Alla panoramica

Caccia ai divoratori di energia

24.05.2018 |
  • Società

Piccoli gesti con grandi effetti a lungo termine: risparmiare energia significa dare un contributo attivo contro il cambiamento climatico, badando allo stesso tempo al portafoglio. Il partner di Raiffeisen per la tutela del clima, myclimate, rivela otto consigli per individuare dei divoratori di energia a casa vostra.

 

precedente
  • Valvola termostatica
    Consiglio 1: Abbassare i riscaldamenti.
  • Soffione della doccia
    Consiglio 2: Utilizzare ugelli a risparmio idrico.
  • Tapparelle antisole
    Consiglio 3: Se fuori splende il sole, abbassare le tapparelle già al mattino.
  • Termosifoni
    Consiglio 4: Liberare i termosifoni
  • Centrali eoliche
    Consiglio 5: Scegliere un abbonamento di elettricità ecologica.
  • Grande finestra nell'architettura moderna
    Consiglio 6: Le finestre nuove influenzano notevolmente la regolazione della temperatura.
  • Il sistema a pompa di calore viene gestito tramite smartphone
    Consiglio 7: Installare nuovi riscaldamenti sostenibili.
  • Termometro
    Consiglio 8: Regolare lo scaldabagno esattamente a 60 gradi Celsius.
prossimo

    1. Abbassare i riscaldamenti

    Spesso le nostre case sono troppo riscaldate. Eppure, un grado di temperatura in meno farebbe risparmiare oltre il sei per cento di energia. Un extra bonus per le stanze un po' più fredde: gli esperti dicono che si dorme molto meglio se il termometro non va oltre i 18 gradi Celsius. 

     

    2. Risparmiare durante la doccia

    Sapete come risparmiare circa 112 franchi all'anno? Con ugelli a risparmio idrico, che consumano meno acqua e hanno una maggiore efficienza energetica in fase di riscaldamento. Bonus extra: l'acqua sembra «più morbida». 

     

    3. Lasciate fuori il caldo estivo

    È più facile non far entrare per niente la luce del sole nella stanza. I condizionatori hanno bisogno di molta energia. Il consiglio di myclimate: se fuori splende il sole, abbassare le tapparelle già al mattino.

     

    4. Liberare i termosifoni

    Un radiatore non è del tutto funzionale se davanti vi sono mobili o tende. L'aria calda deve poter circolare liberamente nelle stanze.

     

    5. Scegliere energia «pulita»

    Scegliete un abbonamento di elettricità ecologica presso il vostro fornitore di energia elettrica. L'elettricità ecologica può essere prodotta da centrali idroelettriche, eoliche, solari e a biomassa.

     

    6. Dite addio alle vecchie finestre – un investimento che vale la pena fare

    Le finestre nuove non sono solamente più belle dal punto di vista estetico, ma influenzano notevolmente la regolazione della temperatura nell'edificio. Con le finestre nuove fa più fresco in estate e più caldo in inverno. 

     

    7. Installare nuovi riscaldamenti sostenibili

    I riscaldamenti vecchi consumano molta energia. I nuovi impianti di riscaldamento si basano su sistemi a pompa di calore, che non solo hanno una migliore efficienza energetica, ma possono anche essere gestiti comodamente tramite smartphone. 

     

    8. Regolare lo scaldabagno a 60°C

    Uno scaldabagno a temperature più basse consuma meno energia. Per non dare scampo alla pericolosa legionella contenuta nell'acqua, lo scaldabagno dovrebbe però essere impostato esattamente su 60 gradi Celsius – questi batteri infatti si moltiplicano particolarmente bene in acque stagnanti a temperature da 25 a 45 gradi.

