuova generazione.