Chi eredita quanto?

Revisione del diritto di successione

Stampa

Il nostro attuale diritto successorio ha più di cento anni. Nasce in un'epoca in cui il matrimonio tra uomo e donna era la norma, il divorzio l'eccezione e altri tipi di convivenza tra partner erano malvisti. 

 

Retrospettiva e situazione attuale

Dall'entrata in vigore nel 1912, il diritto successorio ha subito soltanto modifiche di poco conto. Ora il Consiglio federale vuole quindi modernizzarlo e tenere conto degli sviluppi della società: il 4 marzo 2016 ha inviato le sue proposte di riforma nell'ambito della consultazione sull'avanprogetto.

Come punto centrale, è stata proposta la riduzione delle quote delle porzioni legittime, in modo che in futuro il testatore possa disporre più liberamente del proprio patrimonio dal punto di vista testamentario. Tra l'altro, è previsto anche che in determinate condizioni il diritto del coniuge alla porzione legittima venga a cessare, qualora l'altro coniuge muoia nel corso della procedura di divorzio. Il 28 agosto 2018 il Consiglio federale ha approvato il progetto e il relativo messaggio da sottoporre al Parlamento. Il Consiglio degli Stati ne ha discusso nella sessione autunnale del 2019.

 

Riduzione delle porzioni legittime previste dalla legge

L'obiettivo della revisione è la riduzione delle quote delle porzioni legittime. Cosa significa questo in concreto e cosa cambierà in futuro? Ciò verrà illustrato di seguito sulla base di un esempio.

 

Cosa significa «porzione legittima»?

La successione legale determina le modalità di divisione dell'eredità nel caso in cui il defunto non abbia fornito alcuna disposizione a causa di morte. La ripartizione dell'eredità e l'entità delle singole quote dipende da quali sono i parenti superstiti del defunto. Alcuni parenti hanno inoltre diritto a una quota minima dell'eredità, la porzione legittima. Gli eredi con diritto a una porzione legittima sono il coniuge e i figli del defunto o – se il testatore non lascia discendenti – i genitori. Dalla differenza tra le quote ereditarie legali e le porzioni legittime risulta la quota liberamente disponibile, che potete lasciare in eredità secondo i vostri desideri con una disposizione a causa di morte.

 

Panoramica quote ereditarie legali e porzioni legittime secondo il diritto vigente

 

Gli eredi sono Quota
ereditaria legale
Porzione legittima della
successione 
complessiva

Quota liberamente disponibile

Discendenti

Intera eredità

3/4 1/4
Entrambi i genitori ciascuno 1/2 = 1 1/2 1/2
Coniuge 1 1/2 1/2
Coniuge
Discendenti
1/2
1/2
2/8
3/8
3/8

Esempio: il testatore lascia un coniuge, due figli e i suoi genitori

Se il testatore muore senza aver mai redatto una disposizione a causa di morte, l'eredità verrà divisa come segue:

  • poiché il testatore aveva due figli, i genitori non hanno alcun diritto all'eredità o alla porzione legittima.
  • Quindi non ricevono nulla. Entrambi i figli, dovendo dividere la successione con il coniuge superstite, hanno un diritto per legge all'eredità di un quarto (1/4) della successione ciascuno. Hanno una porzione legittima di tre quarti (3/4), cioè ricevono ciascuno tre sedicesimi (3/16) della successione.
  • Secondo la legge, il coniuge superstite riceve la metà della successione (1/2). Ha inoltre una porzione legittima della metà (1/2), cioè un diritto alla porzione legittima nel complesso di un quarto (1/4). La quota disponibile ammonta di conseguenza a tre ottavi (3/8).

 

In che modo i cambiamenti pianificati influenzano il nostro esempio?

Secondo disegno di legge e messaggio, il diritto alla porzione legittima dei genitori del testatore viene ora completamente eliminato. Inoltre, la porzione legittima dei figli verrà ridotta da tre quarti (3/4) a un mezzo (1/2). Il Consiglio federale propone inoltre che la porzione legittima del coniuge superstite attualmente in vigore venga mantenuta alla metà (1/2). Per motivi di completezza, va menzionato che il diritto alla porzione legittima di un coniuge superstite non potrà più essere rivendicato se l'altro coniuge decede durante una procedura di divorzio. 

Per il nostro esempio, queste novità significherebbero quanto segue:

  • i genitori del testatore non riceverebbero comunque nulla.
  • Ciascuno dei due figli avrebbe ancora un diritto legale su un quarto dell'eredità (1/4). Tuttavia, la porzione legittima per figlio ammonterebbe solo a un ottavo (1/8) ciascuno.
  • I diritti del coniuge non cambierebbero affatto. La quota ereditaria legale continuerebbe ad essere un mezzo (1/2) e la porzione legittima un quarto (1/4).
  • La quota liberamente disponibile sarebbe quindi un mezzo (1/2). Questa quota liberamente disponibile, che è di un ottavo (1/8) più grande, dà al testatore un maggiore margine di manovra nella strutturazione della sua disposizione in caso di morte.

Perdita della porzione legittima durante una procedura di divorzio

In conformità alla legge vigente, il reciproco diritto dei coniugi alla porzione legittima cessa solo una volta che il divorzio è esecutivo. Questo vale anche per le unioni domestiche registrate. Ciò significa che il partner superstite conserva il diritto all'eredità e alla porzione legittima anche se l'altro partner muore durante la procedura di divorzio. Con la revisione adesso si prevede che il partner perda il diritto alla porzione legittima se al momento del decesso dell'altro partner viene soddisfatta una delle due condizioni seguenti:

  • il divorzio/scioglimento è stato avviato su richiesta di entrambi i partner;
  • un'azione di divorzio è stata convertita in divorzio su richiesta congiunta;
  • i partner vivono separati da almeno due anni.

Tuttavia, fino a quando il divorzio non sarà formalmente esecutivo, il partner superstite ha ancora diritto alla sua quota ereditaria legittima, a condizione che il testatore non l'abbia ritirata per mezzo di un testamento.