     

    Impegnati per l'ambiente

    Sebastian Tomczyk, Responsabile Gestione ambientale di Raiffeisen Svizzera
    Sebastian Tomczyk, Responsabile Gestione ambientale di Raiffeisen Svizzera

    Nella gestione aziendale, Raiffeisen segue in modo sistematico le raccomandazioni di myclimate. Sebastian Tomczyk, Responsabile Gestione ambientale di Raiffeisen Svizzera, spiega infatti che in quanto azienda con oltre 10'000 collaboratori e una rete di oltre 900 agenzie il Gruppo Raiffeisen ha una grande responsabilità nel ridurre la propria impronta ecologica.

    «Le nostre misure sono efficaci. Nel 2017, ad esempio, le emissioni di gas serra sono di nuovo scese rispetto all'anno precedente. L'obiettivo è ridurre le emissioni entro il 2020 del 30 per cento rispetto al 2012.

    Per continuare a raggiungere gli obiettivi climatici, Raiffeisen ha sviluppato per le Banche Raiffeisen l'applicazione orientata alla pratica «Pro Futura». In questo modo, l'attività bancaria dovrebbe essere organizzata in modo più rispettoso dell'ambiente. Da un lato, l'app aiuta a sensibilizzare i collaboratori Raiffeisen sul tema della sostenibilità e del consumo delle risorse nell'attività bancaria. Dall'altro si tratta dell'attuazione concreta: ridurre il consumo energetico e sostituire i prodotti vecchi con soluzioni più ecocompatibili. Si punta a ottimizzare soprattutto il consumo energetico negli edifici (elettricità e riscaldamento), negli spostamenti di lavoro (traffico automobilistico, pubblico e aereo) come anche il consumo di carta per ridurre ulteriormente le emissioni di gas serra.

    E perché la sostenibilità dovrebbe assumere un ruolo così importante sia per le aziende come Raiffeisen sia per le famiglie? «Semplice: con i propri obiettivi ambientali e climatici, Raiffeisen intende fornire un contributo alla tutela del clima. Se privati e aziende svolgono insieme un ruolo attivo nell'ambito della sostenibilità, si può davvero fare qualcosa di sostanziale. Perciò il nostro obiettivo è dare un esempio concreto di un atteggiamento attivo e credibile nella gestione della sostenibilità, e fare in modo che la popolazione ci veda come un modello da seguire», spiega il Responsabile Gestione ambientale di Raiffeisen Sebastian Tomczyk.

     

    Logo myclimate
    In collaborazione con la fondazione svizzera per la tutela del clima myclimate si avviano progetti comuni.

    Raiffeisen e la fondazione svizzera per la tutela del clima myclimate avviano progetti comuni per migliorare l'efficienza in termini di utilizzo delle risorse e per il risparmio energetico. In questo contesto Raiffeisen offre alle imprese e agli imprenditori con societariato presso una Banca Raiffeisen un regalo davvero speciale: un esclusivo workshop sul clima con caccia all'energia all'interno dell'impresa, dove i collaboratori della PMI ricevono delle conoscenze di base in modo interattivo, finalizzate a un comportamento sostenibile nella vita quotidiana privata e lavorativa. 

     

    Anche questo potrebbe interessarvi:

    Schweizer Karte zu Energie- und Klimaschutz
    Il sole è chiaramente la fonte preferita dagli svizzeri.

    Energia e protezione del clima – Cosa ne pensa la gente

    Rolf Wüstenhagen, Professore di Gestione delle energie rinnovabili all'Università di San Gallo, spiega cosa ne pensa la gente di energia e clima.

    Leggere l'articolo

    La ristrutturazione della Banca Raiffeisen San Gallo
    Sin d'ora attendiamo con ansia la cerimonia di apertura all'inizio dell'anno prossimo», afferma il responsabile di progetto Raiffeisen Hüttenmoser.

    Più moderna, luminosa, sostenibile: la ristrutturazione della Banca Raiffeisen San Gallo

    Per Raiffeisen sostenibilità significa efficienza energetica, comfort e salute. Queste caratteristiche vengono realizzate nella ristrutturazione della Banca Raiffeisen San Gallo nella Vadianstrasse.

    Leggere l'articolo