Affari politici

Legge sulla protezione dei dati

Stampa

Raiffeisen sostiene la revisione della Legge sulla protezione dei dati e l'entrata in materia sul progetto. Il progetto di legge del Consiglio federale presenta tuttavia dei punti che Raiffeisen, di concerto con l'ASB, critica nell'ambito della procedura di consultazione.

 

Visti i rapidi sviluppi in ambito tecnologico, la Legge sulla protezione dei dati è ormai obsoleta e necessita di una revisione radicale. Questa revisione è iniziata già in dicembre 2016. Sulla base del nuovo Regolamento generale sulla protezione dei dati (GDPR) dell'UE, entrato in vigore il 25 maggio 2018, la revisione è stata rinviata tenendo presente la legislazione europea e ora viene realizzata in due fasi. 

Nella prima fase è stato attuato un primo adeguamento necessario al GDPR europeo, che regola il trattamento dei dati personali relativamente alla cooperazione giudiziaria in area Schengen in casi penali. Queste modifiche non hanno dato adito a contestazioni in Parlamento e sono in vigore dal 1° marzo 2019.

La seconda fase riguarda la revisione completa della Legge sulla protezione dei dati. Gli elementi chiave della revisione completa sono:

  • maggiore trasparenza per i soggetti privati
  • maggiore indipendenza dei responsabili della protezione dei dati
  • considerazione adeguata del GDPR

 

Troverete ulteriori informazioni sulla posizione e sull'impegno di Raiffeisen qui: Revisione della Legge sulla protezione dei dati (PDF, 157.3KB) (in tedesco)