Conoscenze in materia d'investimenti spiegate in modo semplice

Cosa sono gli investimenti sostenibili?

Stampa

Investire il proprio denaro «in modo sostenibile» non è certo una novità. Il principio di non investire deliberatamente in aziende critiche esiste da circa 100 anni. Tuttavia, solo dall'inizio del millennio si è creata una tendenza in tal senso, che anche tra gli investitori istituzionali è diventata uno standard. Ma cos'è esattamente un investimento sostenibile?  

 

Le lezioni che possiamo trarre da una crisi ecologica

L'idea della sostenibilità ha più di 300 anni. Rappresenta l'insegnamento tratto da una crisi ecologica, quando alla fine del XVII secolo una carenza di legno minacciava l'Europa. All'epoca il legno era una risorsa centrale come materiale da costruzione per case e navi, ma anche come fonte di energia, che veniva spietatamente sfruttata. In considerazione dei problemi che ne derivavano, Hans Carl von Carlowitz (1645 - 1714), sovraintendente minerario all'Oberbergamt di Freiberg/Sassonia, formulò nel 1713 un principio tanto semplice quanto plausibile: tagliare solo la quantità di legno che sarebbe potuta ricrescere attraverso il rimboschimento pianificato. O in altre parole: si dovrebbe vivere dei proventi, non della sostanza.

Di fronte a simili sfide ecologiche, ma anche sociali, nel 1987 la Commissione Mondiale su Ambiente e Sviluppo delle Nazioni Unite (nota anche come Commissione Brundtland, a nome del suo presidente) ha ampliato il principio della sostenibilità forestale in un modello di sviluppo sostenibile, definendolo come segue:

 

«Lo sviluppo sostenibile è uno sviluppo che soddisfa i bisogni del presente senza compromettere la possibilità che le generazioni future riescano a soddisfare i propri.»

 

Il concetto di sviluppo sostenibile ha avuto la sua massima diffusione grazie alla Conferenza di Rio del 1992. Otto anni più tardi, al Vertice del Millennio dell'ONU a New York, gli stati membri hanno definito otto obiettivi di sviluppo del millennio come campi d'azione per la politica internazionale. Nel 2015, questi sono diventati i 17 cosiddetti Sustainable Development Goals (SDGs).

L'idea d'investimento sostenibile si basa proprio su questo modello: un andamento economico sostenibile a lungo termine è possibile solo se si rispettano i limiti ecologici e si promuovono i sistemi sociali.

 

I 17 obiettivi di sviluppo sostenibile

Valgono per tutti i Paesi: i 17 «obiettivi di sviluppo sostenibile» sono stati adottati dall'Assemblea Generale delle Nazioni Unite nel 2015.

Fonte: https://unric.org/it/wp-content/uploads/sites/3/2019/11/SDG-presentazione.pdf

Valgono per tutti i Paesi: i 17 «obiettivi di sviluppo sostenibile» sono stati adottati dall'Assemblea Generale delle Nazioni Unite nel 2015.
 

 

Aprite gli occhi! – Conflitti di obiettivi anche nell'ambito degli investimenti sostenibili

Gli investimenti sostenibili si differenziano dagli investimenti convenzionali in quanto, oltre ai classici criteri di valutazione puramente finanziari, si esaminano anche i tre ambiti tematici relativi ad ambiente, aspetti sociali e governance (intesi come principi di buona gestione aziendale).

Il triangolo dinamico degli investimenti

Oggi questi criteri aggiuntivi sono solitamente riassunti anche sotto l'acronimo «ESG»: E sta per ambiente (in inglese: environment), S per aspetti sociali (social) e G per buona gestione aziendale (governance). Significato e scopo di questi criteri aggiuntivi è acquisire un quadro completo delle aziende, così da poter distinguere quali di esse sono più «in forma» per il futuro a lungo termine e quali invece hanno più probabilità di avere problemi. Le prime hanno un maggiore potenziale di crescita, mentre le seconde comportano maggiori rischi per gli investitori. 

Nonostante questa lungimiranza, anche quando si investe in modo sostenibile è importante tenere sempre sotto osservazione il «triangolo dinamico degli investimenti», indipendentemente dall'obiettivo dell'investimento: i tre comprensibili desideri di alti rendimenti, massima sicurezza e disponibilità in ogni momento, anche in questo caso sono in conflitto.

