Prestazioni e servizi

Mediazione – la soluzione in caso di conflitti ereditari

Stampa

Un decesso in famiglia può essere molto controverso da gestire. Spesso il periodo difficile si prolunga ulteriormente, in quanto sorgono conflitti nella suddivisione dell'eredità. In molti casi, una mediazione può aiutare a trovare una soluzione che sia accettabile da tutte le parti coinvolte e che possa assicurare il mantenimento di buone relazioni familiari a lungo termine.

 

 

I conflitti ereditari sono dolorosi

L'esperienza degli esperti in successioni di Raiffeisen lo dimostra: i conflitti riguardanti questioni successorie sono molto più comuni di quanto pensi la maggior parte di noi. Spesso si tratta principalmente solo di questioni di denaro: le ferite emotive subite in passato, la sensazione soggettiva di essere stati trattati ingiustamente rispetto a un fratello maggiore o a una sorella minore, o il rimprovero di mancanza di affetto verso la persona deceduta possono essere motivi profondi che portano al litigio.

I legami famigliari possono essere messi a dura prova in una tale situazione e i compromessi concordati sotto pressione sono all'origine di risentimenti duraturi. Nei casi peggiori, famiglie un tempo serene finiscono in tribunale. Le elevate spese processuali sono di solito sostenute dalla parte soccombente o dalla comunione ereditaria, quindi in una disputa legale sull'eredità c'è sempre qualcuno che ci perde. In ogni caso, una soluzione consensuale attraverso una mediazione guidata è meglio di una controversia estenuante e combattuta in tribunale, sia a livello interpersonale che finanziario.

 

Costruire dei ponti con la mediazione

Quando si prendono decisioni di vita di grande portata, ha senso cercare un aiuto professionale. Per le controversie nelle comunioni ereditarie è raccomandata una mediazione. Questo tipo di consulenza è una procedura strutturata per la risoluzione costruttiva di un conflitto. Il processo è guidato da una sorta di coach, chiamato anche mediatore o mediatrice.

 

Attenzione: la mediazione non consiste nell'elaborare complesse e profonde questioni psicologiche ai fini di una terapia famigliare, questo compito è lasciato agli psicologi formati in questo campo. 

Che cos'è un mediatore o una mediatrice?

Per prima cosa, è una persona neutrale che, nel contesto di un processo di mediazione riconosciuto e professionale, sostiene le parti nella risoluzione del conflitto. Non prende decisioni che influenzino il conflitto, ma piuttosto crea condizioni generali ideali per la gestione dello stesso, così da contribuire a trovare delle soluzioni. Questa forma di neutralità è conosciuta in gergo come imparzialità. Si tratta di un atteggiamento interiore benevolo con cui il mediatore o la mediatrice mette in secondo piano le preferenze e i punti di vista personali ponendosi interamente al servizio delle persone assistite. La persona incaricata della mediazione è egualmente a disposizione di tutte le parti in conflitto e funge da apripista per le genuine esigenze reciproche. Il mediatore o la mediatrice sono meno interessati alle posizioni radicate e molto di più ai veri interessi di fondo delle parti.

 

Cosa non è la mediazione?

La mediazione non ha nulla a che fare con una cosiddetta conversazione «esoterica» o un'esperienza psichica. Non si tratta di filosofare sul significato più profondo della vita, né di meditare insieme. Piuttosto, la mediazione è un processo sperimentato da 50 anni e basato su conoscenze scientifiche, tramite il quale i conflitti possono essere risolti in modo sostenibile e permanente. Rispetto a un procedimento giudiziario, un processo di mediazione richiede molto meno tempo ed è anche molto più economico.

 

 

Raiffeisen offre mediazione per le comunioni ereditarie

Raiffeisen si preoccupa di accompagnare le famiglie in questa fase impegnativa prima o dopo un decesso e di contribuire a far sì che un buon rapporto famigliare, costruito nel corso di decenni, non venga definitivamente compromesso in seguito a un triste evento. Vorremmo contribuire a far sì che una divisione dell'eredità non diventi un incubo. Al contrario. L'obiettivo è quello di aiutare le parti coinvolte a raggiungere un consenso che sia vantaggioso per tutte le parti coinvolte. I nostri consulenti in successioni offrono una mediazione per le comunioni ereditarie in collaborazione con partner di rete accuratamente selezionati. 

 

Prima si inizia, meglio è: contattateci

È molto meglio iniziare una mediazione prima che la situazione degeneri. Saremo lieti di fornirvi informazioni sulla nostra offerta.