«L'aumento corrispondente del valore dell'immobile è anche un buon argomento a lungo termine per ogni proprietario di un'abitazione»

Il maratoneta Viktor Röthlin ha trasformato la sua casa unifamiliare (anno di costruzione 1807) in un modello energetico, facendo sostituire l'impianto di riscaldamento a gasolio con una pompa di calore geotermica.

Misure e risultati del risanamento energetico in sintesi:

  • Sistema di riscaldamento originario: riscaldamento a olio
  • Nuovo sistema di riscaldamento: pompa di calore geotermica
  • Energia annuale e costi d'esercizio del sistema di riscaldamento originario, all'anno: ca. CHF 6'300.-
  • Energia annuale e costi d'esercizio del nuovo sistema di riscaldamento, all'anno: ca. CHF 2'400.-

 

Intervista a Viktor Röthlin

Quali sono state le intenzioni/le motivazioni del passaggio a un sistema di riscaldamento rinnovabile?

Viktor Röthlin: Io e mia moglie sognavamo da anni un vecchio casale da ristrutturare. Nel 2010 il mio consulente alla clientela della Banca Raiffeisen Obwalden mi ha chiamato, perché aveva trovato un immobile potenzialmente adatto. Alcuni giorni dopo abbiamo visitato la proprietà insieme al nostro consulente. Il casale costruito nel 1807 era un sogno! Solo l'odore del gasolio in casa aveva smorzato leggermente il nostro entusiasmo. Ma alla fine abbiamo deciso di acquistare l'immobile. La prima che abbiamo chiarito, tuttavia, è stato come sostituire l'impianto di riscaldamento a gasolio presente con un sistema di riscaldamento rinnovabile.

 

Come avete agito? Avete richiesto la consulenza di un esperto in campo energetico o di altri professionisti?

Prima di poterci trasferire nella nostra nuova casa, abbiamo fatto un'analisi dettagliata con vari specialisti. Ne è venuta fuori una lista di priorità. Prima di poterci trasferire, è stato necessario sostituire la cucina, i bagni e tutte le tubature dell'acqua. Dal momento che il tetto era stato rifatto solo pochi anni prima, abbiamo deciso di intervenire sull'isolamento solo dal lato interno. Volevamo sostituire l'impianto di riscaldamento a gasolio, che allora aveva solo 6 anni, in una seconda fase. Questo perché il nostro margine di manovra finanziario non ci permetteva di realizzare tutte le ristrutturazioni in una volta sola. Tuttavia, sulla base delle analisi era chiaro che l'ideale sarebbe stato installare una pompa di calore geotermica.

 

Ci sono stati degli ostacoli nella realizzazione?

No, al contrario. Nel 2012 sono stato contattato dalla ditta Alpha Innotec, uno dei leader di mercato svizzeri nel settore delle pompe di calore. Il team di marketing era giunto alla conclusione che io avrei potuto essere il volto perfetto per i loro prodotti. Quindi volevano sapere se avrei potuto prendere in considerazione l'idea di fare la pubblicità delle loro pompe di calore. Eccome se potevo! Naturalmente rimasero piuttosto sorpresi quando spiegai loro che avevo una pompa di calore geotermica sulla mia «lista degli acquisti da fare» ormai dal 2010. Ne risultò quindi una situazione vantaggiosa per tutti e noi siamo riusciti a sostituire il vecchio impianto di riscaldamento a gasolio con una pompa di calore geotermica di Alpha Innotec già nella primavera del 2013. Grazie all'accordo pubblicitario, abbiamo dovuto coprire da soli solo una parte dei costi. Quindi non ci siamo dovuti rivolgere alla nostra Banca per ottenere un finanziamento.

 

 

«Quando siamo passati al sistema di riscaldamento a energia rinnovabile, abbiamo pensato anche ai nostri figli e al loro futuro.» 

Viktor Röthlin

Ha già avuto modo di accorgersi, a livello di «portafoglio», del passaggio alle energie rinnovabili (risparmio energetico e sui costi d'esercizio)? Com'è cambiato il consumo energetico?

A causa dei costi di investimento molto elevati, il calcolo completo delle spese può essere effettuato, ammesso che sia possibile, solo dopo molti anni. In sostanza, la nostra decisione di eliminare il riscaldamento a gasolio e adottare la pompa di calore geotermica non è stata legata a un interesse di tipo finanziario. No, per noi si trattava della qualità della vita nella nostra vecchia casa colonica. Pochi giorni dopo la rimozione del serbatoio del gasolio, è scomparso da tutta la casa anche quell'odore spiacevole. Inoltre, quando siamo passati al sistema di riscaldamento a energia rinnovabile, abbiamo pensato anche ai nostri figli e al loro futuro. Se le persone continueranno a consumare le risorse della terra così rapidamente come negli ultimi 100 anni, il tempo che ci sarà concesso di rimanere come ospiti sulla terra sarà sempre più breve! Ma naturalmente i costi fissi per il sistema di riscaldamento alleggeriscono il nostro budget. Ciò significa che non ci sono più spese per il gasolio, lo spazzacamino e la manutenzione del riscaldamento. Da quando nella primavera del 2013 è stata messa in funzione la pompa di calore geotermica, non ci sono stati ulteriori costi per l'acqua calda e il riscaldamento, ma solo per l'elettricità.  

 

Consiglierebbe ai suoi vicini e amici di passare a sistemi di riscaldamento rinnovabili? 

Sì, l'abbiamo già fatto diverse volte. Perché si può ottenere qualcosa di positivo solo se il maggior numero possibile di persone contribuisce alla tutela delle risorse. Tanto più che il relativo aumento del valore dell'immobile sul lungo termine è anche un buon argomento per ogni proprietario di un'abitazione.

 

La sostituzione del sistema di riscaldamento comporta spesso ulteriori misure di carattere energetico. Com'è la situazione per quanto riguarda il vostro immobile? Sono ancora in fase di pianificazione o sono già state realizzate?

L'anno scorso abbiamo fatto allestire un dettagliato rapporto CECE Plus, che ha evidenziato ulteriori possibilità di ottimizzazione. Ora procederemo un passo per volta. Quindi abbiamo già sostituito alcuni prodotti d'illuminazione. Oltre ad avere fatto migliorare l'isolamento della scala del seminterrato. Per quanto riguarda la sostituzione delle finestre avevamo già due esperti in casa. Ma, indipendentemente l'uno dall'altro, ci hanno sconsigliato di sostituire le finestre in questo momento. Il clima abitativo in una casa colonica di oltre 200 anni fa potrebbe subire uno squilibrio se le finestre fossero troppo spesse. Per questo motivo gli specialisti ci hanno consigliato di aspettare ancora un paio di anni. Nella speranza che tra qualche anno lo sviluppo tecnico possa offrire per la nostra casa una soluzione migliore di quella attuale.

 

 

Il supporto della vostra Banca Raiffeisen

Una volta che il quadro complessivo è pronto, è possibile stimare l'esigenza di investimenti e, di concerto con la Banca, sviluppare anche un piano finanziario ottimale da mettere in pratica. È necessario effettuare un prelievo dalla cassa pensioni? O si devono risparmiare preventivamente i mezzi necessari? Oppure l'aumento dell'ipoteca è un'ipotesi attuabile? La vostra Banca di fiducia sarà lieta di illustrarvi le varie possibilità concrete.