La sostenibilità viene vissuta nelle PMI svizzere

«La protezione dell'ambiente è nel DANN die dirigenti di PMI»

global.content.print

Misure per la protezione del clima e per l'efficienza delle risorse sono diventate un fattore di successo per le PMI. Il direttore dell'Unione svizzera delle arti e dei mestieri Hans Ulrich Bigler rilascia una buona pagella alle PMI svizzere.

Le discussioni riguardo l'esistenza o meno del cambiamento climatico, agli occhi del membro del Consiglio nazionale PLR Hans Ulrich Bigler (59), non portano da nessuna parte: «Vediamo tutti come i ghiacciai si sciolgono e le temperature aumentano». Il cambiamento climatico è in pieno svolgimento ed è innegabile. Il Direttore dell'Unione svizzera delle arti e dei mestieri (usam) è però convinto che i cambiamenti climatici offrano anche opportunità per l'economia. Ad esempio oggi la Svizzera è leader a livello mondiale nella tecnologia ambientale.

Intervista a Hans Ulrich Bigler

Hans Ulrich Bigler, Direttore dell'Unione svizzera delle arti e dei mestieri (usam)

Hans Ulrich Bigler è direttore dell'Unione svizzera delle arti e dei mestieri (usam) a Berna dal 1° luglio 2008.

In tutta sincerità, signor Bigler: la protezione del clima non è una priorità nell'agenda della maggior parte delle PMI. Se ne accorge anche lei, no?

Hans Ulrich Bigler: Avete un'idea. Non è così. Sicuramente gli imprenditori hanno anche altri temi importanti. Conosco numerose aziende che sono molto impegnate e per cui l'ecologia è molto importante. Molti si preoccupano del clima e riflettono: qual è il mio contributo e con quali prodotti posso sfruttare la mia occasione? Io sottolineo sempre: la nostra economia svizzera è già verde.

 

Tuttavia, vi sono ancora alcuni ostacoli per un'economia verde: sprechi amministrativi, spese, necessità immediate, altri problemi e molto altro.

Il problema più grande è una concezione errata da parte del legislatore. La Svizzera ha una quota così piccola nella produzione mondiale di CO2 che la riduzione di CO2 dell'economia nel Paese costa dieci volte di più rispetto all'estero. Perciò deve esserci una modifica legislativa che renda di nuovo possibile una compensazione di CO2 all'estero, anche perché noi là possiamo raggiungere un effetto molto più grande.

 

Molti dirigenti economici sono dell'avviso che l'integrazione di obiettivi sociali ed ecologici nella gestione delle imprese eserciti un effetto negativo sul profitto.

Ad esempio i dirigenti economici argomentano che devono fare rapporto trimestralmente e giustificare i corsi di borsa. Le nostre PMI hanno un punto di vista totalmente diverso: spesso vengono gestite da famiglie per generazioni. Considerando questo, si pensa a non gravare troppo sulla prossima generazione. Le nostre PMI non si impegnano solo in questioni ambientali, i dirigenti si assumono responsabilità nella società o nelle associazioni.

 

La preoccupazione per le questioni ambientali non è però ugualmente elevata in tutti i settori.

È vero. Alla fine però tutti devono assumersi la responsabilità per ambiente e società. 

 

Come sta l'economia svizzera rispetto a quella estera?

Molto bene. Ha dato prova che partecipa, se la politica offre i giusti incentivi. L'economia aveva avuto l'ordine dalla Confederazione di ridurre la produzione di CO2 del 20 % entro il 2012. Il risultato effettivo raggiunto è stato del 35 %. Fino al 2020 la produzione verrà ulteriormente ridotta del 10 %: abbiamo già raggiunto oggi questa percentuale.

 

Questo mostra che se l'imprenditore può risparmiare sulle spese con misure ambientali, allora dà questo contributo.

Esattamente. Perciò invito la politica a creare incentivi orientati all'economia di mercato e a lasciar lavorare l'economia, invece che volerla pianificare con regolamentazioni e imposte.

 

Il principe Max del Liechtenstein una volta ha detto: a lungo termine le aziende possono fiorire solo in una società sana e devono contribuire a conservare il nostro ambiente. Si trova d'accordo?

Totalmente. Le nostre PMI sono di esempio per questo da decenni. Fanno però anche molto di più: alleggeriscono per esempio la cassa di disoccupazione integrando giovani nel mercato del lavoro. I dirigenti delle PMI si impegnano anche nel pubblico: siedono nei consigli comunali, organizzano feste o assumono importanti incarichi tra i vigili del fuoco o nei consigli parrocchiali. Un impegno così variegato è scolpito da moltissimo nel DNA dei dirigenti delle PMI.

 

Le PMI non sono solo impegnate, ma anche radicate a livello locale.

Qui tratta un punto importante: il capitale delle PMI. Ottengono la fiducia tramite la vicinanza. Le PMI lo dimostrano: economia e società sono un'unica cosa.

 

Nel percorso verso un'economia più verde, le PMI hanno una posizione di partenza migliore rispetto alle imprese quotate in borsa: non sono obbligate al profitto veloce e a buoni risultati a breve termine.

Non farei alcuna distinzione tra grandi e piccole, quotate in borsa e non quotate in borsa. Alla fine io sono un sostenitore dell'economia di mercato.

 

Protezione del clima ed efficienza energetica: caricano o alleggeriscono le PMI?

Con l'Agenzia dell'energia per l'economia le alleggeriamo. Lo Stato ha però la tendenza a regolamentare troppo e con la tariffazione della compensazione di CO2 graviamo sull'economia.

 

Cosa pesa di più?

Il carico. I vincoli statali ci frenano. Non ci permettono di raggiungere l'obiettivo politico ambientale così velocemente come sarebbe possibile. Stato e politica dovrebbero piuttosto pensare a come potrebbero offrire ancora più incentivi all'economia per risparmiare energia e ridurre le emissioni di CO2.

 

Perché questo accade troppo poco?

Perché nell'amministrazione regna l'inviolata credenza nella propria competenza di regolamentazione. Il controllo statale non è però la soluzione ai veri problemi. Le cifre parlano chiaramente.

 

Dati relativi alla persona

Hans Ulrich Bigler, direttore dell'associazione commerciale
Hans Ulrich Bigler, direttore dell'associazione commerciale

Hans Ulrich Bigler è direttore dell'Unione svizzera delle arti e dei mestieri (usam) a Berna dal 1° luglio 2008. Il numero uno dell'economia delle PMI, in qualità di maggiore organizzazione ombrello dell'economia svizzera, rappresenta 250 organizzazioni membri e circa 300'000 imprese. Prima dell'entrata in carica presso usam, Hans Ulrich Bigler è stato per undici anni direttore dell'associazione degli imprenditori dell'industria svizzera delle arti grafiche Viscom. Infine è stato per due anni direttore dell'associazione degli imprenditori dell'industria metalmeccanica svizzera Swissmem. Ulrich Bigler si augura più fiducia nella disponibilità ad agire dell'economia, nella riduzione dei costi della regolamentazione non necessari e in maggiori incentivi orientati all'economia di mercato nella politica ambientale e climatica.