In Svizzera, un'impresa su tre si affida a Raiffeisen

Raiffeisen vive i valori PMI

Stampa

Le imprese hanno bisogno di una banca che sia loro vicina e che le comprenda. Allo stesso tempo necessitano di una vasta competenza specialistica e di un'ampia gamma di prodotti. Raiffeisen offre entrambe: grazie al suo radicamento a livello locale e alla sua forza nazionale. Nell'intervista con il Responsabile Clientela aziendale Urs Gauch scoprite in che modo le PMI possono trarre benefici concreti da questa combinazione.

 

«Ci sentiamo una PMI»

Le PMI sono la colonna portante dell'economia elvetica. Perché sono così importanti per Raiffeisen?

Urs Gauch: Una Banca dipende sempre direttamente dalla prosperità della propria economia nazionale che, in Svizzera, poggia su PMI sane e innovative; queste ultime costituiscono oltre il 99 per cento delle imprese. Raiffeisen fa quindi tutto il possibile per rafforzare le PMI, che rappresentano tutto il nostro futuro. Ma nel caso di Raiffeisen le PMI hanno segnato anche il passato; dopotutto siamo nati proprio dalla piccola industria locale, specificamente da un'associazione di agricoltori e artigiani che miravano a concedersi crediti reciprocamente e a condizioni ragionevoli.

 

Raiffeisen è quindi molto vicina alle PMI.

U.G.: Non solo, noi stessi ci sentiamo una PMI. Il Gruppo Raiffeisen è formato da 225 Banche locali, ognuna delle quali è organizzata come una PMI. I direttori le gestiscono come imprese indipendenti e sono responsabili del loro successo. Non è quindi un'esagerazione affermare che l'imprenditorialità è scolpita nel nostro DNA.

 

In che modo la clientela aziendale ne può beneficiare?

U.G.: I consulenti bancari devono ben conoscere le esigenze e le sfide dei loro clienti. Le nostre Banche hanno successo in questo ambito perché sanno esattamente come funziona un'impresa. Questa analogia crea fiducia e comprensione reciproche. E nel settore bancario la fiducia è fondamentale. 

 

Questa vicinanza tra clienti e Banche Raiffeisen si nota anche sulla carta geografica.

U.G.: Esatto. I nostri clienti aziendali hanno la propria Banca Raiffeisen a distanza di pochi chilometri e pochi minuti. Siamo di casa nelle regioni in cui si trovano i nostri clienti e come loro vi siamo fortemente radicati in qualità di datori di lavoro, formatori e contribuenti.

 

Che effetto ha tutto ciò?

U.G.: I nostri Consulenti Clientela aziendale conoscono le persone che stanno dietro le imprese, anche perché presso Raiffeisen tutte le aziende hanno un referente fisso, non solo quelle più grandi. Allo stesso tempo, i consulenti hanno familiarità con le caratteristiche dell'economia locale e le condizioni specifiche dei vari settori. Unitamente alla nostra fitta rete di agenzie ciò ha fatto in modo che, durante la pandemia di coronavirus, Raiffeisen sia stata la Banca che ha concesso il numero più elevato di crediti COVID-19. Le PMI si sono rivolte a noi.

 

E al di là del coronavirus?

U.G.: La nostra vicinanza ci ripaga in ogni caso, tanto più che le singole Banche Raiffeisen hanno ampie competenze decisionali, che rendono ad esempio brevi le procedure per la concessione di crediti. Proprio lo scorso anno abbiamo apportato una modifica al nostro statuto; essa consente alle Banche di concedere autonomamente crediti in bianco fino a CHF 1.5 milioni, senza passare attraverso Raiffeisen Svizzera, incrementando il precedente limite di CHF 250'000.–.

 

Allo stesso tempo, Raiffeisen è il terzo gruppo bancario svizzero e vanta specialisti in settori quali finanziamenti, traffico dei pagamenti, divise o leasing.

U.G.: Proprio così. E proprio per questo motivo Raiffeisen è già oggi la numero uno per le PMI: un terzo di loro è nostro cliente. Le imprese, infatti, non beneficiano solamente della vicinanza locale, ma anche della nostra forza a livello nazionale, oltre che del nostro vasto portafoglio di prodotti e della nostra vasta esperienza e competenza. 

 

In che modo le PMI possono avere accesso agli specialisti?

U.G.: Anche questo avviene tramite il consulente alla clientela personale che si rivolge a uno dei nostri sette Centri regionali per la Clientela aziendale, con i relativi specialisti, oppure si avvale della grande rete di esperti del Gruppo Raiffeisen. Il consulente può fornire direttamente il contatto oppure decidere di fare ricorso agli esperti al momento opportuno, a seconda delle preferenze del cliente.

