Newsflash – Pianificazione finanziaria e successoria

Decesso in concubinato: nella copertura pensare anche alle imposte

Stampa

La forma di vita del concubinato non è più così inusuale come in passato. Se 20 anni fa la quota di tutte le coppie conviventi non sposate era pari solamente al 4 %, nel 2000 ammontava in media già all'11 %. E la tendenza al concubinato continua a crescere (fonte: Ufficio federale di statistica). Ecco perché la copertura finanziaria (ad esempio in caso di proprietà di abitazione in comune), ma anche gli aspetti contrattuali, successori e fiscali diventano sempre più importanti nella consulenza.

Edizione 11/2018 – Newsflash Pianificazione finanziaria e successoria


Le prestazioni che un superstite riceve dal sistema a 3 pilastri in Svizzera in caso di decesso del proprio partner concubino dipendono da diversi fattori. La previdenza libera (pilastro 3b) offre il margine più ampio per tutelarsi reciprocamente come coppia in concubinato.

 

Prestazioni in caso di decesso per il partner concubino nel sistema previdenziale svizzero

  Partner in concubinato Raffronto:
coniugi, partner registrati
AVS (1° pilastro) Nessuna rendita per vedove/i
Rendita per orfani in caso di figli in comune
Rendita per vedove/i
Rendita per orfani
LPP (2° pilastro) Nessuna prestazione legale a favore del partner.
L'eventuale diritto a percepire una rendita partner di vita
o un capitale di decesso deve essere verificato nel
regolamento della Cassa pensioni.
Rendita per vedove/i
Rendita per orfani
Prestazione in capitale
Previdenza privata (3° pilastro):
  • 3a: beneficio possibile a determinate
            condizioni
  • 3b: scelta libera
  • 3a: beneficio possbile
  • 3b: scelta libera

Specialmente in caso di acquisto congiunto di un'abitazione primaria, il venir meno improvviso di una parte del reddito può avere conseguenze importanti sulla sostenibilità per il partner concubino superstite, come dimostra il caso seguente:

Daniel R. realizza insieme alla sua partner in concubinato, Anna S., il suo sogno di un'abitazione di proprietà. Daniel R. lavora a tempo pieno. Anna S. ha un lavoro a tempo parziale e in più si occupa della casa. Il reddito comune disponibile permette di garantire la sostenibilità finanziaria dei costi annui ricorrenti dell'immobile.

Poche settimane dopo l'acquisto dell'abitazione Daniel R. muore per un infarto. Poiché Anna S., quale partner in concubinato, non ha diritto a una rendita per vedove dal 1° pilastro (AVS), dal nuovo calcolo della sostenibilità emerge un quadro preoccupante: con il solo reddito della sua attività a tempo parziale non sarà più in grado di sostenere l'abitazione da sola. Anna S. ha due possibilità:

  1. Vendere l'abitazione, dal momento che la sostenibilità non è più garantita.
  2. Cercare altre fonti di reddito per poter rimanere nell'abitazione.

Per fortuna, Daniel R. e Anna S. avevano stipulato un'assicurazione in caso di decesso su due teste, in cui si erano nominati reciprocamente beneficiari. La cassa pensioni di Daniel R. prevede inoltre un capitale di decesso per partner in concubinato. Con il capitale dell'assicurazione in caso di decesso e della cassa pensioni Anna S. riesce a rimborsare una parte del debito ipotecario. Contestualmente aumenta il suo grado di occupazione. Grazie a queste due misure la sostenibilità finanziaria è di nuovo garantita e Anna S. può rimanere nell'abitazione.

 

Quali imposte deve mettere in conto il partner concubino superstite?

