Cosa ne sarebbe della mia casa se mi dovesse accadere qualcosa?

«Come lascio in eredità la mia abitazione primaria mentre sono ancora in vita?»

Stampa

Realizzare un desiderio dei «figli» – questa è la motivazione che spinge molti genitori a lasciare la propria casa alla prossima generazione mentre sono ancora in vita. Qui potete scoprire quali misure accessorie sono necessarie per evitare che questo gesto generoso non si trasformi in un fiasco finanziario.

 

 

Il dono diviene un problema

Per Katrin e Nico Appenzeller era chiaro già da tempo che avrebbero voluto lasciare la loro imponente casa unifamiliare al figlio Raul – almeno dalla nascita della figlia di Raul, la loro prima nipotina. Volevano dare alla giovane famiglia la possibilità di avere una proprietà di abitazione, che altrimenti difficilmente avrebbero potuto permettersi. Anche il fratello minore di Raul, Tobias, era d'accordo. In quanto single e giramondo, non avrebbe comunque saputo che farsene di un immobile. Dato che tutti erano d'accordo, Katrin e Nico hanno lasciato la casa a Raul come acconto della quota ereditaria e si sono trasferiti in un confortevole appartamento in affitto.

Dieci anni dopo aver lasciato la casa al figlio, i genitori sono deceduti entrambi nell'arco di poco tempo. Nell'ambito della divisione dell'eredità, i due figli hanno constatato che l'acconto della quota ereditaria ora doveva essere compensato. Perché per legge, Tobias non ha solo diritto alla metà del restante patrimonio dei genitori, bensì anche alla metà dell'attuale valore dell'immobile. Visto che negli ultimi anni i prezzi immobiliari sono cresciuti fortemente, Raul non dispone del denaro necessario per pagare la quota a suo fratello. Poiché non riesce a trovare un accordo con Tobias, la casa deve essere venduta.

 

Il problema: l'incremento del valore è soggetto all'obbligo di collazione

Salvo accordi diversi, un acconto della quota ereditaria deve essere compensato solo al momento del decesso del donatore. Se a quel punto il valore di un immobile è per esempio di 1.6 milioni di franchi e il restante patrimonio nella massa ereditaria ammonta a 400'000 franchi, in presenza di due figli il calcolo è il seguente:

graffica compensatione casa
Graffico andamento di prezzi

Un pagamento di compensazione di questo tipo può mettere un erede in una situazione finanziaria difficile. È problematico soprattutto il fatto che il valore della casa al momento dell'acconto della quota ereditaria sia irrilevante. Determinante è l'attuale valore venale. Ma tra l'acconto della quota ereditaria e la divisione dell'eredità passano spesso tra i 10 e i 15 anni. In questo lasso di tempo il valore di un immobile può aumentare significativamente. Un esempio: nel distretto di Winterthur, tra il 2008 e il 2018 i prezzi delle case sono aumentati del 30 per cento, a Lugano del 40 per cento e a Zugo di quasi il 60 per cento.

La soluzione: regolare in tempo l'obbligo di collazione

Per evitare che una casa di proprietà della famiglia debba essere improvvisamente venduta, occorre prendere disposizioni per tempo – meglio se coinvolgendo tutte le parti interessate e un esperto. In questo modo è possibile chiarire per bene le conseguenze finanziarie e fiscali di un acconto della quota ereditaria.

In questo contesto, in una situazione familiare come quella riportata nell'esempio, occorre assolutamente trattare anche il tema dell'obbligo di collazione. Se volete impedire che l'acconto della quota ereditaria o la collazione successiva possa mettere uno dei vostri figli in difficoltà finanziaria, avete diverse possibilità:

  • Regolate il pagamento di compensazione in un contratto successorio che viene approvato da tutti gli interessati. In esso potete per esempio definire che avvenga una compensazione tra i figli già al momento dell'acconto della quota ereditaria e che per contro si rinunci a un pagamento di compensazione al momento della divisione dell'eredità. Oppure potete definire quando debba avvenire la collazione (p.es. al momento del decesso del genitore deceduto per ultimo) e a quanto ammonta tale importo. Con un accordo vincolante di questo tipo è possibile tenere meglio in considerazione la rispettiva situazione finanziaria degli interessati.
  • Potete esonerare nel vostro testamento il figlio che ha ricevuto l'immobile dall'obbligo di collazione. Tuttavia, questo è possibile solo se non si violano le porzioni legittime dell'altro figlio. Nell'esempio riportato sopra, la porzione legittima sarebbe di 750'000 franchi (tre quarti dell'importo di 1'000'000 di franchi). L'importo di compensazione che deve essere pagato si ridurrebbe così dai 600'000 franchi di quasi la metà a 350'000 franchi. Qui scoprite di più sulla divisione dell'eredità

 

Conclusione: siate consapevoli delle conseguenze finanziarie

Glühbirne

Per evitare spiacevoli sorprese, dovreste analizzare in maniera approfondita le conseguenze di un acconto della quota ereditaria. Se vi rendete conto che uno dei vostri figli potrebbe trovarsi in difficoltà finanziarie a causa di futuri pagamenti di compensazione, sono assolutamente necessarie misure accessorie nell'ambito di un testamento o di un contratto successorio. La pianificazione della successione cela sempre anche potenziale di conflitti. Se, nonostante un’attenta preparazione, si verificano comunque delle controversie, può aiutare una mediazione.

Avete altre domande sulla vostra situazione previdenziale personale? Volete sapere, nel vostro caso, quali altre necessità d'intervento sono possibili? Il vostro esperto previdenziale Raiffeisen conosce gli aspetti giuridici e finanziari della pianificazione successoria e può mostrarvi quali opzioni avete a disposizione.

Vi potrebbe anche interessare

«Was passiert mit meinem Haus, wenn mir etwas passiert?»

«Cosa ne sarebbe della mia azienda, se mi dovesse accadere qualcosa?»

In quanto fondatori dell'azienda, dovete occuparvi di aspetti importanti: acquisire clienti, conseguire fatturato – ma anche ridurre al minimo i rischi. Se dovesse accadervi qualcosa, ciò si ripercuoterebbe ampiamente sulla vostra impresa. E anche sui vostri cari. Prendete quindi già oggi le decisioni importanti. Scoprite qui quali misure potete prendere per assicurare che la vostra azienda rimanga attiva anche senza di voi in caso di emergenza.

Agli articoli