Pianificazione della successione – i punti chiave in un colpo d'occhio

Quali 12 cose deve fare prima della dipartita

Stampa

Chi pensa per tempo all'ultima fase della vita, alla morte e alle conseguenze, può semplificare notevolmente le cose ai propri parenti. I seguenti 12 consigli aiutano a prendere le giuste decisioni per se stessi e i propri cari.

 

Testamento

In un testamento potete stabilire chi deve ricevere quali oggetti e quale parte di patrimonio dell'eredità. Nel far ciò occorre tener presente le porzioni legittime. Perché il testamento sia valido deve essere redatto a mano e provvisto di data e firma. Oppure fate sancire da atto pubblico presso un notaio il vostro testamento.

 

Acconto della quota ereditaria o donazione

Gli acconti della quota ereditaria, le donazioni oppure i prestiti sono una cosa bella, ma spesso scatenano confusioni e controversie sull'eredità, soprattutto se non sono stati stipulati patti chiari. Se un discendente riceve un acconto della quota ereditaria, dopo la morte del testatore dovrà fare computare questo importo sulla sua eredità e compensarlo nei confronti di fratelli e sorelle. Parlate quindi apertamente di questo tema con i vostri figli e mettete tutto per iscritto. Attenzione, però: consistenti liberalità mentre si è in vita possono avere conseguenze negative nel caso in cui il donatore abbia successivamente bisogno di assistenza. Vi consigliamo quindi di richiedere prima una consulenza.

 

Contratto successorio

Anche se a nessuno piace parlarne: un contratto matrimoniale aiutano a evitare i conflitti. Soprattutto quando la situazione familiare è complicata o se si vuole garantire ai superstiti la sicurezza finanziaria. Nel contratto successorio potete stabilire in modo vincolante insieme ai vostri eredi la futura divisione dell'eredità. Gli eredi con diritto alla porzione legittima possono rinunciare in parte o del tutto alla propria porzione legittima.

 

Assicurazione in caso di decesso

Per evitare ristrettezze economiche per il coniuge o il partner di vita si può stipulare un'assicurazione in caso di decesso. A seconda della soluzione assicurativa, la somma in caso di decesso fissata per contratto non deve essere divisa con gli altri eredi.

 

Assistenza ai minori

La decisione su chi si occupa dei minori in caso di decesso spetta all'autorità di protezione dei minori e degli adulti del domicilio dei minori. Proponendo tempestivamente per iscritto un tutore di vostra fiducia potete influire in misura rilevante sulla decisione. Allegate una copia dello scritto al libretto di famiglia/certificato di famiglia o al certificato di domicilio e una seconda copia consegnatela al tutore da voi scelto. L'autorità non è obbligata a rispettare le vostre richieste, ma deve tenerne conto se non vi saranno importanti motivi contrari.

 

Volontà relative al proprio funerale

Se avete idee ben precise su come vorreste il vostro funerale, potete lasciare per iscritto le vostre volontà.  Esse non rientrano però in un testamento; dovreste invece riportarle in un documento separato.

 

Documenti e password

Per i familiari è utile che mettiate i documenti importanti, i contratti, le informazioni relative ai conti bancari, le chiavi e le password in un luogo accessibile. Fate però attenzione che siano protetti dall'accesso di terzi.

 

Consegna di immobili in vita

Spesso quando si raggiunge una certa età purtroppo non rimane altro da fare che andare in una casa di cura. I costi sono alti e spesso per pagarli i proprietari di una casa sono costretti a venderla. Al fine di evitare questo si può legare in anticipo la casa ai discendenti, continuando però a viverci dentro.

 

Legato

Potete istituire un legato a favore di singole persone. Si possono legare determinati beni come gioielli, una somma di denaro o anche diritti, ad es. di abitazione.

 

Esecuzione testamentaria

Per attuare le ultime volontà, nel testamento o nel contratto successorio si può stabilire un esecutore testamentario. Egli è responsabile della corretta ripartizione della successione fra gli eredi. Un esecutore testamentario professionale funge inoltre da mediatore e può evitare liti fra gli eredi.

 

Mandato precauzionale

Nel caso in cui doveste perdere la vostra capacità di discernimento, con un mandato precauzionale potete incaricare una persona di fiducia della cura della persona e degli interessi patrimoniali nonché della relativa rappresentanza nelle relazioni giuridiche.

 

Direttive del paziente

In esse indicate trattamenti medici, misure di prolungamento della vita, donazione di organi o l'esonero dal segreto professionale medico, nel caso in cui non siate più in condizione di esprimere la vostra volontà, ad es. se siete in coma.