Momenti previdenziali: Anche gli assi dello sci pensano alla previdenza

«Nelle gare il tempo è contro di me. Nella previdenza invece gioca a mio favore».

Rinunciare? Un concetto che non esiste nel vocabolario di Andrea Ellenberger. Anche dopo infortuni, dolori e operazioni non ha mai smesso di credere in se stessa. Ecco come ha costruito un ritorno a dir poco incredibile, coniugando carriera e sicurezza.

Lottare per il proprio sogno

La carriera sportiva di Ellenberger è stata tutt'altro che lineare: già a 13 anni ha dovuto subire il primo infortunio. Lesioni al ginocchio e la frattura di una vertebra lombare l'hanno poi continuamente costretta a fermarsi. Nonostante i dolori, fino all'inizio del 2014 è riuscita a partecipare a quattro gare di Coppa del Mondo. Ma poi ha subito un altro duro colpo: nel 2017 si è dovuta sottoporre a un intervento per la rimozione di un disco intervertebrale e il rafforzamento di due vertebre.

Ma la giovane atleta non ha voluto arrendersi e ha ricominciato ad allenarsi. Ed è stata ricompensata: nell'autunno 2018 è stata nuovamente convocata per la Coppa del Mondo, classificandosi al 22° posto nella sua 4ª gara dopo il rientro. Un mese dopo è poi arrivata a un soffio dalla top ten. E la sua favola non era ancora finita: poco tempo dopo Ellenberger è stata convocata per i Campionati Mondiali di sci ad Are, dove ha vinto una medaglia d'oro nella gara a squadre e ottenuto un 10° posto nello slalom gigante.

   

I consigli per la previdenza di Andrea Ellenberger: Pianificare gli imprevisti 

Ellenberger riesce a vedere un lato positivo anche nella sfortuna dei suoi infortuni: le ha mostrato molto presto che la vita può avere delle svolte inaspettate. Per lei è stato quindi ancora più importante garantirsi una copertura sin dalla giovane età: con una formazione a distanza, ma anche occupandosi per tempo della questione previdenza, come svela nell'intervista.

 

Avete già trovato la strategia previdenziale più adatta a voi?

Abbiamo raccolto per voi i consigli principali per la vostra previdenza privata, in modo che i vostri obiettivi per il domani diventino più tangibili già oggi!

  

Rapido check della previdenza

«Non è necessario versare da subito l'importo massimo», precisa. Per scegliere la sua strategia si è affidata da un lato alla consulenza della sua filiale Raiffeisen, dall'altro al parere dei suoi genitori.

Iniziare presto

Iniziare presto

Andrea Ellenberger si è informata sulla previdenza già durante gli studi, mostrando un'esemplare lungimiranza. Vale anche la pena iniziare già a versare piccoli importi, ad esempio con un piano di risparmio in fondi.

Scegliere una strategia adatta all'età

Protezione aggiuntiva dai rischi 

Per essere tuttavia sicuri di raggiungere gli ambiziosi obiettivi previdenziali, una copertura degli obiettivi di risparmio può costituire un'interessante opzione aggiuntiva. In tal modo si garantisce il versamento massimo nel pilastro 3a con 60 centesimi al giorno.

Protezione aggiuntiva dai rischi

Scegliere una strategia adatta all'età

Come ha correttamente osservato Andrea Ellenberger, il futuro è difficile da prevedere. Al fine di garantirsi il raggiungimento degli obiettivi previdenziali fissati, un'interessante opzione aggiuntiva potrebbe essere quella di una copertura degli obiettivi di risparmio sotto forma di assicurazione.

Quanto siete pronti per il futuro?

Nella scelta della sua strategia previdenziale, da una parte si è fatta consigliare dai consulenti della sua filiale Raiffeisen, dall'altra dai suoi genitori. Non affidatevi solo al destino e prendete in mano il vostro futuro: parlate con noi delle vostre possibilità in materia previdenziale.