Il sistema previdenziale svizzero

La sfida del sistema previdenziale svizzero

Il cambiamento demografico, un mercato del lavoro mutevole e le esigenze moderne riguardo lo stile di vita porranno, nei prossimi anni, il sistema previdenziale svizzero di fronte a grandi sfide. Dove si colloca attualmente la Svizzera nel confronto internazionale, come possono far fronte adeguatamente alle sfide future le istituzioni e gli stipulanti e quali opportunità può portare il cambiamento: queste le grandi questioni che la consulente strategica Monika Biehle affronta con competenza.

Un colloquio tecnico con Monika Biehle, consulente di lunga data e di grande esperienza a livello internazionale, su questioni relative alle casse pensioni svizzere.

Colloquio tecnico con l'esperta di pensioni Monika Biehle

Colloquio tecnico con l'esperta di pensioni Monika Biehle

Monika Biehle: Quanto è sano il nostro sistema previdenziale?

Con i suoi tre pilastri, il sistema previdenziale svizzero offre un buon mix tra finanziamento a ripartizione (AVS), sistema di capitalizzazione (cassa pensioni) e risparmio individuale (pilastro 3a). Ciò crea le condizioni per affrontare le sfide di un'aspettativa di vita in costante aumento, di costanti tassi d'interesse bassi e di oneri finanziari crescenti dovuti agli sviluppi demografici. Non sorprende quindi che il sistema previdenziale svizzero abbia ottenuto buoni risultati nel confronto internazionale e si classifichi all'8º posto1 del Melbourne Mercer Global Pension Index 2017. Tuttavia, il sistema deve essere assistito e deve affrontare le sfide attraverso le riforme per non trovarsi in difficoltà.

 

1È la decima volta che il Melbourne Mercer Global Pension Index viene stilato dall'azienda di consulenza Mercer in collaborazione con l'Australian Centre for Financial Studies. In totale vengono valutati 30 Paesi; nel 2016 la Svizzera occupava ancora il 6º posto.

M. B.: Quali ulteriori sviluppi prevede nei prossimi anni per l'AVS e la cassa pensioni?

Dopo il voto fallimentare sulla previdenza per la vecchiaia 2020 nell'anno 2017, si è verificata una situazione di stallo. La votazione ha dimostrato quanto diverse siano le posizioni sulle questioni in sospeso in merito alla previdenza per la vecchiaia. Con l'aumento dell'aspettativa di vita e quindi della durata di versamento, l'età pensionabile non deve essere un argomento tabù. Ci ammaliamo meno, invecchiamo di più e in futuro non potremo evitare di lavorare più a lungo. A questo si aggiunge lo sviluppo demografico, che è particolarmente evidente nel primo pilastro del finanziamento a ripartizione.

M. B.: L'AVS funzionerà anche per la prossima generazione? E, in caso affermativo, come cambia l'equilibrio?

Al momento dell'introduzione dell'AVS, ciascun beneficiario di rendita di vecchiaia era compensato da 6.5 contribuenti (indice di dipendenza di 15.4). Nel 2010 erano appena 3.5 (indice di dipendenza di 28.4) e se le statistiche sono esatte, nel 2040 i beneficiari di rendita saranno quasi un terzo, dieci anni dopo persino più di un terzo del gruppo di popolazione di età superiore ai 20 anni (2040 47.6/2050 52.2). In pratica, vorrebbe dire che per ogni due contribuenti ci sarà un beneficiario di rendita2. Un influsso da non sottovalutare è quello dato dallo sviluppo del tasso di occupazione, vale a dire l'entità della quota dei lavoratori sulla popolazione complessiva. Ad esempio, a quanto ammonterà in futuro la quota di donne che lavorano? Oltretutto, il nostro mercato del lavoro sta cambiando. Fino a pochi anni fa era ancora consuetudine percepire un reddito per tutta la vita lavorativa. Oggi invece non sono rari i periodi di pausa per corsi di perfezionamento, viaggi o obblighi familiari della durata di diversi mesi o addirittura anni. Anche in questo settore dobbiamo rendere il sistema più flessibile, pur consentendo un'adeguata previdenza per la vecchiaia. 

L'invecchiamento della società sta mettendo l'AVS in difficoltà. A fronte delle entrate dell'AVS, pari a circa CHF 44.4 miliardi nel 2017, le uscite ammontavano a CHF 43.3 miliardi. Tuttavia, gli assicurati e i datori di lavoro hanno versato solo un contributo di CHF 31.1 miliardi. La Confederazione e i ricavi provenienti dall'imposta sul valore aggiunto e dai casinò ammontavano a circa CHF 19.5 miliardi, quindi quasi al 44% delle entrate1. A questi si sono aggiunti redditi da capitale per circa CHF 2 miliardi.

