Alla panoramica

Le opere d'arte nella costruzione spaziano dai profili di costruzione a una semisfera, passando per una carta da parati

29.05.2018 |
  • Società

Forte legame e radicamento: negli ultimi 30 anni, il Gruppo Raiffeisen ha realizzato e reso accessibili a un vasto pubblico oltre 60 opere d'arte all'insegna della specificità locale. La Responsabile artistica di Raiffeisen, Donata Gianesi, ci presenta tre progetti speciali di arte nella costruzione che si trovano negli spazi pubblici e semipubblici di diverse Banche Raiffeisen a livello nazionale.

 

precedente
  • Arte nella costruzione presso l'agenzia Raiffeisen di Diessenhofen, «Die Partitur der Blicke» («La partitura degli sguardi») di Yves Netzhammer, 2013: Vista frontale della finestra panoramica del padiglione nel giardino sovrastato dai profili di costruzione
    Nel suo progetto di arte nella costruzione «Die Partitur der Blicke» («La partitura degli sguardi») l'artista Yves Netzhammer ha allestito nel 2013 diversi profili di costruzione sulla villa in stile Liberty «Rosenheim» e sul nuovo stabile dell'agenzia Raiffeisen di Diessenhofen (TG). (Foto: Ralph Feiner)
  • Arte nella costruzione presso l'agenzia Raiffeisen di Diessenhofen, «Die Partitur der Blicke» («La partitura degli sguardi») di Yves Netzhammer, 2013: Profili di costruzione sul nuovo padiglione nel giardino e la barra rossa appesa con una fune al tronco dell'albero
    I profili di costruzione che sovrastavano i due edifici della Banca Raiffeisen Untersee-Rhein, hanno lasciato stupiti molti osservatori. Diversi frammenti dell'installazione, come ad esempio la barra rossa appesa con una fune al tronco dell'albero, accentuano l'idea della trasformazione progettata e di un futuro tuttavia incerto. (Foto: Ralph Feiner)
  • Arte nella costruzione presso l'agenzia Raiffeisen di Diessenhofen, «Die Partitur der Blicke» («La partitura degli sguardi») di Yves Netzhammer, 2013: Area sportelli con struttura ridotta in scala e un sacchetto di plastica, apparentemente dimenticato, colato in alluminio con stampo 3D
    Netzhammer ha montato sul soffitto dell'area sportelli delle strutture ridotte in scala, che nell'interazione con i profili all'esterno delineavano un grande edificio immaginario da sogno. Il sacchetto di plastica, apparentemente dimenticato, è colato in alluminio con stampo 3D. (Foto: Ralph Feiner)
  • Arte nella costruzione presso l'agenzia Raiffeisen di Diessenhofen, «Die Partitur der Blicke» («La partitura degli sguardi») di Yves Netzhammer, 2013: Banco mobile per i consulenti con struttura ridotta in scala e sguardo sulla barra rossa appesa con una fune al tronco dell'albero
    Netzhammer ha montato un'altra struttura ridotta in scala, vicino al banco mobile per i consulenti. La barra rossa appesa con una fune al tronco dell'albero è ben visibile. (Foto: Ralph Feiner)
prossimo

    L'arte può ampliare gli orizzonti, scavalcare i confini, ispirare le persone – ma anche alimentare polemiche e creare contrasti. Un progetto di arte nella costruzione di questo genere è «Das Instrument des Horizontes, die Partitur der Blicke» («Lo strumento dell'orizzonte, la partitura degli sguardi») di Yves Netzhammer. Nel 2013, l'artista ha allestito alcuni profili di costruzione sulla villa in stile Liberty «Rosenheim» e sul nuovo stabile dell'agenzia di Diessenhofen (TG). Profili che sovrastavano i due edifici della Banca Raiffeisen Untersee-Rhein, lasciando stupiti molti osservatori. Qui era prevista un'altra costruzione? Egli ha inoltre montato sul soffitto dell'area sportelli delle strutture ridotte in scala, che nell'interazione con i profili all'esterno delineavano un grande edificio immaginario da sogno. Un edificio che non sarebbe, però, mai stato realizzato.

    Con il suo lavoro, Netzhammer analizzava l'idea della permanenza e si divertiva con l'interazione di passato, presente e futuro. Diversi frammenti dell'installazione – come ad esempio la barra rossa appesa con una fune al tronco dell'albero, il corvo colato in alluminio o il sacchetto di plastica che sembra dimenticato nell'ambiente interno – accentuano l'idea della trasformazione progettata e di un futuro tuttavia incerto.

