L'economia in tempo di crisi: Ecco le domande che devono affrontare gli imprenditori

4 domande e risposte: Come le PMI possono crescere dalla crisi

Stampa

Il mio modello aziendale è davvero orientato al futuro e resistente alle crisi? Oggi è essenziale porsi questi quesiti. Qui di seguito trovate le risposte a queste domande.

Crescere dalla crisi

Pensare in base a scenari aiuta a prepararsi e ad adattarsi a situazioni di mercato in rapida evoluzione.

Domanda 1: «Ho ampliato sul breve termine il mio modello aziendale e desidero ora potenziare i nuovi canali e mercati. Ma per farlo devo investire. Questo è il momento sbagliato?»

No, al contrario. Questo è proprio il momento adatto per guardare al futuro e analizzare con spirito critico il vostro modello aziendale: Quali sono i settori che rendono? Quali nuovi prodotti, mercati e segmenti di clientela potrebbero rafforzare sul lungo termine la posizione concorrenziale dell´impresa? Investite adesso in idee innovative e nuove tecnologie. L'economia e il mondo del lavoro mutano rapidamente; occorre quindi anticipare il futuro e plasmarlo attivamente. Sfruttate l'attuale rallentamento delle attività quotidiane anche per riflettere sulla possibilità di operare modifiche strutturali e organizzative.

 

Domanda 2: «Ho bisogno di ulteriori fondi per investimenti urgentemente necessari nonché per creare e ampliare i miei canali di vendita digitali. Posso ottenere un credito in questo senso da Raiffeisen?» 

Saremo lieti di supportarla, previo esame del credito positivo. Un'alternativa sensata all'acquisto di beni d'investimento potrebbe essere la stipula di un leasing. In tal modo preservate la vostra liquidità pur utilizzando fi n da subito i beni di cui avete necessità.

 

Domanda 3: «Come rendo la mia attività più resistente alla crisi?»

Guardate al futuro e ipotizzate diversi scenari. Includete anche ciò che sembra impossibile. Pensare in scenari aiuta a prepararsi o adeguarsi rapidamente ai cambiamenti sul mercato. La digitalizzazione sempre in aumento nei mercati di sbocco crea un ulteriore canale di distribuzione in un periodo caratterizzato dalla distanza fisica. Potete quindi offrire servizi a distanze maggiori e rendervi più indipendenti dagli sviluppi del mercato.

 

«Pensare in scenari fornisce slancio e orientamento verso la ‹nuova normalità›.»

Matthias Weibel, Direttore RCI

 

Domanda 4: «In un periodo con lavoro ridotto, indebitamento, disposizioni giuridiche e mancanza di forza lavoro specializzata, cosa mi può infondere coraggio?» 

Pare proprio che le PMI svizzere ogni 5-10 anni debbano subire una «cura da cavallo»: crisi finanziaria, shock dell'euro, e adesso coronavirus. Non è scontato uscire raff orzati da tali crisi. Ma sappiamo che per le imprese industriali svizzere il cosiddetto mondo VUCA – volatilità (Volatility), incertezza (Uncertainty), complessità (Complexity) e ambiguità (Ambiguity) – non è niente di nuovo. Nel confronto internazionale si distinguono già oggi per un'efficienza straordinariamente elevata e una grande forza di innovazione. Una situazione che infonde speranza. Allo stesso tempo abbiamo uno stato in buona salute che ha reagito rapidamente e ha tentato di attenuare le conseguenze delle massicce limitazioni a tutela della salute tramite misure economiche immediate.

3 Suggerimenti: Crescere

  1. Verifi cate: quali nuovi canali di distribuzione e prodotti nati nel lockdown possono continuare a creare valore aggiunto?
  2. Mantenete visibilità: sfruttate tutti i canali di comunicazione vecchi e nuovi.
  3. Soprattutto adesso: sviluppate ulteriormente il vostro modello aziendale e investite in idee e tecnologie innovative rendendovi più resistenti.