Dal 2014 il risultato di ripartizione, quindi le entrate senza redditi da capitale, gli accrediti di interessi dell'AI e delle variazioni di capitale, è negativo e nel 2017 ammontava a circa CHF 1 miliardo. L'UFAS parte dal presupposto che dal 2020 il sistema attuale non sarà più in grado di coprire il fabbisogno finanziario supplementare. I fattori decisivi saranno l'evoluzione dei cambiamenti strutturali in Svizzera, il tasso di occupazione e l'entità dell'immigrazione di collaboratori stranieri. Gli esperti concordano tuttavia sul fatto che l'AVS ha bisogno di nuove fonti di finanziamento per poter continuare a far fronte ai propri obblighi anche tra 30 anni.

 

1Fonte: Situazione finanziaria UFAS e prospettive dell'AVS

2Fonte: Rapporto tra gruppo di popolazione di età superiore a 64/65 anni e gruppo di popolazione di età compresa tra 20 e 63/64 anni, Ufficio federale di statistica, 15.6.2018

M. B.: Quale misura è necessaria affinché il compito dell'AVS venga garantito anche tra 30 anni?

Per poter affrontare le sfide, una sola misura non sarà sufficiente. Ciò che occorre è un insieme di adeguamenti, ognuno dei quali apporti il proprio contributo a un sistema previdenziale stabile e sicuro, anche in futuro. Tuttavia, il voto dall'anno 2017 sulla previdenza per la vecchiaia 2020 dell'anno 2017 ha dimostrato che è necessaria un'attenta valutazione dei diversi interessi e un bilanciamento delle misure per attuare questo obiettivo a livello politico. Tutte le parti devono però essere consapevoli del fatto che sono necessari sacrifici da entrambe le parti per mantenere il sistema in equilibrio. Solo in questo modo tutti noi alla fine potremo trarne profitto e goderci una terza età serena e sicura.

M. B.: Le casse pensioni di tutta la Svizzera stanno riducendo i propri tassi di conversione. Tra 30 anni avremo ancora una pensione?

Il calo dei tassi di conversione è legato, da un lato, all'aumento dell'aspettativa di vita e, dall'altro, ai bassi tassi d'interesse. Entrambi i fattori hanno un effetto negativo sul tasso alla base di una rendita vitalizia. Un tasso di conversione tecnicamente «corretto» per un uomo di 65 anni con un tasso d'interesse tecnico del 2% è attualmente del 5% circa1. I fattori decisivi per il futuro saranno quindi quanto a lungo lavoreremo, come si evolverà a lungo termine la situazione reddituale delle casse pensioni, quanto decideremo di accantonare in futuro per la previdenza per la vecchiaia e quanto flessibile sarà la sua struttura.

 

1LPP 2015, 2%, tavola periodica, 5.2%; tavole generazionali 4.88%; tenendo conto di una rendita per superstiti pari al 60% della rendita di vecchiaia

M. B.: Ritiene che la responsabilità della previdenza per la vecchiaia spetti allo Stato o all'economia privata?

Il sistema svizzero richiede un'interazione dinamica dei diversi pilastri, che sono sostenuti e plasmati da un lato dallo Stato e dall'altro dai lavoratori e dai datori di lavoro. Con la LPP e i relativi incentivi fiscali, lo Stato ha creato le condizioni quadro per il funzionamento del secondo pilastro. Tuttavia, la maggior parte dei datori di lavoro svizzeri versa alla cassa pensioni molto di più dei soli contributi prescritti dalla legge.

Per quanto auspicabili possano essere la trasparenza e la regolamentazione, ciò non deve comportare un continuo aumento dei costi del secondo pilastro rendendo sempre più difficile, o addirittura impossibile, la gestione di casse pensioni nel sistema di milizia e con una gestione paritaria di lavoratori e datori di lavoro. Uno dei maggiori punti di forza del secondo pilastro è la flessibilità e la possibilità di adeguare sia il piano di previdenza con prestazioni e contributi che la politica d'investimento e la gestione delle esigenze della singola azienda e dei suoi collaboratori. Con regolamenti sempre più frequenti e complessi, ci stiamo giocando questo vantaggio.

M. B.: Che potenziale offre oggi il terzo pilastro?

Soprattutto per quanto riguarda lo sviluppo a medio e lungo termine, è sensato contemplare anche il terzo pilastro. Si tratta di un'utile aggiunta ai primi due pilastri e può essere adattato alle esigenze individuali del singolo. Inoltre, scegliendo soluzioni d'investimento adeguate, è possibile costituire una previdenza su misura in base alla propensione e alle possibilità di rischio individuali, che durante anni positivi per gli investimenti possono apportare ricavi significativi alle prestazioni di vecchiaia future.

Desiderate gettare oggi le basi per il vostro futuro finanziariamente sicuro – con una strategia previdenziale ritagliata sui vostri sogni e sulle vostre esigenze personali?

 

 

Altri argomenti che potrebbero interessarvi