Affari politici

Capitale di partecipazione per Raiffeisen

global.content.print

Le Camere concedono a Raiffeisen l'assunzione di capitale di partecipazione

Le votazioni finali odierne delle due Camere federali mettono la parola fine a una vicenda inerente la politica dei mercati finanziari iniziata nel 2014, con una sentenza del tribunale federale. Quattro anni dopo, grazie alla modifica della legge sulle banche, si accorda a Raiffeisen la possibilità di introdurre capitale di partecipazione.

Martedì scorso, il Consiglio nazionale aveva già approvato le modifiche degli art. 11 e 14 della legge sulle banche, eliminando pertanto anche le ultime differenze tra Consiglio nazionale e Consiglio degli Stati presenti nel progetto LSF/LIFin.

In seguito alla decisione del tribunale federale che aveva negato a Raiffeisen l'emissione di buoni di partecipazione, nel 2015 venne depositata una mozione al Consiglio nazionale e al Consiglio di Stato che incaricava il Consiglio federale di consentire alle banche cooperative la creazione di buoni di partecipazione. 

Quattro anni dopo Raiffeisen è riuscita a conseguire il proprio obiettivo. Ora resta solo da aspettare il termine di referendum di 100 giorni, dopodiché la legge sulle banche verrà integrata con un nuovo articolo sul capitale di partecipazione delle banche cooperative.