Fattura QR

Le implicazioni per le aziende

Stampa

Il 30 giugno 2020 in tutta la Svizzera verrà effettuato il passaggio alla nuova fattura QR. Ma che cosa significa concretamente questo passaggio per gli imprenditori e quali sono le implicazioni? Daniel Hollenstein risponde alle principali domande in merito al passaggio alla fattura QR.

 

Intervista a Daniel Hollenstein

Quale Responsabile Prodotti & Operations Clientela aziendale presso Raiffeisen Svizzera, Daniel Hollenstein è responsabile anche della Distribuzione traffico dei pagamenti. Laureato in economia aziendale (HWV), ha svolto diversi corsi di perfezionamento, conseguendo fra l'altro un «Master of Advanced Studies in Finance» all'Università di Berna.

 

Signor Hollenstein, il 30 giugno 2020 la Svizzera passerà alla fattura QR. A quando il passaggio effettivo degli imprenditori alla fattura QR?

Daniel Hollenstein: È difficile dare una risposta generale a questa domanda. È un dato di fatto che, a partire dalla data di introduzione della fattura QR, ogni azienda le troverà nella cassetta delle lettere. A seconda di come gestisce la contabilità creditori, l'imprenditore deve orientare i propri processi, software ed eventualmente anche l'hardware (piattaforme di scansione) in base alla fattura QR. Altrimenti non potrà saldare le fatture in arrivo.

 

Significa dunque che gli imprenditori dovrebbero occuparsi già oggi del passaggio alla fattura QR? 

D.H.: Sì! Il nostro consiglio è di occuparsene quanto prima. Grazie allo stesso nostro consiglio alla nostra clientela aziendale in merito al passaggio a ISO 20022 tutti sono stati in grado di effettuare per tempo la migrazione. Affinché le aziende siano pronte anche per il passaggio alla fattura QR il 30 giugno 2020, consigliamo di parlarne oggi stesso con il proprio partner IT. Solo così potranno sapere esattamente quali provvedimenti devono prendere e pianificare adeguatamente le risorse aziendali. 

 

Bisogna aspettarsi che, a causa del passaggio alla fattura QR, il 2020 sarà un anno stressante per le aziende svizzere? 

D.H.: Se si prendono già sin d'ora contatti con il partner IT per pianificare l'impostazione degli aggiornamenti del software, l'introduzione si svolgerà senza problemi di tempi stretti e con successo. Più si rimanda la questione, più i fornitori del software saranno sotto pressione. Nel peggiore dei casi rimangono solo pochi giorni e i principali partner chiave sono occupati altrove. Per i collaboratori, i fornitori e l'azienda stessa, questa situazione può senz'altro comportare un inutile stress. 

 

Quali sono le conseguenze per le aziende che non effettuano per tempo il passaggio? 

D.H.: Effettuando il passaggio con ritardo non sarà possibile saldare le fatture se i pagamenti vengono elaborati tramite software. Bisognerà ricorrere a faticosi workaround, con conseguente maggior dispendio di tempo. 

L'imprenditore può continuare a emettere le fatture come finora, poiché non è ancora stata fissata una data di scadenza per l'uso dei giustificativi attuali (rossi/arancioni). Va tuttavia considerato che non ci si potrà avvalere dei vantaggi della fattura QR nella fatturazione e nell'elaborazione dei pagamenti in entrata. Di conseguenza è opportuno effettuare il passaggio alla fattura QR contemporaneamente anche per queste operazioni.

 

In che modo Raiffeisen aiuta i suoi clienti a passare alla fattura QR? 

D.H.: Raiffeisen supporta i clienti soprattutto fornendo informazioni in merito alla fattura QR. I nostri consulenti sono formati per rispondere alle domande e alle richieste dei clienti in merito. Nel quarto trimestre 2019 tutti i clienti con una base PVR riceveranno una comunicazione scritta con il nuovo IBAN QR. Il nuovo IBAN servirà per emettere le fatture con fattura QR e riferimento. 

Inoltre, offriamo informazioni complete sull'introduzione della fattura QR e gli strumenti di supporto necessari, come ad esempio una lista di controllo (PDF, 120KB) per il passaggio alla fattura QR, le FAQ (PDF, 76.7KB), informazioni sulle caratteristiche di una fattura QR, nonché la Banca test Raiffeisen, solo per citarne alcuni.

I clienti Raiffeisen beneficiano inoltre già ora di condizioni preferenziali per acquistare il lettore ottico «PayEye» Edition Raiffeisen, che legge i codici QR con un semplice clic.

 

A questo punto, qual è il primo passo concreto che gli imprenditori devono compiere per effettuare il passaggio senza problemi? 

D.H.: È molto semplice: prendere il telefono, contattare il partner IT e chiedergli quando può installare un aggiornamento del software per la fattura QR. I produttori di software possono verificare i codici QR creati dal loro software attraverso il portale di validazione di SIX .

Come supporto, i partner IT hanno a disposizione la nostra Banca test Raiffeisen . La Banca test serve in primo luogo per verificare l'entrata dei pagamenti mediante messaggio camt da una fattura QR.

Come prosegue l'armonizzazione nel traffico dei pagamenti, dopo l'introduzione della fattura QR?

D.H.: Si sta lavorando sistematicamente già sin d'ora all'ulteriore sviluppo di eBill, con cui è possibile eseguire una procedura di pagamento interamente digitalizzata e senza disomogeneità dei media. In particolare nel settore clientela aziendale si realizzeranno miglioramenti e nuove offerte.

 

Signor Hollenstein, in conclusione ha ancora un consiglio da dare ai clienti aziendali di Raiffeisen? 

D.H.: Desidero incoraggiare tutti gli imprenditori a interessarsi al più presto del passaggio alla fattura QR. Diversamente dal passaggio al formato di pagamento standardizzato ISO 20022, i vantaggi della fattura QR sono evidenti e immediati sia per le piccole imprese sia per i grandi gruppi.