Il programma «calore rinnovabile»

Il passaggio dai carburanti fossili a fonti energetiche locali e rinnovabili porta molti vantaggi per i proprietari di edifici, per le attività commerciali locali e per la natura. Il programma «calore rinnovabile» di SvizzeraEnergia offre ai proprietari di edifici tutto il sostegno di cui hanno bisogno al momento di sostituire gli impianti di riscaldamento. Raiffeisen è partner di cooperazione e integra il tema nella sua consulenza per la proprietà di abitazione.

Il funzionamento di un riscaldamento a energia rinnovabile è quasi sempre più economico di uno a combustibile fossile. Ciononostante, quando si tratta di sostituire l'impianto di riscaldamento meno della metà dei proprietari immobiliari privati e istituzionali prende in considerazione fonti energetiche rinnovabili come il calore geotermico, il legno, l'acqua, l'aria o il sole. Così nel 2018 circa 23'000 riscaldamenti a combustibile fossile sono stati sostituiti dallo stesso tipo di impianto. Considerando il dibattito sul clima, questo è un andamento preoccupante. È da qui che prende le mosse l'iniziativa «calore rinnovabile». Con la prima consulenza, SvizzeraEnergia ha creato una prestazione di consulenza neutrale e professionale per case unifamiliari e piccole case plurifamiliari. Un gruppo di esperti offre una prima consulenza specialistica ai proprietari di immobili che si apprestano a sostituire il loro impianto di riscaldamento. Molti cantoni promuovono queste prime consulenze e offrono incentivi.

Tutte le informazioni sul programma sono disponibili da subito all'indirizzo calorerinnovabile.ch

 

Il primo passo verso un calore rinnovabile

La maggior parte dei proprietari di abitazione si occupa del riscaldamento di casa propria solo quando non funziona più. Ma proprio in fatto di «Riscaldamento & calore» è importante pianificare e valutare per tempo le opzioni disponibili. Una volta che il riscaldamento è rotto, poi, si prende in considerazione solo una soluzione realizzabile a breve termine – è questo che bisogna prevenire. Con una strategia di utilizzo e di modernizzazione a lungo termine è possibile ridurre i rischi ed eseguire una pianificazione ottimale degli investimenti.

Nella prima consulenza «calore rinnovabile», installatori qualificati, esperti CECE e consulenti energetici spiegano come funziona concretamente la sostituzione dell'impianto di riscaldamento, mostrando le opzioni a disposizione e alcune soluzioni innovative. Gli elevati investimenti iniziali che la sostituzione del riscaldamento comporta sono spesso un freno alla realizzazione. È per questo che Raiffeisen sostiene il programma con il suo know-how tecnico-finanziario. Mediante un'analisi complessiva si può definire insieme al cliente una strategia di rinnovamento a lungo termine.

Raiffeisen come partner di cooperazione

Dal 2015 Raiffeisen offre ai suoi clienti una consulenza sul risanamento energetico con l'integrazione sistematica della valutazione energetica degli immobili nella consulenza per la proprietà di abitazione e la partnership strategica con l'associazione CECE. Creando insieme al cliente un'analisi complessiva in modo sistematico è possibile definire una strategia di rinnovamento a lungo termine. Il know-how specialistico sui lavori di risanamento è fornito dai partner strategici.

Informazioni di base sul programma

Nell'ambito dell'Accordo di Parigi sul clima, la Svizzera si è impegnata a dimezzare entro il 2030 le sue emissioni di gas serra rispetto al livello del 1990. Il Consiglio federale vuole che, nel complesso, la Svizzera non emetta più gas serra a partire dal 2050. Il 26% delle emissioni totali di CO2 proviene dai 2.3 milioni di edifici presenti in Svizzera. Ad oggi sono attivi ancora circa 900'000 impianti di riscaldamento a gasolio o a gas. Affinché gli edifici svizzeri non emettano più CO2 a partire dal 2050, dal 2020 bisognerebbe sostituire 30'000 impianti all'anno. L'impiego di combustibili fossili non è più adatto ai tempi e va contro questo obiettivo. Si aggiunge poi il fatto che alcuni provvedimenti legislativi limitano sempre di più l'impiego di carburanti fossili per il riscaldamento degli edifici. Con l'impiego di fonti energetiche locali, la Svizzera riduce la sua dipendenza dai produttori esteri di gas e petrolio, rafforza l'economia nazionale e crea posti di lavoro.

Il programma gode di ampio sostegno. Tra i promotori vi sono l'Ufficio federale dell'energia con il suo programma SvizzeraEnergia, i cantoni, le città e i comuni. Sono inoltre importanti le organizzazioni di categoria quali Minergie o Suissetec e partner del mondo economico come Raiffeisen. Questo approccio collaborativo è importante per affrontare insieme questa sfida e gestirla con successo grazie al know-how professionale degli specialisti e all'attuazione nei cantoni e nei comuni.