Il sogno di una casa

Acquistare casa? Solo pochi anni fa per Denise Gehrig e Wolfgang Kelemen sarebbe stata un'idea folle. Il vecchio ricamificio di Freidorf, in Turgovia, ha cambiato drasticamente il loro destino.

Per molti anni, Denise Gehrig (41 anni) e Wolfgang Kelemen (44) hanno viaggiato per il mondo entrando a contatto con le culture più disparate. In India si sono dedicati alla meditazione e alle Hawaii sono diventati esperti di surf, disciplina che hanno poi insegnato ai turisti in Vietnam e in Egitto.

 

Cinque anni fa, poi, sono tornati in Svizzera, dove è nato il figlio Lou. Hanno lavorato qua e là, appoggiandosi in abitazioni di amici. «Vivere in un ambiente familiare era piacevole, ma l'idea di una sistemazione stabile, di una nostra casa con giardino, non ci solleticava affatto. Pensavamo sempre a ripartire», spiega Denise Gehrig.

 

Nel 2013 Wolfgang Kelemen ha poi rilevato il ristorante Erlenholz dei genitori a Wittenbach, mentre Denise è tornata dal suo vecchio datore di lavoro come specialista in comunicazione. Nel 2015 è nato Enyo. «La quotidianità ci aveva sempre più rapiti, relegando la nostalgia per i viaggi in un angolo.» Ma nel 2016 Wolfgang e Denise hanno ripreso in mano le valigie per trascorrere tre mesi in Brasile. «Il tempo passato con la famiglia lontano dalla vita di tutti i giorni ci ha arricchito molto, ma per Lou si avvicinava l'inizio della scuola», racconta Denise Gehrig.

 

Stickerei Episode 1

Denise Gehrig e Wolfgang Kelemen con i figli Enyo (a sinistra) e Lou (a destra).

L'ago nel pagliaio

Era arrivato il momento di mettere da parte la vita errabonda e prendere fissa dimora. «Abbiamo cercato a lungo; una casa era troppo vecchia, l'altra troppo nuova, una in mezzo al caos, l'altra troppo isolata. Insomma, non trovavamo l'abitazione adatta a noi», ricorda Denise Gehrig. Fino al giorno in cui Wolfgang Kelemen ha visto in vendita su Internet un vecchio edificio adibito a piccola fabbrica. È quindi salito in auto per vedere quello stabile con laterizi a vista, grandi finestre e un peculiare tetto a capanna ai margini di Freidorf. Sbirciando dalla finestra, ha intravisto un enorme macchinario tessile, balle di stoffa sui tavoli, una vecchia scopa alla parete e un paio di occhiali dimenticati su un davanzale. E ha sentito subito che era la casa giusta! Di ritorno al lavoro ha raccontato alla sua collaboratrice di aver visto la casa nella quale avrebbe abitato.

 

Stickerei Episode 1

Wolfgang Kelemen si è subito innamorato del ricamificio dismesso di Freidorf (TG).

Il giorno stesso ha mostrato la casa a Denise: «È stato amore a prima vista! Prima ancora di varcare la soglia sapevo che era quella giusta», ricorda. La posizione idilliaca ai margini del paese, il fascino dell'edificio, le grandi finestre, il giardino; era tutto perfetto. Messo da parte l'entusiasmo, però, sono sorti i primi interrogativi. Abbiamo abbastanza denaro? La struttura edilizia è ancora buona? E soprattutto, di cosa abbiamo bisogno per acquistare una casa?

 

Corsa contro il tempo

La casa era ancora invenduta, aveva informato l'agente immobiliare. Ma il prezzo non era stato fissato: «Dovevamo fare un'offerta, ma non avevamo idea di quale importo proporre. Bisognava agire rapidamente, affinché nessuno potesse sottrarci la casa dei nostri sogni», racconta Denise Gehrig.

 

Un amico architetto ha quindi proceduto a valutare la casa confermandone il potenziale. Poi è stato fissato un appuntamento con la banca: «Wolfgang conosce Martin Egger della Banca Raiffeisen di Wittenbach (SG) da quando erano bambini: sapevamo di essere in buone mani». Martin Egger ha fissato un appuntamento con la coppia il giorno successivo, chiedendo loro di portare tutta la documentazione finanziaria. «Abbiamo lavorato al nostro dossier fino all'una di notte», ricorda Denise. 

 

Nell'ultima fase, prima della decisione definitiva, li ha seguiti l'architetto Andreas Zech, specializzatosi recentemente nella ristrutturazione accurata e sostenibile di vecchi edifici. Anche lui ha confermato il grande potenziale dello stabile in laterizi, facendo però presente alla coppia il budget limitato. La maggior parte del denaro sarebbe servita per rinnovare il rivestimento: isolamento interno, tetto, infissi e impianto di riscaldamento. E per l'arredamento sarebbero rimasti pochi spiccioli.

 

Ma Denise Gehrig e Wolfgang Kelemen non hanno mollato. Nel prossimo contributo scoprirete quanto hanno offerto e come si sono mossi alla conquista del ricamificio.

 

Stickerei Episode 1

Didascalia della foto: Quanto denaro servirà per risanare il ricamificio?

Ecco come trovare la casa giusta
Abbonatevi al maggior numero possibile di motori di ricerca immobiliare, per non perdervi nessun annuncio. Su RaiffeisenCasa trovate anche informazioni sui comuni e un calcolatore per ipoteche e tasse. Molti immobili vengono ancora venduti tramite annunci sulla carta stampata, oppure messi all'asta con bandi regionali. Chi cerca un immobile specifico, come una vecchia casa contadina, può inserire un annuncio di ricerca su un giornale locale. Anche i social media sono un'ottima fonte di informazioni; molti immobili vengono venduti con il passaparola. Quanto può costare, al massimo, la casa dei vostri sogni? Ve lo rivela con pochi clic il calcolatore di ipoteche.
l'Autore Foto

Monique Rijks / 

Stefanie Rigutto

Yannick Gysin

 

 

 

 

 

Stickerei Episode 1

Il consulente Raiffeisen Martin Egger di Wittenbach (SG) conosce Wolfgang Kelemen sin dall'infanzia.

 

 

 

 

 

Prossimi episodi

Immagini del ricamificio dismesso nel suo stato originario

precedente
prossimo

    Restate sempre aggiornati

    Il vostro formulario ci è pervenuto. Grazie!

    L'elaborazione del formulario è fallita. Riprovate a spedire il formulario in un secondo momento.

    Abbiamo ricevuto il suo formulario. Grazie mille! Tuttavia, non è stato purtroppo possibile inviare la conferma di ricezione al suo indirizzo e-mail {0} a seguito di un errore tecnico.

    Lasciate qui il vostro indirizzo e-mail per essere sempre informati sui nuovi episodi di «Sotto i tetti della Svizzera».