Lasciamo la chiesa dov'è?

Vi chiederete senz'altro cosa c'entri questa domanda con il mercato immobiliare. Innanzitutto è un dato di fatto che le chiese sono anche immobili e che in ogni villaggio ve n'è una. Ormai da tempo, tuttavia, le chiese non sono più frequentate come ai tempi in cui sono state costruite. Il problema degli sfitti, di conseguenza, non si limita soltanto agli immobili convenzionali. Anche le chiese presentano un eccesso di offerta, dal momento che la domanda è sempre più in calo.

Le chiese vengono riutilizzate

Nel 1990, quasi l'86% dei cittadini residenti in Svizzera era ancora affiliato alle due chiese nazionali. Oggi lo è ancora solo uno scarso 60%. Da tempo, ormai, andare in chiesa la domenica non è più un rituale ricorrente. Il 70% degli svizzeri partecipa al massimo cinque volte l'anno a una funzione religiosa. Alcune chiese sono così vuote che semplicemente non vengono più usate come tali. Vi siete mai chiesti cosa accade a tutte le chiese che non vengono più utilizzate? Invece di essere demolite, vengono adibite ad altro uso

 

Kirche im Dorf

Dove un tempo si pregava, oggi hanno luogo party e danze

Invece di inginocchiarsi davanti all'altare, gli artisti usano le chiese in disuso quale atelier molto speciale dall'atmosfera unica. Oggi una cappella di Berna ospita un palcoscenico sul quale i cabarettisti divertono il pubblico o si esibiscono attori e musicisti. Una chiesa di Ebnat-Kappel è stata trasformata in una sala eventi dall'«atmosfera unica per concerti, eventi, letture, comedy, film e arte». In un'altra chiesa in disuso si accudiscono oggi bambini durante l'intera giornata: insomma, invece di dare asilo alle celebrazioni ospita un asilo nido. L'architettura unica degli edifici ecclesiastici offre manifestamente ampio margine per la realizzazione di idee creative. Non mancano tuttavia anche riconversioni di ex luoghi di culto per usi del tutto profani, come ad esempio l'allestimento di uffici. C'è addirittura chi abita all'interno di chiese in disuso, come nel caso dell'ex chiesa neo-apostolica di Brienz. 

 

La riconversione delle chiese riflette anche la trasformazione della Svizzera in una società multireligiosa. Troviamo così esempi di riconversione in chiese ortodosse russe, copte, siriane, rumene o serbe, ma anche in luoghi di culto di Chiese libere evangeliche. Nel caso della chiesa che oggi funge da edificio commerciale per un'impresa di pompe funebri, è probabile che la vicinanza spaziale all'infrastruttura essenziale per lo scopo dell'azienda sia stata un fattore decisivo. Purtroppo, però, le chiese vengono spesso demolite per lasciare il posto a nuovi edifici secolari. È un vero peccato, sarebbe meglio lasciare la chiesa dov'è. 

 

Avete una domanda?

Il vostro formulario ci è pervenuto. Grazie!

L'elaborazione del formulario è fallita. Riprovate a spedire il formulario in un secondo momento.

Abbiamo ricevuto il suo formulario. Grazie mille! Tuttavia, non è stato purtroppo possibile inviare la conferma di ricezione al suo indirizzo e-mail {0} a seguito di un errore tecnico.

   

 Martin Neff, economista capo di Raiffeisen

Martin Neff, economista capo di Raiffeisen

Martin Neff è tra i maggiori esperti immobiliari in Svizzera. Ogni mese, su RaiffeisenCasa, risponde a una domanda su fatti curiosi  appresi in tema Passione casa nel corso delle sue analisi di mercato. Dall'inizio del 2013 è economista capo presso Raiffeisen Svizzera.  Neff ha studiato economia politica all'Università di Costanza. Dal 1988 al 1992 ha lavorato presso la Società Svizzera degli Impresari-Costruttori (SSIC) di Zurigo,  prima di passare alla divisione Economic Research di CS, dove ha istituito «Research Svizzera».