Il pacchetto associazioni – L'offerta giusta per la vostra associazione

Informazioni sulla relazione bancaria Cliente associazione

Stampa

Da quale momento un'associazione può aprire un conto bancario presso Raiffeisen?

Un'associazione può avviare una relazione bancaria in presenza di statuti e quando l'assemblea societaria ha nominato il consiglio direttivo.

Ai sensi dell'art. 60 cpv. 1 CC le associazioni conseguono la personalità tosto che la volontà di costruire una corporazione risulti dagli statuti. Inoltre, il capoverso 2 indica che gli statuti devono essere stesi in forma scritta e contenere le necessarie disposizioni circa il fine, i mezzi e gli organi dell'associazione.

 

Quali documenti sono necessari per l'apertura del conto?

Per l'apertura del conto la vostra Banca Raiffeisen necessita degli statuti dell'associazione e di un verbale dell'ultima assemblea dell'associazione sottoscritto dal/dalla presidente e dal segretario/dalla segretaria. Se l'associazione è appena stata fondata si richiede il verbale dell'assemblea costitutiva, nel quale sia riportato chi è stato eletto nel consiglio direttivo. Se l'associazione è iscritta nel registro di commercio, per l'apertura è necessario l'estratto del registro di commercio.

Si consiglia ai membri del consiglio direttivo che intendono aprire il conto per la loro associazione di portare con sé un valido documento di identificazione.

 

Chi può firmare e svolgere azioni giuridicamente valide a nome dell'associazione?

In assenza di iscrizione nel registro di commercio, in linea di principio ogni membro del consiglio direttivo è avente diritto di firma, salvo laddove diversamente indicato all'interno degli statuti. In caso di speciale regolamentazione, potete creare un documento contenente detta regolamentazione e farlo firmare dal/dalla presidente e dal segretario/dalla segretaria. Può trattarsi anche di un estratto del verbale di una seduta dell'associazione.

 

I membri dell'associazione sono responsabili per gli impegni finanziari?

In linea di massima, solamente il patrimonio dell'associazione risponde degli impegni finanziari, salvo laddove diversamente previsto dagli statuti.

 

Come bisogna procedere in caso di sostituzione del/della tesoriere o di tutto il consiglio direttivo?

Se la sostituzione riguarda unicamente il / la tesoriere, sono necessarie soltanto le firme del/della presidente e del segretario/della segretaria. La banca acquisirà il verbale dell'assemblea dell'associazione o della seduta del consiglio direttivo nel corso della quale è stata deliberata la sostituzione.

In caso di sostituzione generale del consiglio direttivo viene ridefinita l'intera regolamentazione delle firme; ciò significa che, analogamente a quanto avviene all'apertura del conto, è necessario il verbale o l'estratto del registro di commercio. Il segretario o la segretaria uscente deve sottoscrivere il verbale nel quale è riportata la nuova composizione del consiglio direttivo.

 

Chi può disdire il conto?

Il conto può essere disdetto in qualsiasi momento da parte delle persone aventi diritto di firma. Se non solo viene disdetto il conto, ma si procede allo scioglimento dell'intera associazione, la legge prescrive che sia presentata la delibera dell'assemblea dell'associazione. Se l'associazione è insolvente oppure se il consiglio direttivo non può più essere nominato secondo gli statuti, l'associazione viene sciolta per legge. Se l'associazione è iscritta nel registro di commercio, il consiglio direttivo o il tribunale devono richiedere, conformemente all'art. 79 CC, la cancellazione dell'iscrizione.