Gestione patrimoniale: più trasparenza, meno sforzo

Portfolio Manager Report

Nonostante la guerra commerciale, il caos della «Brexit», i disordini a Hong Kong e un rallentamento della crescita economica, ricorderemo il 2019 come uno dei migliori anni d'investimento. Tutte le classi d'investimento hanno ottenuto rendimenti positivi. Ancora una volta gli investitori possono ringraziare le banche centrali.

Podcast 4° trimestre 2019

 

Messaggi chiave

Messagi chiave
  • Maggiore crescita del patrimonio per tutti i mandati di gestione patrimoniale Raiffeisen
  • In ragione del perdurante stato di emergenza degli investimenti e della politica monetaria espansiva delle banche centrali, continuerà l'afflusso di denaro nelle classi d'investimento «a rischio».
  • Nel 2020 ci aspettiamo un ritorno della volatilità. Fondamentali rimangono un'ampia diversificazione e una gestione attiva delle classi d'investimento.

  

Performance

Fonti: Bloomberg, Raiffeisen Svizzera

Fonti: Bloomberg, Raiffeisen Svizzera

 

Retrospettiva

I clienti con un mandato di gestione patrimoniale Raiffeisen possono rallegrarsi per una crescita elevata del patrimonio. Nonostante i rischi geopolitici e l'indebolimento della congiuntura globale, i mercati finanziari hanno registrato un andamento estremamente solido. 

Persino con le obbligazioni – che si trattasse di titoli di stato sicuri o di titoli del segmento ad alto rendimento – quest'anno siamo riusciti a ottenere una performance di tutto riguardo per i nostri clienti. I motivi principali di questo andamento così soddisfacente vanno individuati nel cambiamento di rotta a livello di politica monetaria delle banche centrali e nello stato di emergenza degli investimenti a ciò connesso. Da quando, ad agosto, abbiamo diminuito notevolmente per i nostri clienti le obbligazioni ai massimi livelli annuali, manteniamo una quota ridotta di obbligazioni. 

I mercati azionari hanno avuto un andamento positivo per tutto l'anno, registrando percentuali a due cifre in termini di aumenti dei corsi, laddove le azioni svizzere si sono posizionate tra i migliori. Anche nel 4° trimestre manteniamo una quota azionaria neutrale. 

In riferimento all'allocazione dei Paesi abbiamo optato per un orientamento più ciclico. Vediamo un miglioramento delle prospettive per le azioni europee e le preferiamo rispetto alle azioni giapponesi che abbiamo venduto realizzando un guadagno. 

Anche gli investimenti alternativi come i fondi immobiliari, le materie prime e l'oro hanno brillato nel corso dell'intero anno. Fin da agosto manteniamo la forte sovraponderazione dei fondi immobiliari svizzeri. Finché i tassi rimarranno a un livello basso, i prezzi dei fondi immobiliari dovrebbero rimanere ben supportati.

 

Prospettive

La politica monetaria rimarrà espansiva fino a nuovo avviso. Da parte della Banca centrale europea e della Banca nazionale svizzera non ci aspettiamo alcun aumento dei tassi ancora per lungo tempo. Sui mercati permane quindi l'effetto favorevole della politica monetaria. Accanto al conflitto commerciale ancora irrisolto, nel corso del prossimo anno gli investitori osserveranno con attenzione le elezioni presidenziali statunitensi. Ciò dovrebbe influenzare pesantemente i mercati a partire dall'estate e causare un temporaneo clima di incertezza. 

Verso la fine del 2019 gli indicatori congiunturali hanno ritrovato una certa stabilità. Riteniamo che anche nel 2020 i tassi di crescita continueranno a muoversi intorno a un livello piuttosto basso. Analogamente, anche per gli utili aziendali non ci aspettiamo grandi balzi in avanti. Dopo il solido anno d'investimento 2019 le aspettative sui rendimenti per il 2020 dovrebbero essere ritoccate leggermente al ribasso. 

In ragione del perdurante stato di emergenza degli investimenti e della politica monetaria espansiva delle banche centrali, continuerà tuttavia l'afflusso di denaro nelle classi d'investimento «a rischio». Tra queste troviamo le azioni e gli investimenti immobiliari, ma anche i metalli preziosi. 

Nel 2020 ci aspettiamo un netto aumento della volatilità. In tale contesto acquistano grande importanza un'allocazione patrimoniale tattica attiva e la selezione dei singoli investimenti. È tuttavia anche chiaro che l'anno d'investimento 2020 oltre ai rischi succitati offrirà svariate opportunità. Il nostro compito è quello di sfruttare queste opportunità a vantaggio dei nostri clienti nell'ambito dei mandati di gestione patrimoniale.

Podcast 3° trimestre 2019

Podcast 2° trimestre 2019

Podcast 1° trimestre 2019