    L'installazione di Netzhammer ha destato, senza volerlo, grande scalpore. La popolazione e l'autorità hanno reagito in modo sorpreso e in parte negativo all'opera d'arte: una perizia della Commissione dei monumenti storici è giunta alla conclusione che il progetto artistico di Netzhammer danneggia l'aspetto della Villa «Rosenheim». Hanno richiesto un permesso di costruzione per l'edificio immaginario che non sarebbe mai stato realizzato. Il Consiglio comunale di Diessenhofen ha negato il permesso. La Banca Raiffeisen ha quindi fatto ricorso – tuttavia con esito negativo: dopo meno di un anno si è dovuto procedere allo smantellamento dell'opera d'arte, che però può essere esposta ogni anno con limitazioni.

    Donata Gianesi, Responsabile artistica di Raiffeisen Svizzera, apprezza il progetto artistico di Netzhammer:

    Ritratto di Donata Gianesi, Responsabile artistica di Raiffeisen Svizzera
    Donata Gianesi, Responsabile artistica di Raiffeisen Svizzera

    «Con l'opera non si è mai inteso provocare. Da un punto di vista ottico e contenutistico essa unisce il padiglione storico e quello moderno dell'agenzia di Diessenhofen. La discussione accesa, emersa in seguito, sull'arte negli spazi pubblici è secondo me un arricchimento per tutti. Inoltre, l'autorizzazione di allestimento temporaneo da parte dell'autorità e la derivante impossibilità di esporre l'installazione sempre nella sua interezza conferiscono all'intervento di Yves Netzhammer una forza ancora maggiore».

    Un misterioso rigonfiamento nel nuovo stabile della Banca Raiffeisen Pierre Pertuis a Sonceboz

     

    Arte nella costruzione presso la Banca Raiffeisen Pierre Pertuis, «Hémisphère» di Maude Schneider, 2015: Semisfera a rinzaffo nel cortile lucernario con tetto in vetro

    Nel 2015 l'artista Maude Schneider ha realizzato l'opera d'arte nella costruzione «Hémisphère» nel cortile lucernario della Banca Raiffeisen Pierre Pertuis a Sonceboz (BE). L'opera è composta da una semisfera bianca che sembra venir fuori dal muro del nuovo stabile. (Foto: Thomas Jantscher)

    Anche l'artista Maude Schneider sa come creare contrasti con maestria: nel cortile lucernario della Banca Raiffeisen Pierre Pertuis a Sonceboz (BE) ha realizzato nel 2015 un progetto di arte nella costruzione: una semisfera bianca che sembra venir fuori dal muro del nuovo stabile. L'osservatore ha la sensazione che il muro respiri o che lo stabile possieda un organo. Le rotondità dell'«Hémisphère» sono state inserite appositamente in questo modo, per interrompere la linearità e la perfezione dell'architettura del nuovo stabile – l'impressione che si ha è quella di un disturbo voluto. Inoltre, l'installazione artistica gioca con l'incidenza della luce e l'angolo di osservazione: vista da davanti, infatti, sotto la curvatura si delinea un'ombra circolare che fa sorgere il dubbio sull'inarcamento della sfera, verso l'interno o verso l'esterno.

    Cinque artisti locali avevano presentato delle proposte per il progetto artistico nell'agenzia Raiffeisen del Giura bernese. La giuria ha votato all'unanimità il lavoro di Maude Schneider, perché, secondo Donata Gianesi, l'installazione creava un collegamento con lo spazio e con l'architettura del nuovo stabile della Banca Raiffeisen Pierre Pertuis in modo semplice e sobrio, ciononostante elegante e discreto. «Questo rigonfiamento inserito da Maude Schneider nella Banca Raiffeisen, che altrimenti si presenta in modo così perfetto, ha un effetto inatteso – essendo comunque in armonia con il nuovo stabile. Per la semisfera modellata in gesso su un'armatura in ferro, l'artista rinuncia a colori e texture speciali, creando un rilievo minimalistico», commenta la storica dell'arte.

    L'opera dell'artista può essere ammirata presso l'agenzia Raiffeisen di Sonceboz. L'«Hémisphère» si trova nell'atrio accessibile al pubblico.

     

    Benvenuti nel «salotto buono» dell'agenzia di Schöfflisdorf

     

