Interviste e resoconti delle esperienze sul tema traffico dei pagamenti

«Non temete le novità!»

Stampa

La Cassa malati Birchmeier conta 5'600 clienti del Cantone Argovia. Accanto ai pagamenti dei premi, Ida Staffelbach, Responsabile Contabilità, deve gestire oltre 1'000 pagamenti di creditori alla settimana. Grazie all'interfaccia dell'applicazione core nel Raiffeisen e-banking, ha potuto ampiamente automatizzare il traffico dei pagamenti.

precedente
  • Ida Staffelbach, dipendente
    Ida Staffelbach, dipendente
  • Due dipendenti della Cassa malati Birchmeier
    Due dipendenti della Cassa malati Birchmeier
  • Due dipendenti al lavoro
    Due dipendenti al lavoro
  • La Cassa malati Birchmeier, edificio aziendale
    La Cassa malati Birchmeier, edificio aziendale
prossimo

    Anina Torrado Lara: Signora Staffelbach, voi operate con strutture snelle e vicinanza personale. Come fate?

    Ida Staffelbach: Chi ci chiama non finisce in una coda d'attesa. Siamo una cassa malati piccola e radicata a livello regionale, sempre a disposizione dei clienti e che lavora con grande efficienza. Inoltre spendiamo poco per la pubblicità e ottimizziamo costantemente i nostri processi.

     

    A. T. L.: Come snellite i processi?

    I. S.: Una parte importante è costituita da un efficiente traffico dei pagamenti. Inviamo ogni mese circa 3'000 fatture per i premi ed effettuiamo oltre 1'000 pagamenti alla settimana per gli assicurati e i fornitori di prestazioni. Senza automatizzazione ciò non sarebbe possibile. Nella nostra applicazione core creiamo fatture e ordini di pagamento e carichiamo l'ordine collettivo nel Raiffeisen e-banking tramite l'interfaccia. Una seconda persona autorizza i pagamenti in base al principio del doppio controllo.

     

    A. T. L.: A che punto siete con i preparativi per la fattura QR?

    I. S.: La fattura QR verrà introdotta il 1 luglio 2020. Io ho già assistito a una presentazione per informarmi. La nostra applicazione core supporterà il passaggio a livello tecnico.

     

    A. T. L.: Cosa si aspetta dalla fattura QR?

    I. S.: Spero che in questo modo potremo risparmiare carta e ridurre quindi i costi, facendo così qualcosa per l'ambiente. Solo il due-tre per cento circa delle fatture viene spedito oggi in formato eBill, tutte le altre fatture vengono ancora inviate per posta in formato cartaceo.

     

    A. T. L.: Come può aiutarvi Raiffeisen nel passaggio?

    I. S.: Come già fatto finora, possiamo generare file di test dalla nostra applicazione core e trasmetterli a Raiffeisen per la verifica. Anche il nostro partner di distribuzione IT può caricare file di test sulla Banca test Raiffeisen e in pochi secondi riceve automaticamente una risposta qualificata.

     

    A. T. L.: Quale consiglio darebbe a un'altra PMI?

    I. S.: Occupatevi del passaggio alla fattura QR per tempo! È importante non avere paura delle novità. Noi ad esempio abbiamo subito introdotto l'eBill non appena è arrivata sul mercato. L'innovazione è possibile anche a piccoli passi, evitando così di ritrovarsi a dover affrontare sfide eccessive.

     

    La Cassa malati Birchmeier

    Ida Staffelbach, Cassa malati Birchmeier
    Ida Staffelbach, Cassa malati Birchmeier

    La Cassa malati Birchmeier è stata fondata nel 1882 a Künten ed è organizzata come associazione. I 5'600 assicurati del Cantone Argovia sono al contempo anche soci e partecipano alle decisioni in occasione dell'Assemblea generale annuale. Nella PMI radicata a livello regionale lavorano otto collaboratori. Ida Staffelbach lavora nell'azienda da 20 anni ed è responsabile della contabilità.

    www.kkbirchmeier.ch