 

Non tutti gli investimenti sostenibili hanno lo stesso livello di sostenibilità

In che modo esattamente gli aspetti ambientali e sociali confluiscono nelle decisioni di investimento? Non tutti gli investimenti sostenibili hanno lo stesso livello di sostenibilità. Nel corso del tempo sono stati sviluppati diversi approcci, che si differenziano non solo nel modo di procedere, ma anche per il loro effetto. Laddove l'effetto può essere inteso sotto tre aspetti:

  1. Effetto finanziario: quanto sono elevati il rendimento atteso e il rischio previsto dell'approccio scelto, in particolare rispetto agli investimenti convenzionali?

  2. Effetto ecologico e sociale (definito anche «impatto»): quali effetti ecologici sono associati agli investimenti? Un famoso esempio in tal senso è l'impronta ecologica di CO2.

  3. Effetto sul benessere personale: in che misura l'approccio scelto riflette i valori personali dell'investitore?

La seguente tabella fornisce una panoramica dei vari approcci agli investimenti sostenibili e dei loro rispettivi effetti:

  Effetto sul rendimento/rischio Effetto ecologico e sociale Rappresentazione dei propri valori
Criteri di esclusione

Da 0 a –
(a seconda dell'entità)

0

++

Best-in-class/Best-in-service

Da + a ++

Da 0 a +

+

Integrazione ESG

Da + a ++

0

0

Dialogo con le aziende/esercizio del diritto di voto

Da 0 a +

Da 0 a ++ (se l'esito è positivo)

+

Investimenti tematici

+

Da 0 a +

Da 0 a +

Impact Investing

0

++

++

Gli investimenti sostenibili aprono a nuove e interessanti possibilità

A prima vista, questa molteplicità di strategie d'investimento sostenibili sembra generare confusione. A differenza della giungla delle tariffe telefoniche, ad esempio, qui si trae però un importante vantaggio: scegliendo i propri investimenti, non si influisce solo sul rischio e sul rendimento atteso. Si ha la possibilità di sfruttarli per gestire la propria impronta ecologica e sociale personale. Molto importante in questo contesto è il fatto che un gran numero di studi scientifici ha stabilito che, tenendo maggiormente conto del rischio, gli investimenti sostenibili sono più vantaggiosi. Infatti le imprese sostenibili agiscono in modo più cauto, quindi gestiscono meglio anche i loro rischi di esercizio. Inoltre, hanno maggiori opportunità di rendimento a lungo termine, in quanto tali aziende indirizzano costantemente i loro prodotti e processi al futuro. Si tratta di un bene per l'ambiente, per la società e anche per il portafoglio.

Chiunque desideri effettuare investimenti che siano posizionati come sostenibili o che abbiano questo attributo nel proprio nome, dovrebbe informarsi bene su quali strategie specifiche vengono concretamente perseguite. Solo così è possibile decidere se questi investimenti sono compatibili con i propri interessi o con le proprie motivazioni.

 

Consigli dell'esperto

  • se si vogliono fare investimenti a lungo termine, al giorno d'oggi non c'è praticamente modo di evitare gli investimenti sostenibili. Questi non sono in alcun modo inferiori in termini di rendimento o di rischio rispetto a un portafoglio tradizionale.
  • Anche in caso di investimenti sostenibili, dovreste definire in anticipo una chiara strategia d'investimento basata sulla vostra capacità e propensione al rischio. Considerate anche cosa è importante per voi quando investite in modo sostenibile e quali obiettivi volete sostenere. In questo modo sarà più facile per voi individuare quali strategie d'investimento sostenibili sono più adatte, da un lato alle vostre aspettative di rendimento e dall'altro ai vostri valori personali.
  • È importante che un gestore patrimoniale disponga di un know-how sufficiente. Un buon segnale di ciò è la trasparenza su come viene attuata esattamente la sostenibilità. Il Codice Europeo per la trasparenza dei fondi comuni sostenibili è un buon indizio e strumento di supporto. Qui i fornitori devono dare informazioni precise, ad esempio su quali criteri ESG applicano.
  • Verificate esattamente quali aziende sono incluse nei portafogli sostenibili (ad es. fondi). Corrispondono alla vostra strategia di sostenibilità? Tenete presente che: affinché un'analisi ESG possa realmente mostrare i suoi vantaggi, dovrebbe essere «aggressiva».

 

Consulenza personale

Il vostro/la vostra consulente alla clientela sarà lieto/a di informarvi in merito alle opportunità disponibili nel settore degli investimenti sostenibili.