Alla panoramica

10 domande alla psicoterapeuta Eva Fischer: «L'amicizia è un aspetto dell'amore»

25.01.2017 |
  • Esperienza

Gli amici sono al nostro fianco nella buona e nella cattiva sorte. Gli amici ci danno sostegno, supporto e fiducia, arricchendo la nostra vita. Secondo diversi studi, gli amici sono anche molto importanti per la nostra salute. Un sostegno sociale autentico tra amici ci mette al riparo da ogni forma di stress, assicura il benessere e rafforza le difese immunitarie del corpo e dello spirito. Anche la psicoterapeuta di Zurigo Eva Fischer sa che gli amici sono un toccasana per l'anima, e ci illustra i principali aspetti psicologici dell'amicizia.

Amici

Amici

Dottoressa Fischer, in generale, perché abbiamo bisogno di amici?

Abbiamo bisogno di amici per poterci rispecchiare in loro. Ne abbiamo bisogno anche per poter esprimere amore, sentimenti di amicizia e altri sentimenti e pensieri, in quanto i pensieri derivano dai sentimenti. Inoltre ne abbiamo bisogno per conoscere nuovi aspetti e allargare i nostri orizzonti.

 

Cosa caratterizza una buona amicizia?

Una buona amicizia è data dall’avere molto in comune. Si parla la stessa lingua: ci si comprende senza la necessità di doversi spiegare in continuazione. Altri tratti distintivi sono la sincerità, anche per quanto riguarda gli argomenti spiacevoli, il supporto reciproco e la capacità di condividere le amicizie dell’altra persona.

 

Come ci si può prendere cura di un’amicizia affinché duri?

Con la continuità. La frequenza dei contatti non è poi così importante. Le amicizie profonde consentono di ripristinare immediatamente un contatto anche se è trascorso molto tempo dall’ultima volta che ci si è visti. Attraverso l’apertura e l’interesse per gli sviluppi dell’altra persona.

 

Quali sono i motivi principali della rottura di un’amicizia?

Un frequente motivo di rottura tra amici è dato dal fatto che una persona può prendere una strada diversa. Ad esempio il fatto di formare una famiglia o avere un nuovo partner possono portare a nuove priorità nella vita, le aspettative reciproche cambiano e seguono le delusioni.

 

Le amicizie hanno effetti benefici sulla salute e scacciano lo stress. Perché gli amici sono così importanti per la salute?

Le persone sono esseri sociali e se avessimo solo contatti superficiali ci atrofizzeremmo nell’animo. Sentirsi a proprio agio con una persona e sentirsi accettati favorisce il rilascio di ormoni e trasmettitori che rinforzano il sistema immunitario.

 

Gli amici influiscono sempre positivamente sulla salute?

In linea generale sì. A volte tuttavia la teoria e la pratica non vanno di pari passo. Un compagno di bevute con cui affogare i propri dispiaceri sicuramente non è «salutare» dal punto di vista fisico. Tuttavia può forse essere utile sul piano psichico, in quanto ci si lascia andare e si condividono i propri sentimenti.

 

In particolare i bambini cosa possono imparare dalle relazioni di amicizia?

Da una parte le amicizie aiutano i bambini a sviluppare strategie per risolvere i problemi, ad accettare i compromessi e a condividere. Dall’altra li aiutano anche a provare empatia. Dico espressamente a «provare» empatia, non ad apprenderla, in quanto ogni bambino nasce con il sentimento dell’empatia. Inoltre, attraverso le amicizie i bambini imparano a gestire le delusioni e a provare tristezza, ad esempio quando l’amico li rifiuta.

 

I genitori si preoccupano quando i loro figli faticano a farsi degli amici. Cosa significa quando qualcuno si ritrova (involontariamente) senza amici?

Nella maggior parte dei casi si tratta di bambini «speciali», che hanno pochi amici o non ne hanno affatto. Molto sensibili, dotati di intelligenza sopra la media, fisicamente più deboli eccetera. I bambini tra loro reagiscono in modo molto crudele all’«essere diverso». I bambini tranquilli e introversi spesso hanno meno amici e non sentono la necessità di averne molti.

 

Apparentemente circa la metà delle nostre relazioni non si basa sulla reciprocità. Come si spiega il fatto che circa la metà delle persone che consideriamo nostri amici non ha la stessa nostra percezione del rapporto di amicizia?

Una vera amicizia procede allo stesso livello per entrambe le persone, non si tratta di un modello aziendale con una gerarchia. Molte persone invece preferiscono vivere secondo le gerarchie, in quanto le gerarchie generano in loro un sentimento di sicurezza. In altri termini: meglio un uovo oggi che una gallina domani. La maggior parte delle persone predilige la sicurezza rispetto alla libertà di scelta. In questo modo si creano comunità di interessi, che tuttavia non hanno molto a che vedere con l’amicizia.

 

Secondo lei dov’è il confine tra amore e amicizia?

Questo lo decide ogni singolo individuo. L’amicizia è un aspetto dell’amore. Le relazioni di coppia in cui manca l’aspetto dell’amicizia di solito non durano a lungo. Gli amici devono capire da soli come vogliono strutturare un’amicizia e quale espressione e forma desiderano dargli.

Eva Fischer
Eva Fischer

Chi è Eva Fischer: l’esperta psicoterapeuta ha aperto il suo studio a Zurigo nel 1984, aiuta le persone e le coppie a superare fasi difficili della vita: Eva Fischer Studio Weinberg