 

Diamo ancora uno sguardo al futuro: cosa si possono aspettare le PMI da Raiffeisen nei prossimi tempi?

U.G.: Sempre più spesso le PMI effettuano le loro transazioni in modalità digitale, ancora di più in seguito alla pandemia di coronavirus. Per questo motivo Raiffeisen ha deciso di investire intensamente nell'interfaccia digitale con la clientela: in autunno andrà online la piattaforma multibanking «Raiffeisen PMI eServices». E anche i Raiffeisen Centri Imprenditoriali (RCI) saranno ancora più vicini ai clienti, su tutto il territorio nazionale e soprattutto anche in modalità digitale. Ma le PMI possono contare su Raiffeisen anche per superare la pandemia.

 

Cosa significa concretamente?

U.G.: Al momento le PMI si affidano ancora a lavoro ridotto e crediti con fideiussione. In futuro, spetterà alle Banche che hanno concesso il credito coordinarsi con le imprese per evitare fallimenti e mantenere i posti di lavoro. In questo ambito riteniamo che Raiffeisen avrà un ruolo chiave.

 

In quale altro modo Raiffeisen può aiutare le PMI a superare la pandemia?

U.G.: Le sfide che le imprese sono costrette ad affrontare sono molto specifiche per settore e vanno dalla sopravvivenza al riorientamento strategico, passando per una maggiore diversificazione della clientela e dei fornitori. Raiffeisen può continuare a sostenere le imprese senza complicazioni con il programma di aiuti COVID e una mirata consulenza aziendale RCI. I nostri prodotti di leasing sono ideali per finanziare nuovi investimenti salvaguardando la liquidità. E per la copertura di acquirenti e venditori proponiamo garanzie internazionali su misura e programmi di crediti documentari.

 

Quali sono, anche a lungo termine, le sfide principali per le PMI? E cosa può fare Raiffeisen per le imprese in questo contesto?

U.G.: Oltre alla digitalizzazione, che rappresenta un tema essenziale a prescindere dal coronavirus, in cima alla lista delle priorità si trova la sostenibilità. Dalla nostra recente Ricerca sulle PMI è emerso che gli imprenditori vedono inoltre profilarsi sempre di più il tema della centralità del cliente. In tutto questo possono venire in aiuto le nostre esperte e i nostri esperti dell'RCI: assistendo l'orientamento strategico, creando contatti, affiancando la trasformazione culturale. E non appena si rendono necessarie nuove acquisizioni, nel campo della digitalizzazione ad esempio hardware, software o robot, entrano in gioco le Banche Raiffeisen, che trovano per i loro clienti le soluzioni di finanziamento più adatte.

 

Per tornare al tema dell'organizzazione, le Banche Raiffeisen continuano a essere delle società cooperative. Questo cosa significa per i clienti aziendali?

U.G.: Significa che possono partecipare in ampia misura alle decisioni relative all'orientamento della loro Banca Raiffeisen: molti dei nostri clienti aziendali sono soci e quindi comproprietari. I clienti sanno inoltre che investiamo il 90 - 95 per cento dell'utile di Raiffeisen a loro favore: sotto forma di servizi e prodotti nuovi o migliorati nonché di vantaggi cooperativi. 

 

I servizi e prodotti di Raiffeisen assistono le PMI anche al di là dell'attività bancaria: qual è lo scopo di Raiffeisen?

U.G.: Raiffeisen assiste le aziende in tutte le fasi del ciclo di vita aziendale: con proposte di consulenza, soluzioni bancarie, previdenziali e assicurative. La proposta di queste ultime alle PMI avviene in collaborazione con il nostro partner di rete la Mobiliare. E dai consulenti del Raiffeisen Centro Imprenditoriale (RCI) le PMI ricevono consulenza su temi quali finanziamenti, strategia, comunicazione e successione. Grazie a queste collaborazioni Raiffeisen amplia la sua offerta. Per gli imprenditori questo significa che per un tema nuovo non sono costretti a cercarsi un altro partner, possono continuare a collaborare con quello di cui si fidano.

Urs Gauch, Responsabile dipartimento Clientela aziendale & Succursali, Raiffeisen Svizzera
Urs Gauch, Responsabile dipartimento Clientela aziendale & Succursali, Raiffeisen Svizzera

Urs Gauch è attivo da circa 30 anni in svariate posizioni nel settore della clientela aziendale e delle operazioni di credito. Grazie alla sua pluriennale esperienza e al suo solido know-how, è uno specialista del segmento della clientela aziendale. Dal 1° ottobre 2015 dirige il dipartimento Clientela aziendale ed è membro della Direzione di Raiffeisen Svizzera.