Come richiedere correttamente le sovvenzioni

Volete effettuare un risanamento energetico del vostro immobile o costruire una nuova casa? Sfruttate l’opportunità di ricevere sovvenzioni del Programma Edifici a tale scopo. L’importante è richiedere il supporto per tempo, e comunque prima che vengano attuati gli interventi: infatti, per progetti già completati o iniziati non vengono approvate sovvenzioni. Qui trovate le principali informazioni sul modo di procedere.

Richiedere sovvenzioni in modo corretto

Il servizio di consulenza energetica cantonale

Informatevi per tempo su possibili sovvenzioni presso il servizio di consulenza energetica del vostro cantone. Il Programma Edifici valido per tutta la Svizzera copre già diversi ambiti. Tuttavia, dal 2017 ogni cantone decide autonomamente come e in quale misura attuare le direttive del programma. Inoltre, a livello cantonale o comunale possono esistere possibilità di sovvenzione specifiche, che potrebbero essere rilevanti per voi. Chiarite quali possibilità di consulenza avete a disposizione e se potete richiedere a tale riguardo un sostegno finanziario nel vostro cantone. 


Tenete presente che ogni sovvenzione vi fa risparmiare denaro contante, che altrimenti dovreste sborsare voi. Vale quindi la pena informarsi con precisione in anticipo.

Affidarsi ai consulenti per orientarsi nella giungla delle sovvenzioni

Non sapete da dove iniziare e come trovare le sovvenzioni adeguate? Il programma SvizzeraEnergia cui ha dato vita il Consiglio federale può fornirvi un importante quadro generale.

Inoltre può essere utile cercare un sostegno professionale. La vostra costruzione sarà progettata da un architetto? O avete intenzione di richiedere un'offerta per il risanamento a un artigiano? Per informarvi su possibili sovvenzioni, i professionisti dell'edilizia sono partner altrettanto importanti nell'ambito della consulenza energetica del vostro Cantone.

Dopotutto i requisiti da soddisfare possono essere decisivi per la pianificazione dei lavori. Ad esempio, al fine di ottenere le sovvenzioni, potreste scegliere un determinato'isolamento valutando se questi garantisca risparmi energetici sufficienti. Oppure optate, ad esempio, per un sistema di riscaldamento con energie rinnovabili. Vale la pena pianificare in anticipo ed avvalersi di una consulenza energetica professionale e/o far redigere un CECE Plus (Certificato Energetico Cantonale degli Edifici con proposte di risanamento). Per determinati incentivi è necessario un CECE Plus, che si può richiedere autonomamente in molti luoghi. Sul sito dell’associazione CECE potete trovare l’esperto CECE più vicino a voi.

 

Allestite un piano di risanamento

Un risanamento dovrebbe essere pianificato in modo globale per ridurre al minimo i costi e adeguare il finanziamento in modo ottimale alle vostre possibilità, affinché investimenti e vantaggi siano in sintonia. È quindi importante che prima dell’inizio dei lavori definiate un piano di risanamento ben concepito, che includa sia la portata del risanamento che le sue fasi. Chiarendo e pianificando per tempo le future esigenze di utilizzo, è possibile decidere se optare per una demolizione e ricostruzione, un risanamento parziale o una ristrutturazione completa risp. un risanamento con ampliamento. Inoltre, l’allestimento di un piano di risanamento consente una pianificazione dettagliata del budget e ottimizzazioni fiscali. Gli ausili alla pianificazione del Programma Edifici vi aiutano a mantenere una visione d’insieme.

 

Richiedere sovvenzioni

Richiedete le sovvenzioni non appena è disponibile un piano di risanamento dettagliato. È importante che presentiate la richiesta di sovvenzione prima dell’inizio dei lavori. Oltre al Programma Edifici di Confederazione e Cantoni vi sono altre interessanti offerte di sovvenzioni Trovate informazioni al riguardo presso il servizio cantonale dell’energia o su www.franchienergia.ch.

 

Chiarire in anticipo il finanziamento dei restanti importi

Altrettanto essenziale per la pianificazione di un risanamento è chiarire come saranno ottenuti i mezzi finanziari necessari al netto delle sovvenzioni. Anche se i costi esatti potranno essere stabiliti solo una volta concessi i contributi richiesti, è opportuno avere un'idea di massima del finanziamento fin dall'inizio della pianificazione. In caso contrario si rischia di fare il passo più lungo della gamba. Potete prelevare il capitale necessario dai vostri risparmi oppure svincolare fondi investiti.In molti casi è anche possibile prelevare importi dal pilastro 3a e dalla previdenza professionale per eseguire specifiche ristrutturazioni o intraprendere una nuova costruzione. Tenete però in tal caso presente che i fondi prelevati anticipatamente potrebbero poi eventualmente mancare alla rendita.

Nel caso in cui le sovvenzioni o il capitale proprio non siano sufficienti a coprire tutte le spese, si può optare per un finanziamento. A seconda della situazione, è possibile aumentare l'ipoteca o richiedere un credito. Malgrado causi costi supplementari, in conclusione il finanziamento può risultare vantaggioso: gli interventi di risanamento energetico o una nuova costruzione particolarmente efficiente dal punto di vista energetico garantiscono infatti sul lungo periodo un notevole risparmio sulle spese di riscaldamento ed elettricità. Parlate per tempo con la vostra Banca per garantire il finanziamento.

 

 

Avviate il progetto di risanamento

Ora il risanamento può iniziare. Le sovvenzioni vi vengono versate al termine dei lavori.

 

Richiedere sovvenzioni: compiti in sintesi

  • Decidere gli interventi a livello energetico o pianificare una nuova costruzione
  • Informarsi risp. richiedere una consulenza presso il servizio di consulenza energetica del cantone ed event. far allestire un CECE Plus
  • Allestire un piano di risanamento
  • Presentare la richiesta di sovvenzioni prima dell'inizio dei lavori di costruzione
  • Chiarire il finanziamento degli importi restanti una volta dedotte le sovvenzioni