Bonifico all'estero

Pagamento SEPA

Stampa

Nella nuova area di pagamento europea «SEPA» è possibile eseguire i pagamenti in euro in modo efficiente e conveniente. I pagamenti sono contabilizzati sul conto del beneficiario del pagamento entro un massimo di tre giorni lavorativi bancari a partire dall'esecuzione dell'ordine di pagamento. Le banche terze non sono autorizzate a effettuare detrazioni dall'importo del versamento. La banca del beneficiario riceve pertanto l'intero importo del versamento, ma può comunque addebitare delle tasse proprie per l'accredito.

 

Pagamento SEPA in sintesi

  • La SEPA o «Single Euro Payments Area» rappresenta una nuova area omogenea del traffico dei pagamenti per l'esecuzione di pagamenti. Quest'area comprende più paesi rispetto a quelli che hanno adottato l'euro come loro valuta.
  • La SEPA richiede nuovi mezzi di pagamento, regole e procedure unitari che devono essere osservati da tutti i membri SEPA. I formati dei dati si basano su standard internazionali (ISO 20022, XML).
  • La procedura di versamento SEPA è già possibile dall'inizio del 2008. Il sistema di addebitamento diretto SEPA è entrato in funzione a fine 2009. Sono previsti altri strumenti di pagamento SEPA.

 

Requisiti per un pagamento SEPA

La procedura di trasferimento SEPA, nota anche come «SEPA Credit Transfer», si basa su requisiti e regole rigidi. Solo se questi vengono rispettati, è possibile effettuare un pagamento in euro in forma di trasferimento SEPA. Un pagamento può essere eseguito come pagamento SEPA se sono rispettati i seguenti criteri:

  • Valuta del bonifico: euro
  • IBAN e nome/indirizzo del beneficiario del pagamento
  • IBAN e nome/indirizzo del committente del pagamento
  • BIC degli istituti finanziari (emittente e destinatario)
  • Conteggio di spese «Share» (SHA)
  • Gli istituti finanziari sono membri SEPA

Il termine di accettazione per l'esecuzione di pagamenti in euro secondo lo standard SEPA è fissato per le ore 07:00 del giorno di esecuzione.

 

Quali paesi europei aderiscono alla SEPA?

Attualmente hanno aderito alla SEPA 36 paesi. Si tratta dei 28 stati membri dell'Unione europea (inclusi i dipartimenti d'oltremare francesi, Guadalupa, Guyana Francese, Martinica, Riunione, le Isole Canarie appartenenti alla Spagna, nonché le exclave di Ceuta e Melilla, così come le isole portoghesi delle Azzorre e Madeira), i tre paesi SEE, Islanda, Liechtenstein e Norvegia. Ne fanno inoltre parte la Svizzera, Monaco, San Marino, il Principato di Andorra e lo Stato del Vaticano. Gli istituti finanziari di questi paesi possono decidere liberamente se aderire alla SEPA e quali prodotti intendono offrire.

 

Procedura di bonifico SEPA

La procedura di bonifico SEPA prevede che di regola gli accrediti avvengano solo sulla base dell'IBAN indicato nel bonifico, senza confronto di nome e indirizzo. La Banca Raiffeisen si riserva comunque il diritto di effettuare comunque tale confronto. Nel caso in cui la Banca Raiffeisen non possa accreditare un pagamento SEPA in entrata, la stessa è autorizzata a indicare un motivo del mancato accredito in sede di rinvio del pagamento.

 

Tasse SEPA

 

Area di pagamento

Valuta

Opzioni di spese

Corso

Durata

Costi

Pagamento bancario Europa (SEPA) Solo per pagamenti esteri nell'area di pagamento europea euro Solo ripartizione delle tasse Corso delle divise ca. 3 – 6 giorni, varia a seconda del paese e della banca CHF 0.20 per ogni pagamento
Pagamento bancario estero Per pagamenti esteri nell'intera area di pagamento Tutte Tutte le tasse sono a carico del committente, tutte le tasse sono a carico del beneficiario, ripartizione delle tasse Corso delle divise ca. 3 – 6 giorni, varia a seconda del paese e della banca A seconda dell'opzione tariffaria selezionata

Differenza tra un pagamento SEPA e un normale pagamento estero  

Contrariamente ai pagamenti SEPA, i normali pagamenti esteri possono essere utilizzati nell'intera area di pagamento. Va osservato che nei pagamenti bancari Europa (SEPA) viene sempre applicata una ripartizione delle spese. Questo significa che al destinatario non viene accreditato l'intero importo, perché gli vengono detratte le spese della sua banca.