Dove troviamo giardini pensili?

Lo «stress da densità di popolazione» sul mercato immobiliare non è una novità: continuamente si pianifica, si costruisce e si amplia. Come si può contrastare questo fenomeno e ridurre lo stress? L'economista capo Martin Neff illustra una possibile soluzione che permette anche di fondere tra loro ambiente ed edifici: i giardini pensili. Non solo belli da vedere, ma anche utili.

Le Sette Meraviglie del Mondo i loro giardini pensili

Sinceramente: vi ricordate tutte e sette le meraviglie del mondo antico? Io non ci sono mai riuscito, nemmeno quando ero più giovane. Costruzioni uniche come le piramidi di Giza in Egitto o il Colosso di Rodi non erano un problema, invece per tenere a mente la statua di Zeus scolpita da Fidia a Olimpia o il Faro di Alessandria dovevo sempre fare uno sforzo, che comunque non bastava per il Tempio di Artemide a Efeso, né per il Mausoleo di Alicarnasso dedicato al satrapo Mausolo. Non so dire perché non abbia mai dimenticato la prima meraviglia del mondo antico, in fin dei conti i giardini pensili di Babilonia della regina Semiramide sono meno spettacolari di quanto non suggerisca il nome. Nonostante una base a pianta quadrata di dimensioni considerevoli con un lato di ben 120 metri non erano particolarmente alti, per cui nel caso della prima meraviglia del mondo il concetto di giardino pensile non mi sembra del tutto appropriato. Una fonte ipotizza che i giardini si trovassero a ovest del Palazzo Meridionale, un'altra fonte invece li colloca sulle mura di cinta del cosiddetto Palazzo Settentrionale; c'è poi chi sostiene che i giardini pensili non si trovassero affatto a Babilonia ma a Ninive. Vi sono poi ricercatori, ovvero storici, che in generale dubitano della loro esistenza. Il concetto di giardino pensile mi ha comunque affascinato abbastanza da farmelo ricordare.

 

Hängende Gärten - Wohnfrage

Veri e propri giardini pensili in realtà esistono solo da poco

La giungla verticale a Singapore è il modello di riferimento in questo ambito, a cui ora si ispirano anche altre città come ad esempio in Vietnam, dove stanno per sorgere tre grattacieli con giardini sospesi. I giardini pensili più famosi d'Europa si trovano a Milano. Il Bosco Verticale a Milano è composto da due torri identiche ricoperte di verde, alte rispettivamente 78 e 110 metri di altezza – con 900 alberi, 5'000 arbusti e 11'000 specie di piante, muschi e trifogli. E anche in Svizzera ci saranno presto dei giardini pensili. A Chavannes-près-Renens vicino Losanna sorgerà la torre dei cedri, alta 117 metri, con una superficie laterale ricoperta per 3'000 metri quadrati da piante che daranno all'edificio un'immagine più naturale rispetto a una struttura in acciaio, cemento, metallo e vetro. Nell'area dall'insolito nome di Suurstoffi verrà costruito un grattacielo residenziale con bilancio neutro di CO2 chiamato Aglaya. Anche questo è un nome insolito, ma l'idea del grattacielo verde è molto più di una semplice moda. Dato che ci stiamo stringendo sempre di più, ovvero dato che sta aumentando la densità di costruzione, è sempre più importante che gli edifici e l'ambiente si fondano insieme. In tal modo si risolve anche il tanto discusso stress da densità.

Avete una domanda?

Il vostro formulario ci è pervenuto. Grazie!

L'elaborazione del formulario è fallita. Riprovate a spedire il formulario in un secondo momento.

Abbiamo ricevuto il suo formulario. Grazie mille! Tuttavia, non è stato purtroppo possibile inviare la conferma di ricezione al suo indirizzo e-mail {0} a seguito di un errore tecnico.

 Martin Neff, economista capo di Raiffeisen

Martin Neff, economista capo di Raiffeisen

Martin Neff è tra i maggiori esperti immobiliari in Svizzera. Ogni mese, su RaiffeisenCasa, risponde a una domanda su fatti curiosi  appresi in tema Passione casa nel corso delle sue analisi di mercato. Dall'inizio del 2013 è economista capo presso Raiffeisen Svizzera.  Neff ha studiato economia politica all'Università di Costanza. Dal 1988 al 1992 ha lavorato presso la Società Svizzera degli Impresari-Costruttori (SSIC) di Zurigo,  prima di passare alla divisione Economic Research di CS, dove ha istituito «Research Svizzera».