Garanzia bancaria

Verso una garanzia bancaria in 5 passi

Stampa

Semplificate  e consolidate le relazioni d'affari creando sicurezza e fiducia nei confronti dei vostri partner commerciali grazie alle garanzie bancarie. In soli cinque semplici passaggi ottenete la vostra garanzia bancaria.

1. Chiarimento delle esigenze nel primo colloquio con il cliente

Nel colloquio con il consulente alla clientela informate la Banca in merito all'operazione di base e alle vostre esigenze. Il fornitore vi chiede una garanzia di pagamento oppure un vostro cliente desidera eventualmente una garanzia di prestazione? Troviamo la soluzione adatta alla vostra situazione commerciale. Il vostro consulente alla clientela Raiffeisen sarà lieto di assistervi.

2. Chiarimenti interni su struttura e svolgimento

La vostra Banca Raiffeisen chiarisce internamente se è presente un limite di credito sufficiente o se si può accordare un limite di credito. Per le attività di export, l'Assicurazione svizzera contro i rischi delle esportazioni può eventualmente venire in aiuto con una controgaranzia per coprire la garanzia bancaria. Si definisce inoltre la struttura della garanzia bancaria.

 

3. Conferimento dell'ordine e firma del contratto

In caso di risposta positiva, conferite alla vostra Banca l'ordine per la creazione di una garanzia bancaria. Nell'ordine di garanzia si definiscono il tipo di garanzia, l'importo di garanzia, la durata e le informazioni sull'operazione di base.

 

4. Emissione dell'atto di garanzia

La Banca emette l'atto di garanzia, in cui si stabilisce anche quali condizioni devono essere soddisfatte per un pagamento, ad esempio come deve essere presentata la richiesta di pagamento da parte del beneficiario alla Banca. La Banca si impegna a pagare l'importo alla prima richiesta al beneficiario, se le condizioni sono soddisfatte.

 

5. Trasmissione dell'atto

La trasmissione dell'atto di garanzia può avvenire in due modi: la Banca lo invia al committente e quest'ultimo lo inoltra al proprio partner commerciale. La Banca, però, può anche inviare direttamente l'atto di garanzia al beneficiario. Questo avviene a seconda di quanto definito nell'ordine di garanzia.