Chi eredita quanto?

Revisione del diritto successorio

Stampa

Il diritto successorio svizzero è obsoleto e ora, dopo un lungo tempo di preparazione, viene modernizzato. Nella società alcuni importanti aspetti delle condizioni quadro rilevanti hanno subito un'evoluzione: l'aspettativa media di vita è aumentata notevolmente e le forme di vita familiare sono sempre più varie. È quindi opportuno tenere conto di questi cambiamenti attraverso una revisione del diritto successorio. Scoprite qui le principali modifiche. 

 

Per quale motivo è necessaria la revisione?

Il diritto successorio attuale esiste da oltre cento anni. Risale a un'epoca in cui il matrimonio tra uomo e donna era la norma, il divorzio costituiva un'eccezione e le altre forme di convivenza tra partner erano malviste. Affinché il diritto successorio svizzero possa tener conto delle esigenze odierne e di forme di convivenza più moderne come le famiglie patchwork e il concubinato, il diritto successorio dopo la revisione prevede maggiori libertà di disporre e un più ampio margine di manovra per il testatore. Anche lo sviluppo demografico ha implicato che in caso di decesso non si desideri quasi mai lasciare il proprio patrimonio alla generazione dei genitori. La struttura di base, cioè la divisione legale delle quote ereditarie, continua a rimanere in vigore in modo invariato. I conviventi non coniugati (concubinato) continuano a non essere considerati ai fini della successione legale. Scoprite di più sulle quote ereditarie e le porzioni legittime previste per legge

 

Revisione del diritto successorio: Gli elementi principali

La revisione è focalizzata sulla riduzione delle porzioni legittime previste per legge e sull'abolizione del diritto alla porzione legittima del/della coniuge durante una procedura di divorzio. Cosa significa questo in concreto e cosa cambierà in futuro? Di seguito si illustrano i punti principali.

 

1. Modifiche delle porzioni legittime       

Alcuni familiari hanno diritto a una quota dell'eredità che non può essere sottratta mediante una disposizione testamentaria (testamento), la cosiddetta porzione legittima. Dopo la revisione hanno diritto alla porzione legittima il/la coniuge, il/la partner registrato/a (per le coppie omosessuali) e i propri discendenti.

 

Riduzione delle porzioni legittime dei discendenti

In conformità alla legge vigente, i discendenti sono tutelati con tre quarti del diritto legale all'eredità. Ora queste porzioni legittime verranno ridotte alla metà del diritto legale all'eredità, in modo da avere una quota maggiore di patrimonio di cui poter disporre liberamente.

 

Eliminazione delle porzioni legittime dei genitori

Se non ci sono discendenti superstiti, al loro posto ereditano i genitori o in sostituzione i fratelli e le sorelle. La precedente porzione legittima per i genitori viene completamente abolita. 

 

Panoramica grafica 

Il seguente grafico illustra le modifiche relative alla porzione legittima sulla base di un esempio. In questo modo, nel caso raffigurato, sarà liberamente disponibile fino alla metà del patrimonio, la cui distribuzione potrà essere decisa in base alla volontà del testatore.

 

Auswirkung Erbrechtsrevision auf Pflichtteile

 

2. Perdita della porzione legittima durante una procedura di divorzio

I coniugi divorziati con una relativa sentenza cresciuta in giudicato, non hanno più alcun diritto all'eredità reciproca. Questo vale anche per le unioni domestiche registrate. Il/la coniuge superstite, come anche il/la partner registrato/a superstite, attualmente conserva il diritto all'eredità e alla porzione legittima anche qualora l'altro coniuge muoia durante una procedura di divorzio ancora in corso. Questo vale anche per le unioni domestiche registrate. Con la revisione si prevede che il/la coniuge o il/la partner registrato/a perderà il suo diritto alla porzione legittima già nel momento in cui viene avviata la procedura di divorzio. Fino a quando il divorzio non sarà cresciuto in giudicato, il/la coniuge superstite, come anche il/la partner registrato/a superstite ha ancora diritto alla quota ereditaria legale, a condizione che il testatore/la testatrice non l'abbia ritirata nelle sue ultime volontà (ad es. per mezzo di un testamento).   

 

Entrata in vigore al 1° gennaio 2023

Il Consiglio nazionale e il Consiglio degli Stati hanno approvato il nuovo diritto successorio il 18 dicembre 2020. Dal momento che il termine di referendum è scaduto inutilizzato il 10 aprile 2021, il Consiglio federale ha deciso nella sua seduta del 19 maggio 2021 che il diritto successorio rivisto entrerà in vigore il 1° gennaio 2023.

 

Prospettive sui futuri passaggi di revisione

In una fase seguente della revisione del diritto successorio, la successione aziendale interna alla famiglia sarà semplificata. In caso di decesso, le aziende familiari sono particolarmente penalizzate se l'eredità non è stata regolamentata. In base alla valutazione di un'azienda, i successori devono effettuare pagamenti elevati di compensazione ai propri coeredi tutelati dalla porzione legittima. Questo per un'azienda può comportare delle difficoltà o addirittura una frammentazione se gran parte del patrimonio è vincolato in essa. La revisione introdurrà, tra le altre cose, la possibilità di una dilazione di pagamento, qualora il pagamento immediato creasse problemi di liquidità all'azienda.

Röbi Stocker

Cedere l'azienda familiare senza controversie: è possibile?

Il passaggio di proprietà dell'azienda all'interno della famiglia non è solo una sfida giuridica. Il trattamento di favore o di sfavore riservato a un figlio può compromettere la serenità familiare e mettere i bastoni tra le ruote al nuovo titolare. Nel nuovo diritto ereditario le porzioni legittime diminuiscono, il che favorisce la successione all'interno della famiglia. Röbi Stocker e Willi Eicher hanno ceduto le loro aziende alla generazione successiva prima della revisione.     

Ecco come i due imprenditori ci sono riusciti.

 

Avete domande sul diritto successorio o sulla pianificazione successoria? Saremo lieti di assistervi in un colloquio di consulenza personale.

Ulteriori informazioni