Interviste e resoconti di esperienze

Davanti a quali sfide si trovano le aziende che effettuano il passaggio a ISO 20022?

Stampa

Il 30 giugno 2018 il traffico dei pagamenti in Svizzera passerà al nuovo sistema. Proffix Software AG e SelectLine Software AG rientrano tra quei fornitori di software che hanno adeguato precocemente i propri sistemi alla norma ISO 20022 consentendo così ai propri clienti di attuare una tempestiva migrazione.

Nell'intervista, Remo Kalberer e Kevin Matanovic dispensano consigli a tutte quelle imprese che non hanno ancora avviato il progetto.

 

Raiffeisen: La Svizzera attuerà a breve il passaggio al nuovo traffico dei pagamenti. La cosa riguarda tutti. Quali sono le dimensioni delle imprese che utilizzano prevalentemente il vostro software?

Remo Kalberer (Proffix): Il nostro software è concepito per le PMI dei settori più disparati con un massimo di 50 utenti. La nostra base cliente conta attualmente oltre 3'000 aziende.

Kevin Matanovic (SelectLine): Da noi il range è un po' più ampio. Serviamo una clientela aziendale con dimensioni che variano da uno a 100 utenti. Attualmente sono circa 18'500 le aziende che lavorano con SelectLine.

 

Quanti dei vostri clienti hanno già attuato il passaggio del traffico dei pagamenti a ISO 20022?

K. Matanovic: Purtroppo non siamo in grado di dirlo con esattezza poiché l'effettivo passaggio si svolge tramite i nostri partner, quindi ditte terze. Ciò che possiamo affermare con certezza è che: tutti questi partner stanno attualmente lavorando alacremente alla realizzazione di aggiornamenti e all'introduzione del nuovo standard di pagamento.

R. Kalberer: Neanche noi abbiamo cifre concrete riguardo alle conversioni già attuate. Poiché non siamo in possesso di dati riguardo alle interfacce utilizzate dai nostri clienti, non sappiamo quali di loro hanno già effettuato la conversione.

 

Tuttavia, questo significa anche che la responsabilità di attivarsi spetta al 100 percento ai clienti stessi. Quali sono i lavori preliminari che dovrebbero attuare prima di contattarvi?

R. Kalberer: A mio parere è utile confrontarsi prima con il consulente della banca. Dato che di norma la Banca è già in contatto con il fornitore di software, il cliente può aggiornarsi allo stato più recente. Per essere preparati alla migrazione a ISO 20022 è poi indispensabile scaricare la versione più recente del software del rispettivo fornitore. È ovviamente un vantaggio se il fornitore di software si è attivato in anticipo. Noi, ad esempio, abbiamo iniziato ad occuparci del tema ISO 20022 già nel 2009.

K. Matanovic: Sono assolutamente d'accordo che sia per le imprese clienti che per i fornitori di software sia di fondamentale importanza essere preparati per tempo alla conversione. A tutti coloro che non l'hanno ancora fatto consiglio una cosa sola: iniziate subito. I dati base, ad esempio, devono essere adeguati ai nuovi standard prima della migrazione, per esempio registrando sistematicamente solo numeri di conto IBAN.

 

Quali sfide e incognite potrebbe celare il processo?

R. Kalberer: Di norma le conversioni TP sono fattibili senza grandi problemi nell'arco da uno a tre mesi. Se un'impresa dovesse tuttavia intrattenere relazioni d'affari con più banche, che presentano tra loro stati di avanzamento molto diversi nella conversione, il processo subisce automaticamente dei ritardi. Le imprese che leggono quest'intervista e desiderano ancora aspettare dovrebbero prenderne atto.

K. Matanovic: Lo stesso vale, del resto, per le imprese che utilizzano più software che devono essere convertiti tutti. Anche in questo caso le imprese sono condizionate dai rispettivi tempi di conversione. Le società di software che in questo momento devono ancora far fronte alla conversione dell'intero traffico dei pagamenti, si troveranno probabilmente a dover lottare contro il tempo. Il giorno di riferimento è il 30 giugno 2018. Ci siamo quasi.

 

In che misura la conversione TP si differenzia nelle aziende piccole e grandi per quanto attiene alle modifiche concrete?

K. Matanovic: Per le imprese più grandi presenti nella nostra base cliente, rivestono un'importanza centrale temi quali i trasferimenti con filetransfer automatico, la sincronizzazione automatica dei movimenti di conto o una contabilizzazione automatica nella contabilità finanziaria. In queste imprese ISO 20022 andrà a sostituire prevalentemente l'ordine di pagamento elettronico (EZAG) di Postfinance nonché la procedura di scambio dei supporti dati (DTA) delle banche e a impostare un nuovo sistema di addebitamento diretto. Anch'io ritengo che una tempistica realistica per la conversione sia un periodo da uno a tre mesi.

R. Kalberer: Le aziende che non hanno collegato la propria contabilità al sistema bancario continueranno anche in futuro a utilizzare i trasferimenti manuali nell'e-banking e le polizze di versamento. Per loro il contesto della conversione a ISO 20022 subirà poche modifiche. La sostituzione del vecchio numero di conto con l'IBAN e delle polizze di versamento con la nuova fattura QR rappresentano i cambiamenti più sostanziali.

 

Azzardate una previsione: quante delle aziende da voi assistite avranno realisticamente attuato la conversione del traffico dei pagamenti al giorno di riferimento del 30 giugno 2018?

R. Kalberer: Spero tutte. Sarebbe infatti un vero peccato se a partire dalla seconda metà del 2018 determinati clienti fossero di nuovo costretti a elaborare le loro fatture e ad espletare l'intero traffico dei pagamenti faticosamente a mano.

K. Matanovic: Ci impegneremo a fondo affinché la maggior parte delle aziende ce la facciano entro il giorno di riferimento e continueremo anche dopo ad attuare una comunicazione attiva. Tuttavia non azzarderei una previsione concreta.

Kevin Matanovic, SelectLine Software AG
Kevin Matanovic, SelectLine Software AG

Matanovic Kevin - Selectline Software AG

Dal 2015 Kevin Matanovic (25) è Product Manager presso la SelectLine Software AG e prima aveva conseguito, dopo una maturità professionale, il Bachelor in Business Administration presso la Scuola universitaria professionale di San Gallo. Ha iniziato la sua carriera professionale alcuni anni fa con un tirocinio come impiegato di commercio presso l'assicurazione cantonale per stabili del Canton San Gallo.

www.selectline.ch

Remo Kalberer, PROFFIX AG
Remo Kalberer, PROFFIX AG

Remo Kalberer, PROFFIX AG

Remo Kalberer (51) lavora dal 2010 presso la PROFFIX Software AG, dove nel marzo 2017 ha assunto la guida del Product Management. Con una formazione come laboratorista in fisica, dal 1984 lavora nel settore ICT e si interessa molto per temi come l'Enterprise-Resource-Planning (ERP) e tutte le nuove tecnologie.

www.proffix.net

Stewi AG

Come si è svolto il passaggio nella pratica presso altre imprese?

Leggete qui la storia di successo di Stewi AG, come la PMI ha convertito il proprio software degli anni '80 a ISO 20022. Inoltre, Stewi AG ora può approfittare di interessanti vantaggi. Quali sono? Scoprire subito di più.