Consigli sulla successione

Le insidie della successione in famiglia

Stampa

La successione aziendale più carica di emotività è quella che avviene all'interno di una famiglia. Non solo per l'imprenditore stesso, ma anche per il suo ambiente. Per questo il consulente dell'RCI Thomas Zimmermann suggerisce di parlare apertamente con la famiglia anche dei tabù.
 

Thomas Zimmermann, Responsabile del RCI di Aarau Ovest

Thomas Zimmermann, Responsabile del RCI di Aarau Ovest

Elisabetta Antonelli: Quali sono i più frequenti punti critici nel caso di una successione in famiglia?

Thomas Zimmermann: Vi sono problemi soprattutto quando non si discute apertamente dei temi spinosi. Nel caso di una cessione interna alla famiglia, vanno affrontate anche le questioni spiacevoli. L'imprenditore deve sapere cosa vuole e formulare in modo chiaro le sue aspettative. E poi vi sono i desideri delle parti coinvolte. Difficile dal punto di vista emotivo è ad esempio il caso in cui un figlio ha la formazione adeguata e non vuole acquisire l'azienda. Anche la correttezza è importante: se alcuni membri della famiglia vengono penalizzati, vi saranno dei contrasti. Ad esempio, non si può semplicemente regalare qualcosa a qualcuno e ignorare i fratelli. Non va bene in nessun caso.

 

E. A.: Che cosa si dovrebbe fare se il proprio figlio non possiede la qualifica necessaria per la successione?

T. Z.: Essere sinceri e affrontare il tema. Nella maggior parte dei casi è difficile farlo all'interno della famiglia. Noi consigliamo la cosiddetta «dichiarazione delle aspettative» in un ambiente neutrale. Recentemente è venuto da noi all'RCI un padre convinto che suo figlio non potesse acquisire l'azienda. Insieme abbiamo trovato un compromesso e abbiamo mandato il figlio a un assessment. In tale occasione è emerso che il figlio era perfettamente in grado di condurre l'azienda. Il padre era raggiante. Prima il tema era un tabù.

 

E. A.: Come si fa a parlare dei temi spinosi all'interno della famiglia?

T. Z.: Vi sono imprenditori che riescono a farlo in modo istintivo, ad esempio quando sono a tavola con la famiglia. Quelli che non sono così abili in questi frangenti dovrebbero venire da noi all'RCI. La dichiarazione delle aspettative richiede da tre a quattro ore. Innanzitutto allestiamo un'agenda e scriviamo quello che è successo finora. Poi definiamo l'obiettivo. Solo in una fase successiva parliamo di successione e chiediamo agli interessati: come vedete il vostro ruolo? Il vostro futuro? Quali sono i vostri obiettivi personali? E così prende il via la discussione. Per le famiglie spesso è un processo carico di emozioni – ma dopo la discussione tutti sono più leggeri.

 

E. A.: I figli a volte si sentono sotto pressione?

T. Z.: Sì, moltissimo. Noi interveniamo e facciamo domande fino a quando non lo dicono. Ad esempio, vi è il titolare per il quale è chiaro che a 65 anni passerà la palla a suo figlio. In quel caso noi vogliamo sapere: gli hai chiesto se lo vuole veramente? La risposta spesso è vaga. Una persona esterna, che ponga anche le domande spiacevoli, è di aiuto in questi casi. La sincerità è la cosa più importante. Solo in questo modo si giunge a una soluzione che vada bene per tutti.

 

E. A.: Da quando si dovrebbe parlare di successione in famiglia?

T. Z.: Non vi sono regole precise – ma non deve essere troppo tardi. Per esperienza sappiamo che un tale processo può durare tranquillamente dai cinque ai dieci anni.

Thomas Zimmermann, Responsabile del RCI di Aarau Ovest
Thomas Zimmermann, Responsabile del RCI di Aarau Ovest

Metalcostruttore qualificato, ha guidato la propria azienda per 20 anni. Poi, nell'ambito di una soluzione di successione, nel 2015 l'ha ceduta ai suoi collaboratori. Oggi è il Responsabile del Raiffeisen Centro Imprenditoriale (RCI) di Aarau Ovest.