Pagamento di capitali in caso di decesso da un'assicurazione di rischio e dalla cassa pensioni

Confederazione e Cantoni impongono le prestazioni derivanti dalle assicurazioni in caso di decesso senza valore di riscatto (pilastro 3a e 3b) e le prestazioni in capitale provenienti dalla cassa pensioni (2° pilastro) a un'aliquota speciale (tasso previdenziale, LIFD art. 38) e separatamente dagli altri redditi. Ciò significa che l'imposizione viene effettuata separatamente dall'imposta ordinaria. In questo modo si impedisce che queste entrate previdenziali straordinarie determinino l'imposizione del reddito annuo regolare a un livello di progressione più elevato. Anche le prestazioni della previdenza privata per la vecchiaia, pilastro 3a, vengono tassate come descritto sopra.

Se invece dell'assicurazione in caso di decesso fosse stata stipulata un'assicurazione con costituzione di capitale, è determinante ai fini della tassazione se l'assicurazione sia stata stipulata nell'ambito del pilastro 3a (previdenza vincolata) o del pilastro 3b (previdenza libera).

 

Pilastro 3a

Il prelevamento in caso di decesso è imposto, come nell'assicurazione di rischio, separatamente dagli altri redditi a un'aliquota speciale (tasso previdenziale, LIFD art. 38).

Nota: se vi sono figli, in relazione alla designazione come beneficiario nel pilastro 3a va ricordato che il partner in concubinato può essere designato beneficiario insieme ai figli. In caso di assenza di discendenti, è possibile la designazione come unico beneficiario.

 

Pilastro 3b

La prestazione in caso di decesso è soggetta all'imposta sulle successioni e donazioni. L'ammontare dell’imposta per partner in concubinato dipende dalla legislazione cantonale. Non esiste una regola generale. La seguente panoramica illustra come la questione viene trattata nei diversi cantoni: La Confederazione non riscuote imposte né sulle donazioni né sulle successioni.
 

Quelle: www.konkubinat.ch / Bürgi Nägeli Rechtsanwälte, Zürich Bitte Unterschiede Kanton und/oder Gemeinde beachten.
Cantone Tipo di imposizione fiscale per partner in concubinato
AG, AR, BS, BE, FR, GL, JU, LU,NE Aliquota ridotta
AI, GE, SG, SH, SO, TG, TI, VD, VS Tassazione come persone non imparentate
BL Quota esente da imposta + aliquota ridotta
ZH Quota esente da imposta
GR, NW, OW, SZ, UR, ZG Esenzione fiscale



Fonte: www.konkubinat.ch/Bürgi Nägeli Rechtsanwälte (studio di avvocati), Zurigo
Si prega di prendere in considerazione le particolarità cantonali e/o comunali.

Per poter pagare le imposte dovute in caso di decesso del partner in concubinato, occorre assolutamente fare in modo che vi siano mezzi finanziari sufficienti. Al momento della determinazione dell'importo del capitale di decesso di un'assicurazione di puro rischio, è anche possibile prevedere nel calcolo una riserva per le imposte. In questo modo si evitano spiacevoli sorprese.

 

Altri punti da considerare nel concubinato:

  • 2° pilastro/LPP: se è stato effettuato un prelievo anticipato dalla cassa pensioni per il finanziamento di un’abitazione di proprietà, per gli eredi sussiste un obbligo di rimborso qualora nel caso di decesso dell'assicurato non siano previste prestazioni previdenziali (rendita per vedove/i, rendita al partner di vita, rendita per orfani, capitale di decesso)
  • Imposizione fiscale prevista sulle successioni
  • Diritto successorio: in assenza di una regolamentazione individuale il partner concubino non percepisce nulla. Occorre rispettare le porzioni legittime degli eredi legittimi (genitori risp. figli del defunto). Nota: l'assicurazione in caso di decesso non viola le porzioni legittime, poiché non ha alcun valore di riscatto.

Informazioni dettagliate sono disponibili nel Promemoria Concubinato (PDF, 71.4KB)

 

Il concubinato richiede una regolamentazione individuale a causa della mancanza di basi legali.
I consulenti alla clientela della vostra Banca Raiffeisen, insieme ad un'ampia rete di specialisti, sono volentieri a vostra disposizione per un colloquio.