Il successo nelle attività con l'estero

«Alla dogana una buona preparazione è essenziale»

Stampa

La dogana è inflessibile: chi non ha con sé i documenti giusti, rischia che i propri beni d'esportazione rimangano bloccati al confine. Nell'intervista, Alfonso Orlando di Switzerland Global Enterprise (S-GE) dà alcuni consigli su come evitare difficoltà alla dogana.

 

Documenti doganali

Per il successo delle esportazioni, le aziende sono tenute a compilare correttamente i documenti necessari per il rispettivo paese di destinazione.

 

Quali sono i principali ostacoli doganali per le PMI svizzere?

Sono tenute a compilare i documenti corretti e necessari per l'esportazione e l'importazione nel paese di destinazione. Può essere un compito molto impegnativo, specialmente per le PMI meno esperte. I problemi alla dogana possono verificarsi ad esempio se un furgone carica le merci sbagliate dall'esportatore e le merci o la quantità non corrispondono alla dichiarazione di esportazione o allo sdoganamento all'importazione. Per il commercio internazionale servono sempre i documenti corretti.

 

Quali prodotti richiedono permessi speciali?

Se ad esempio si desidera esportare alimenti negli Stati Uniti, è necessario registrarsi presso la Food and Drug Administration (FDA). L'ente controlla il prodotto e se non è conforme alle direttive ne impedisce l'importazione. In questo caso, le aziende ricevono una panoramica degli adeguamenti necessari. Il catalogo può contare fino a cento pagine. Anche per esportare in Cina sono necessarie certificazioni speciali. I processi possono risultare lunghi e costosi, in particolare per prodotti per la salute, tecnologia medica o alimenti.

 

Cosa succede se manca un documento?

La merce non può essere consegnata, o soltanto in ritardo. Un esempio: chi esporta mangimi in Cina, necessita di uno speciale certificato veterinario. In mancanza del certificato, le merci non possono essere esportate e in alcuni casi finiscono per andare a male alla dogana. Peggio ancora, è possibile che la merce resti bloccata alla dogana o debba essere rispedita indietro. Anni fa un cliente ci ha contattati perché voleva importare delle setole di cinghiale per un autolavaggio in Svizzera. Il prodotto, però, è rimasto bloccato alla dogana perché non tutti i certificati erano disponibili.

 

Qual è il modo migliore di procedere?

Per prima cosa, chiediamo sempre al cliente se conosce la voce di tariffa delle dogane. Questa permette di consultare la banca dati doganale e identificare le autorizzazioni, i certificati e i documenti necessari per l'esportazione dalla Svizzera e l'importazione nel paese di destinazione.

 

Quando è il caso di rivolgersi a uno spedizioniere?

Molte aziende dispongono presso la propria sede delle competenze necessarie in fatto di esportazioni. Per le PMI che non esportano regolarmente può essere utile affidarsi a un fornitore di servizi di spedizione o logistica.

 

Chi risponde dei danni causati durante il trasporto?

Purtroppo accade quotidianamente. Se ad esempio gli alimenti rimangono bloccati e viene interrotta la catena del freddo, i costi possono essere elevati. La responsabilità tra acquirente e venditore è disciplinata dalle clausole Incoterms. Nel dubbio, conviene effettuare un chiarimento preventivo con l'assicurazione trasporti. 

 

Come si fa a risparmiare sui dazi?

È possibile mantenere ridotti i dazi per l'importatore sfruttando gli accordi di libero scambio in vigore, ma solo se si soddisfano i cosiddetti criteri d'origine e si forniscono le prove formali. L'azienda della Svizzera centrale Garaventa, ad esempio, ha risparmiato circa CHF 350'000 nell'esportazione di funicolari svizzere in Cina, perché grazie all'accordo di libero scambio il dazio d'importazione sull'infrastruttura della funicolare è stato ridotto dall'8 per cento all'1.6 per cento e i dazi d'importazione dei vagoni sono stati completamente eliminati.

 

Che tipo di supporto offre S-GE agli esportatori svizzeri?

Il nostro compito principale è fornire consulenza alle PMI orientate alle esportazioni in Svizzera e nel Liechtenstein. Siamo al loro fianco per questioni relative alle formalità di esportazione e mettiamo a loro disposizione banche dati e liste di controllo. Naturalmente siamo anche lieti di offrire una consulenza approfondita sui paesi o analisi di mercato e di assisterle durante l'ingresso in un mercato o nella ricerca di un partner commerciale adatto. Grazie al nostro mandato pubblico, alcuni dei nostri servizi sono gratuiti per i clienti.

 

Intervista: Anina Torrado Lara

 

3 consigli sulle esportazioni per le formalità doganali

  1. S-GE mette a disposizione dei pratici tool: individuate la voce di tariffa delle dogane su www.tares.ch e consultate tariffe doganali, formalità e regole d'origine per il vostro mercato target nella banca dati doganale
  2. Questo video spiega come funziona la dichiarazione doganale d'esportazione. La lista di controllo per chi inizia a esportare e il manuale «Accesso all'internazionalizzazione» indicano quali documenti richiede la dogana e come avere successo nell'internazionalizzazione.
  3. È possibile tutelarsi dai rischi dell'esportazione e prefinanziare le esportazioni. Contattate in tempo utile Raiffeisen per proporre un'offerta interessante ai vostri clienti esteri.

 

Informazioni personali su Alfonso Orlando

Alfonso Orlando, Head of ExportHelp presso Switzerland Global Enterprise (S-GE)
Alfonso Orlando, Head of ExportHelp presso Switzerland Global Enterprise (S-GE)

Alfonso Orlando lavora presso Switzerland Global Enterprise (S-GE) da 13 anni. S-GE promuove l'economia svizzera orientata all'esportazione su mandato della Confederazione. Nel ruolo di Head of ExportHelp, Alfonso Orlando, insieme al suo team, offre consulenza alle PMI della Svizzera e del Liechtenstein per tutte le questioni relative alle esportazioni. Swiss Business Hub e Trade Point aprono inoltre le porte a mercati locali in 27 mercati di destinazione.

 

www.s-ge.com