Raiffeisen Purchasing Manager Index delle PMI

PMI svizzere – Il coronavirus come ulteriore fattore di incertezza

Stampa

Il Purchasing Managers' Index delle PMI di Raiffeisen fa registrare un progresso marginale, ma al pari di tutti i suoi sottoindici si colloca per la terza volta consecutiva in territorio di contrazione. A preoccupare le PMI sono l'economia mondiale, la forza del franco e ora anche il coronavirus.
 

A febbraio il Purchasing Managers' Index di Raiffeisen ha fatto registrare un progresso marginale di 0,3 punti a 45,3. Nonostante tale aumento, l'indice è così rimasto per il terzo mese consecutivo al di sotto della soglia di crescita di 50 punti, a indicazione di un deterioramento delle attività operative. La valutazione degli ordinativi, pari a 46,8 punti, è risultata un po' meno negativa rispetto a gennaio (45,2). Nel mese in rassegna il calo dei parametri di produzione, occupazione e scorte di acquisti ha invece fatto registrare un'ulteriore accelerazione. Soltanto la sottocomponente relativa ai tempi di consegna è ulteriormente cresciuta (da 42.5 a 47.5 punti). Un aumento dei tempi di consegna, ovvero della durata complessiva intercorsa tra il pervenimento dell'ordinativo di un cliente e la spedizione della merce, segnala di norma una crescita della domanda dei clienti. Nel caso in questione, tuttavia, l'aumento di questa sottocomponente è riconducibile al coronavirus e alla temporanea chiusura degli impianti di produzione in Cina. Alcune delle PMI riferiscono infatti di una ridotta disponibilità di componenti fornite dalla Cina, con conseguenti ritardi sull'invio delle merci ai clienti finali. La lieve crescita del Raiffeisen Purchasing Managers' Index delle PMI non è quindi indicativa di un miglioramento dei livelli di fiducia. Lo scenario per le PMI svizzere attive nel comparto industriale appare destinato a permanere teso fino a nuovo avviso, non da ultimo a causa della forza del franco e della diffusione del coronavirus in Europa.

sinistra: Purchasing Manager'Index Raiffeisen delle piccole et medie imprese – febbraio 2020; destra: PMI Raiffeisen – Sottocomponenti (I)

sinistra: Purchasing Manager'Index Raiffeisen delle piccole et medie imprese – febbraio 2020; destra: PMI Raiffeisen – Sottocomponenti (I)

 

PMI Raiffeisen – Sottocomponenti (II)

  Ottobre Novembre Dicembre Gennaio Febbraio
Indice globale
46.6 50.3 47.1 45.0 45.3
Ordinativi
43.4 51.5 49.3 45.2 46.8
Produzione
50.0 53.7 47.0 45.8 43.5
Occupazione
50.0 47.0 44.0 43.2 41.8
Tempi di consegna
44.2 44.9 45.6 42.5 47.5
Scorte di acquisti
44.9 53.0 49.3 49.3 48.7


50 = sogila di crescita

Non perdetevi più alcuna stima congiunturale, abbonatevi alla nostra newsletter mensile.

Ulteriori pubblicazioni della Raiffeisen Economic Research sono disponibili qui.

 

L'esperto di economia Raiffeisen Domagoj Arapovic

Domagoj Arapovic, Senior Economist Raiffeisen Svizzera
Domagoj Arapovic, Senior Economist Raiffeisen Svizzera

Domagoj Arapovic ha studiato Economia all'Università di Zurigo. Ha poi lavorato dal 2007 al 2012 presso la Banca nazionale svizzera nell'Economic Research e nella Gestione dei rischi. Detiene dal 2011 il diploma di Chartered Financial Analyst, e dal 2013 è impiegato presso Raiffeisen Svizzera come Senior Economist.

Far parte dell'indicatore congiunturale (solo PMI industriali) e vincere CHF 5'000.– 

Siete una piccola o media impresa attiva nel settore industriale? Siamo alla ricerca di ulteriori PMI che compilino mensilmente un breve sondaggio (< 5 minuti). Partecipate subito a un'idea di successo: l'indicatore congiunturale è un importante indicatore che serve a riconoscere tempestivamente gli impulsi positivi o negativi del mercato.

Tra tutte le PMI industriali partecipanti sorteggeremo un premio in denaro di CHF 5'000.–. Riceverete inoltre tutti i risultati del sondaggio e delle analisi prima della loro pubblicazione.