Calcolo del finanziamento del risanamento: i costi da tenere presenti

Per regolare il finanziamento dei vostri interventi di risanamento dovreste farvi il prima possibile una panoramica sui possibili costi. Qui scoprite quali sono i quattro elementi essenziali per calcolare il budget necessario e come potete risparmiare risanando la vostra casa.

Ecco cosa tenere conto nel vostro budget per il finanziamento della costruzione

  1. Analisi preliminare del fabbisogno di risanamento: questo primo elemento è allo stesso tempo uno dei principali per il finanziamento della vostra costruzione. Fatevi consigliare ad esempio presso un servizio dell'energia, su che cosa sia importante in caso di risanamento e su come pianificare la ristrutturazione nel modo più efficiente possibile riducendo al minimo i costi. In molti cantoni è possibile ricevere offerte gratuite in merito, ma può anche accadere che dobbiate pagare per la consulenza.
    La seconda possibilità a vostra disposizione consiste nel farvi allestire un CECE Plus per la vostra casa. I costi relativamente bassi porteranno i loro frutti, perché grazie al Certificato energetico cantonale degli edifici avrete una panoramica dettagliata sugli interventi di risanamento utili. Scoprirete inoltre l'ordine migliore con cui procedere alla modernizzazione. Il certificato è molto utile anche per una pianificazione a lungo termine, visto che è valido dieci anni. Senza dimenticare che riceverete incentivi finanziari in molti cantoni. Una panoramica sul CECE è disponibile qui. Consiglio: anche il tool di analisi gratuito eValo.ch di Raiffeisen vi permette di farvi una prima panoramica sugli interventi effettivi e sui relativi costi. Qui trovate maggiori informazioni sulla valutazione immobiliare energetica personale nella consulenza per la proprietà di abitazione.
  2. Intervento di progettisti, architetti, artigiani: nel budget per il vostro finanziamento di costruzione rientrano naturalmente anche i costi per il risanamento stesso. Infatti, per sostituire solo il riscaldamento, probabilmente basta chiamare un artigiano. Per un risanamento di maggiore entità della vostra casa dovreste invece calcolare anche i costi per un progettista o un architetto. Perché difficilmente potete pianificare e monitorare da soli lavori molto ingenti senza le rispettive conoscenze tecniche. Per trovare il partner o i partner adatti per il risanamento dovreste assolutamente richiedere diverse offerte. In questo modo potete infatti ottenere il miglior rapporto qualità / prezzo. Al momento della scelta, non considerate solo i costi di costruzione, ma anche le competenze. Infatti non è detto che tutte le aziende siano perfettamente aggiornate in merito ai risanamenti energetici.
  3. Scelta della corretta tecnologia: che optiate per l'impianto fotovoltaico o anche per il sistema di ventilazione, le nuove apparecchiature possono rappresentare uno degli elementi principali nei costi per il risanamento. Al momento della scelta dovreste considerare non solo il prezzo d'acquisto, ma anche i costi correnti. Calcolando su diversi anni, i ridotti costi d'esercizio possono fare una grande differenza.
  4. Chiarimenti sul finanziamento: se a seguito del risanamento il valore della vostra casa aumenta, per il finanziamento probabilmente potete aumentare la vostra ipoteca oppure optare per un credito di costruzione. In ogni caso dovrete discutere esattamente con la Banca le possibilità a vostra disposizione includendo durate, interessi e sostenibilità del finanziamento, così da procedere nel modo più conveniente possibile – ad esempio ripartendo i costi su più anni. Ciò permette, in determinate circostanze, di risparmiare in modo considerevole sulle imposte. Ci sono però anche altre possibilità per risparmiare sulle spese.

 

Quattro opzioni per ridurre al minimo il budget per il risanamento

  • Pianificare nel dettaglio la modernizzazione: i ritardi nella ristrutturazione possono causare enormi costi aggiuntivi e gravare inutilmente sul budget per il vostro risanamento. Ma i costi aumentano anche se si richiedono sovvenzioni in ritardo o se non si ricorre a una consulenza specialistica. Per questo è importante che pianifichiate esattamente il risanamento. Per non dimenticare niente nella pianificazione, leggete anche la lista di controllo sui risanamenti.
  • Tenere conto del risanamento nel complesso: a seconda della situazione può essere senz'altro opportuno procedere solo a singoli interventi di risanamento. Ad esempio probabilmente conviene sostituire solo il riscaldamento o isolare l'involucro dell'edificio e cambiare le finestre. Dovreste comunque sempre tener conto del risanamento nel complesso e in primo luogo esaminare interamente lo stato della casa. Perché, ad esempio, un incremento del consumo di energia non è necessariamente da ricondurre al vecchio riscaldamento, ma potrebbe essere dovuto anche a perdite di calore causate dalle guarnizioni delle finestre permeabili. Innanzitutto è quindi opportuno fare un'analisi esatta per mantenere il più basso possibile il budget dei vostri interventi di risanamento.
  • Ristrutturare a scaglioni: procedere a tutto il risanamento in una volta sola può essere più costoso di quanto non sia ripartirlo su più anni. Perché potete dedurre dalle imposte gli interventi volti a mantenere il valore. Grazie a una ripartizione su diversi anni è possibile evitare un'eventuale progressione fiscale. Parlate quindi assolutamente con la vostra Banca o con il vostro consulente fiscale, al fine di pianificare al meglio le tempistiche degli interventi di risanamento.
  • Trovare il finanziamento conveniente e richiedere le sovvenzioni: che si tratti di un credito di costruzione o di un'ipoteca, trovare il finanziamento giusto permette di risparmiare sul lungo periodo. Fatevi quindi assolutamente consigliare dalla vostra Banca non appena conoscete i costi indicativi per i vostri interventi di risanamento. Senza dimenticare di richiedere per tempo eventuali sovvenzioni, che, se concesse, possono ammontare fino a diverse migliaia di franchi.