Quante case ci sono e quanto valgono?

Viaggiando attraverso la Svizzera, in alcuni posti si ha la sensazione che il paesaggio sia già densamente edificato, con tendenza in aumento. Parola chiave: dispersione urbana. Uno sguardo alle cifre del mercato immobiliare nazionale fornisce in questo contesto informazioni interessanti. Scoprite di più nella Domanda sulle abitazioni di settembre.

Il parco edifici svizzero

Nel 2017, con un totale di 232'038 ettari, circa il 5.6% dell'intero territorio svizzero era classificato come zona edificabile e quindi costruibile. Oltre l'80% di queste zone edificabili è già edificato. Il parco edifici svizzero comprende circa 2.75 milioni di edifici, di cui 1 milione circa è costituito da case unifamiliari. Quindi in Svizzera vi è un immobile ogni 3 persone. Tra il 2011 e il 2017 la consistenza totale è aumentata di circa 90'000 nuovi edifici. L'intero parco edifici mette a disposizione in totale circa 1.05 miliardi di metri quadrati di superficie in piani utilizzabili. Circa due terzi di queste superfici sono edifici residenziali, dei quali a loro volta due terzi in forma di case plurifamiliari. Complessivamente sono a disposizione della popolazione svizzera circa 4.5 milioni di unità abitative. Solo negli ultimi 20 anni si è aggiunto quasi 1 milione di nuove abitazioni.

 

Questo parco edifici ha un valore immenso. Il valore di creazione assicurato di tutti gli edifici svizzeri è di circa CHF 2.8 bilioni. In tale calcolo tuttavia si tralascia però il valore del terreno come importante componente di aumento dei prezzi. Se questo viene incluso, il valore di mercato di tutti gli immobili svizzeri è di circa CHF 3.6 bilioni. Una somma considerevole che corrisponde a più di cinque volte il PIL svizzero.

 
 
Il parco edifici svizzero

Il parco edifici svizzero comprende circa 2.75 milioni di edifici

 
 

E a chi appartengono?

Secondo la BNS circa il 44% dell'intero valore patrimoniale di tutte le famiglie svizzere è investito in immobili. Circa il 57% di tutte le abitazioni – case unifamiliari, appartamenti di proprietà e appartamenti in locazione insieme – appartiene quindi a privati. Anche considerando solo gli appartamenti in locazione, quasi la metà degli oggetti locati è in mano a privati. Molti svizzeri continuano quindi a sfruttare le opportunità di rendimento decisamente interessanti degli immobili residenziali. Il boom della costruzione di abitazioni, sostenuto dallo stato di emergenza degli investimenti negli ultimi anni, ha tuttavia spostato il rapporto nettamente a favore degli investitori professionali e soprattutto istituzionali. I prezzi elevati, il contesto dei tassi costantemente bassi e la sempre intensa attività edilizia determineranno probabilmente un'ulteriore contrazione delle quote private sul parco edifici.

 

Avete una domanda?

Il vostro formulario ci è pervenuto. Grazie!

L'elaborazione del formulario è fallita. Riprovate a spedire il formulario in un secondo momento.

Abbiamo ricevuto il suo formulario. Grazie mille! Tuttavia, non è stato purtroppo possibile inviare la conferma di ricezione al suo indirizzo e-mail {0} a seguito di un errore tecnico.

 

 

Martin Neff, economista capo di Raiffeisen

Martin Neff, economista capo di Raiffeisen

Informazioni sull'autore

Martin Neff è tra i maggiori esperti immobiliari in Svizzera. Ogni mese, su RaiffeisenCasa, risponde a una domanda su fatti curiosi  appresi in tema Passione casa nel corso delle sue analisi di mercato. Dall'inizio del 2013 è economista capo presso Raiffeisen Svizzera.  Neff ha studiato economia politica all'Università di Costanza. Dal 1988 al 1992 ha lavorato presso la Società Svizzera degli Impresari-Costruttori (SSIC) di Zurigo,  prima di passare alla divisione Economic Research di CS, dove ha istituito «Research Svizzera».