Interviste e resoconti delle esperienze sul tema successione aziendale

Dieci consigli per l'acquisizione d'azienda e per la successione aziendale

Stampa

Come possono i subentranti finanziare l'acquisto dell'azienda? Quali sono gli accertamenti necessari in caso di successione? Leggete i nostri dieci consigli!

 

I quattro più importanti suggerimenti per la successione aziendale

Consultate per tempo il consulente in materia di successione
Rivolgetevi per tempo a consulenti che conoscano bene le regolamentazioni in fatto di successione. Dal primo contatto con il venditore fino alla sottoscrizione del contratto e alla gestione del prezzo di acquisto, nella maggior parte dei casi trascorrono dai tre ai sei mesi.
Scegliete una persona di fiducia
Durante la successione l'interazione con il Consulente Clientela aziendale è molto intensa. Scegliete qualcuno che abbia esperienza e sia interessato alla vostra azienda.
Consegnate alla vostra Banca i documenti giusti
Presentate alla Banca i documenti giusti per l'esame del credito: business plan, chiusure degli ultimi tre anni, cifre economiche interne, pianificazione finanziaria quinquennale. Inoltre, valutazione dell'azienda, bozza del contratto di compravendita, curriculum e dichiarazione fiscale dell'acquirente.
Fornite garanzie bancarie per il finanziamento della successione
Le garanzie sono richieste per i finanziamenti delle successioni. La Banca fa costituire in pegno le azioni della società operativa e della holding di acquisizione; a seconda della configurazione si ha un potenziamento mediante una polizza per il rischio di decesso e/o una fideiussione solidale personale.

 

I sei più importanti suggerimenti per l'acquisizione aziendale

Mettete a disposizione fondi propri sufficienti
Accertatevi di disporre di sufficienti fondi propri. Secondo una regola empirica, il subentrante deve apportare almeno il 25 per cento del prezzo di vendita in fondi propri. Spesso una parte del prezzo di acquisto (p.es. il 20 per cento) diventa un prestito del venditore postergato per potenziare i fondi propri.
Documentate la sostenibilità del finanziamento
Documentate la sostenibilità del finanziamento. Il Consulente Clientela aziendale valuta la sostenibilità del finanziamento sulla base della pianificazione presentata e dei proventi realizzati nel passato. La durata del credito per i finanziamenti di acquisizione va in genere dai cinque a un massimo di sette anni.
Il futuro cash flow libero è sufficientemente stabile?
Se la valutazione del futuro della società da acquisire risulta positiva, non potete far altro che accettare l'affare. Inoltre, non deve risultare alcun accumulo di fabbisogno di investimento, vale a dire bisogna partire dal presupposto che in futuro vi siano cash flow liberi possibilmente stabili.

Cos'è il cash flow libero?
Il cash flow libero è l'importo che resta liquido dopo i necessari investimenti, al fine di sostenere gli interessi e gli ammortamenti del capitale di terzi e le distribuzioni agli investitori nel capitale sociale.
Provvedete a un passaggio ordinato dell'attività
Assicuratevi che il passaggio dell'attività avvenga in modo ordinato, in quanto dopo l'acquisto inizia il lavoro vero! Nel caso ideale potete indurre il venditore a lavorare ancora per tre mesi in azienda, affinché vi presenti a clienti e fornitori e vi introduca ai processi.
Garantite il reporting per l'acquisizione aziendale
Non dimenticate il reporting! In caso di cessioni la Banca richiede per lo più un reporting dettagliato, ossia il rendiconto dell'andamento trimestrale o semestrale degli affari. Il contatto tra la Banca e i subentranti è molto stretto anche dopo l'acquisizione.
Pianificate in modo realistico la crescita dell'azienda
Calcolate la crescita dell'azienda acquisita in modo realistico. Infatti, i cash flow liberi realizzati vengono utilizzati soprattutto per ammortare il finanziamento dell'acquisizione, per cui resta disponibile una quantità di fondi nettamente inferiore per investimenti e innovazioni. Ciononostante ci sono sempre opportunità di crescita: presso la Stewi AG, ad esempio, è in corso un'espansione all'estero e l'ampliamento della base clienti in Svizzera.