Rimuovere la muffa in tre fasi

La muffa è un rivestimento fungino dal cattivo odore e antiestetico. Si può manifestare in diversi modi: da isolate alterazioni di colore fino a denso manto. Mentre le piccole macchie di muffa possono essere rimosse autonomamente, in caso di più ampie superfici si dovrebbe pensare a ricorrere a un risanamento professionale.

Per poter reagire correttamente alla formazione di muffa, si dovrebbe dapprima rilevarne le caratteristiche e l'entità nonché la portata del danno. Qui trovate le informazioni più importanti in merito a come e quando potete rimuovere la muffa voi stessi, quando è preferibile affidarsi a un professionista e in che modo potete prevenirne la formazione in futuro.

Come si procede in presenza di muffa?

Fase 1: definire il grado della formazione di muffa

Si stima che in tutto il modo esistano oltre 250'000 tipi di muffa. A grandi linee, i diversi tipi di muffa si possono distinguere in base al loro colore. I più frequenti alle nostre latitudini sono la muffa verde, nera e bianca. Tuttavia nelle stanze può formarsi anche muffa gialla e rossa. Per poter combattere correttamente la muffa è in primo luogo necessario individuare tipo e grado di formazione. Ciò è determinante per determinare se è possibile rimuovere autonomamente la muffa oppure se è necessario rivolgersi a uno specialista

Il grado della formazione di muffa è determinato come segue:

Grado 0 – 1: la muffa può essere rimossa autonomamente

  • Grado 0: crescita di muffa superficiale e alterazioni del colore con un'estensione massima di 10 x 10 cm.
  • Grado 1: crescita di muffa superficiale e alterazione del colore con un'estensione massima di 70 x 70 cm in caso di formazione sporadica e 10 x 10 cm in caso di crescita fitta.


Grado 2: per la rimozione si dovrebbe ricorrere a un aiuto professionale  

  • Grado 2: in caso di presenza sporadica di muffa oppure alterazioni di colore su una superficie di oltre 70 x 70 cm, in caso di formazione di muffa fitta di superficie superiore a 10 x 10 cm e in caso di muffa in più stanze. 

Per determinare in modo efficace il grado di formazione di muffa e se essa sia nociva per la salute, è necessario eseguire un test della muffa. Questi test sono proposti online. Chi vuol essere assolutamente sicuro dovrebbe fare eseguire il test da un professionista. Una lista di esperti in danni causati dall'umidità e in fisica edilizia è disponibile nell'elenco di categoria.

 

Fase 2: rimuovere la muffa

  • Piccole tracce di muffa, grado 0: su superfici lisce, possono essere facilmente rimosse con acqua e detergente per la casa. Su superfici ruvide, dopo la pulizia si consiglia una disinfezione con alcol etilico al 70-80%. In tutte le fasi di pulizia si consiglia di indossare guanti in materiale sintetico.

  • Formazioni di muffa superficiali, grado 1: inumidire bene l'area colpita dalla muffa, in modo da evitare che particelle di muffa si disperdano nell'ambiente. Rimuovere l'intonaco sufficientemente in profondità e ripulire per bene l'area interessata, disinfettare con alcool etilico al 70-80% e infine intonacare e ridipingere la parete. È assolutamente necessario indossare occhiali protettivi, mascherina e indumenti da lavoro. Chi non è ferrato nel fai da te dovrebbe ricorrere all'ausilio di un professionista.

  • Formazioni di muffa su ampie superfici, grado 2: ogni formazione di muffa di grado superiore a 1 dovrebbe essere trattata da un professionista in risanamento. Un risanamento autonomo presenta rischi per la salute troppo elevati. La cosa migliore è rivolgersi a un'impresa di pittura o di gessatura della vostra regione. Indirizzi sono disponibili sul sito internet dell'Associazione svizzera imprenditori pittori e gessatori ASIPG.

✓ Consigli per il risanamento autonomo

Si prega di osservare i seguenti punti:
 

1. Coprire gli oggetti nella stanza per proteggerli dalla sporcizia.

2. Durante i lavori tenere le porte chiuse e arieggiare regolarmente, dal momento che a seguito della pulizia si diffondono particelle nell'aria.

3. Non fumare, bere o mangiare in questo locale, poiché in tal modo sostanze nocive raggiungono le vie respiratorie e gli organi digestivi.

Fase 3: prevenire la riformazione

In caso di formazione di muffa è importante determinarne la causa. Altrimenti, dopo breve tempo, essa tornerà a formarsi. La comparsa della muffa è spesso legata a carenze della casa. Ad esempio, un cattivo isolamento può favorire la muffa, per cui, in caso di formazione, vale la pena effettuare accertamenti approfonditi. Per informazioni sullo stato energetico si consiglia di realizzare un CECE® Plus.


In qualità di clienti ipotecari Raiffeisen beneficiate di CHF 200 se fate realizzare un CECE® Plus entro il 31 dicembre 2019. Tutte le altre informazioni su CECE® Plus e sui vantaggi Member sono disponibili qui.