L'armonizzazione del traffico dei pagamenti prosegue con l'introduzione della fattura QR

La fattura QR: un passo importante verso la digitalizzazione

global.content.print

Il traffico dei pagamenti è in corso di armonizzazione. Le conseguenti modifiche, come il passaggio alla fattura QR, portano notevoli vantaggi alle PMI: ce li illustra l’esperto Raiffeisen Markus Beck.
 

Intervista a Markus Beck, Responsabile Traffico dei pagamenti Clientela aziendale

Emettere e pagare fatture non è sicuramente l'attività più congeniale alle PMI. Il traffico dei pagamenti è sottovalutato?

Markus Beck: Il traffico dei pagamenti è la base di qualsiasi operazione commerciale. Se non funziona, o è troppo lento, l'acquisto o la vendita non vanno a buon fine. È quindi essenziale per ogni impresa. Le PMI, però, vedono il traffico dei pagamenti innanzitutto come un onere aggiuntivo rispetto al core business. È quindi normale che molte di esse non abbiano il tempo di dedicarvisi attivamente. Così, però, perdono l'opportunità di ridurre gli oneri amministrativi.

 

Come possono le PMI rendere il traffico dei pagamenti più efficiente?

M. B.: Con il giusto software. Circa un terzo degli imprenditori dichiara però di non voler acquistare software costosi e di non capire molto di IT. In realtà queste soluzioni sono spesso basate su cloud (bastano un accesso a Internet e un browser web) e comportano costi relativamente bassi. Naturalmente all'inizio occorre tempo per la configurazione. Parliamo però per lo più di uno o due giorni. E molti produttori di software offrono supporto in merito relativamente a buon mercato. Un impegno trascurabile a fronte del potenziale di risparmio; quando prodotti e processi digitali sono armonizzati tra loro e non bisogna svolgere operazioni manuali come la concordanza dei pagamenti in entrata con le fatture oppure la gestione dei solleciti, costi e tempi si riducono notevolmente. E spesso è possibile – cosa importante proprio per le piccole PMI – ottimizzare la collaborazione con il fiduciario.

 

L'armonizzazione del traffico dei pagamenti in corso comporta, a volte, considerevoli sforzi di adeguamento per le PMI. Questa trasformazione ha senso?

M. B.: L'armonizzazione non riguarda solo la Svizzera ma anche molti altri paesi. Gli obiettivi sono più o meno gli stessi: creare un «linguaggio» mondiale per i pagamenti, ridurre la complessità e digitalizzare il traffico dei pagamenti. In Svizzera l'armonizzazione consentirà alle PMI esportatrici di essere compatibili con il resto del mondo grazie a ISO 20022. Inoltre, con la fattura QR si riduce la complessità da sette polizze di versamento a un giustificativo unico, e grazie alla digitalizzazione dei dati mediante codice QR si possono automatizzare i processi.

 

«Una volta armonizzati i sistemi, il traffico dei pagamenti è più rapido e conveniente»

 

Seguirà l'introduzione della fattura QR. A quel punto la situazione si assesterà o saranno necessari altri adeguamenti?

M. B.: Con la fattura QR le PMI fanno un importante passo nella digitalizzazione. Oltre a eliminare la pluralità di giustificativi, la fattura QR può essere pagata anche con il sistema mobile TWINT o essere convertita in eBill , un servizio che consente l'automatizzazione dei processi per debitori e creditori e che quindi diventerà sempre più importante nei prossimi anni come prodotto digitale sicuro. Gli adeguamenti che esulano dal contesto della fattura QR sono facoltativi per le PMI.

 

Dove guardare già al futuro: come vedete il traffico dei pagamenti tra 10 anni?

M. B.: Facciamo cinque anni, il mutamente tecnologico progredisce in modo talmente rapido. Allora pagare in tempo reale 24 ore su 24 sarà normalissimo. È prevedibile anche che le valute digitali – ad es. un franco svizzero digitale – avanzino e influiscano sulle nostre modalità di pagamento e negoziazione.

Markus Beck, Responsabile Traffico dei pagamenti Clientela aziendale
Markus Beck, Responsabile Traffico dei pagamenti Clientela aziendale

Markus Beck è Responsabile Traffico dei pagamenti Clientela aziendale presso Raiffeisen e membro del Consiglio di amministrazione di SIX Interbank Clearing SA che, su incarico della BNS gestisce il sistema di pagamenti interbancario (Swiss Interbank Clearing – SIC).