    precedente
    • Arte nella costruzione presso l'agenzia di Schöfflisdorf, «Carta da parati» di Vreni Spieser, 2007: Sulla parete: copie gonfiate del disegno a penna ricalcata di cataste di legno; Sul pavimento: prove di colore su fogli di carta con motivi da colorare
      Nel 2007 l'artista di Zurigo Vreni Spieser ha realizzato l'opera d'arte nella costruzione «Carta da parati» presso l'agenzia Raiffeisen di Schöfflisdorf. Sulla parete sono appese copie gonfiate del disegno a penna ricalcata di cataste di legno. Sul pavimento vi sono prove di colore su fogli di carta con motivi da colorare (Foto: Vreni Spieser)
    • Arte nella costruzione presso l'agenzia di Schöfflisdorf, «Carta da parati» di Vreni Spieser, 2007: Macchina litografica con cui sono stati stampati uno per uno i fogli di carta.
      Questa macchina litografica in uso dal 1905 ha realizzato la stampa di alta qualità della carta da parati. (Foto: Vreni Spieser)
    • Arte nella costruzione presso l'agenzia di Schöfflisdorf, «Carta da parati» di Vreni Spieser, 2007: Disposizione dei fogli di carta stampati uno per uno quale prova
      I fogli di carta stampati uno per uno sono stati disposti e ordinati a fini di prova. (Foto: Vreni Spieser)
    • Arte nella costruzione presso l'agenzia di Schöfflisdorf, «Carta da parati» di Vreni Spieser, 2007: Applicazione dei fogli di carta stampati
      I fogli di carta stampati sono stati applicati uno per uno sulla parete divisoria. (Foto: Vreni Spieser)
    • Arte nella costruzione presso l'agenzia di Schöfflisdorf, «Carta da parati» di Vreni Spieser, 2007: Applicazione dei fogli di carta stampati sul fronte della parete indipendente
      I fogli di carta stampati uno per uno sono stati applicati sul fronte della parete indipendente. (Foto: Vreni Spieser)
    • Arte nella costruzione presso l'agenzia di Schöfflisdorf, «Carta da parati» di Vreni Spieser, 2007: Visualizzazione dettagliata del soggetto: il disegno della catasta di legno, ruotato, appare quale superficie di uno stagno
      La visualizzazione dettagliata mostra un disegno di una catasta di legno, ruotato, che appare come superficie di uno stagno. (Foto: Georg Aerni)
    • Arte nella costruzione presso l'agenzia di Schöfflisdorf, «Carta da parati» di Vreni Spieser, 2007: La versione ultimata della parete divisoria tappezzata delle sale colloqui raffigura uno stagno immaginario.
      La versione ultimata della parete divisoria tappezzata, delle due sale colloqui, richiama l'antica tradizione del «salotto buono», dove un tempo si ricevevano gli ospiti e che in parte presentava una carta da parati con paesaggi dipinti a mano. (Foto: Georg Aerni)
    prossimo

      Per il colloquio di consulenza, i clienti dell'agenzia di Schöfflisdorf (ZH) vengono invitati in una di queste due sale colloqui, separate da una parete divisoria con una carta da parati fuori dal comune. Richiamando l'antica tradizione del «salotto buono», dove un tempo si ricevevano gli ospiti e che in parte presentava una carta da parati con paesaggi dipinti a mano, nel 2007 l'artista di Zurigo Vreni Spieser ha realizzato l'opera d'arte nella costruzione «Carta da parati». Donata Gianesi ritiene che quest'opera dia un accento di raffinatezza e che dal punto di vista tematico si inserisca a perfezione nell'agenzia Raiffeisen.

      La carta da parati è unica – sia nell'aspetto sia nella produzione. Gianesi ci spiega il complesso procedimento di produzione: «La densità ottica della carta da parati, con il soggetto principale di una catasta di legno disegnata a mano, è dovuta alla sovrapposizione di tre strati di lavorazione. Le basi sono rappresentate da fogli di carta da parati da colorare con motivi naturali lineari astratti. Vreni Spieser ha verniciato questi fogli con colori argentati ed estremamente diluiti. Quale terzo strato, l'artista ha fatto stampare sui fogli il motivo di legna da ardere. Per il modello di stampa è stato prima copiato in bianco e nero il disegno a penna ricalcata della catasta di legno; successivamente è stato gonfiato in diverse fasi, ottenendo una copia delle dimensioni di un piano e generando l'effetto grossolano e xilografico del soggetto.» Una macchina litografica in uso dal 1905 ha realizzato la stampa di alta qualità della carta da parati.

      Donata Gianesi è contenta che le oltre 60 opere d'arte uniche del Gruppo Raiffeisen si trovino per la maggior parte nei settori aperti al pubblico delle tante Banche Raiffeisen e possano quindi essere ammirate intensamente dal pubblico e dai collaboratori Raiffeisen.

      Anche questo potrebbe interessarvi:

      Das Siegerprojekt «Urban Style», vom Projektwettbewerb «Kunst im Restaurant» von Raiffeisen Schweiz in Zusammenarbeit mit der Schule für Gestaltung am Gewerblichen Berufs- und Weiterbildungszentrum St.Gallen (GBS).
      E il vincitore è... «Urban Style»!

      «Arte al ristorante»: Raiffeisen dà spazio alla creatività

      Dal 2012, Raiffeisen organizza il concorso «Arte al ristorante», per offrire l'occasione agli studenti del corso propedeutico di design di esprimere la propria creatività.

      Leggere l'articolo