L'interessante piazza economica svizzera

Raiffeisen Purchasing Manager Index delle PMI

Stampa

Il Raiffeisen Purchasing Manager Index delle PMI è un indicatore congiunturale che rispecchia la situazione economica delle PMI svizzere. Questo indicatore contribuisce ad affinare la sensibilità del grande pubblico nei confronti delle tematiche legate alle PMI. In che modo si misura l'indice e qual è la situazione delle PMI svizzere?

 

Il franco svizzero appanna le prospettive delle PMI svizzere

In luglio il PMI Raiffeisen delle piccole e medie imprese è salito da 52.0 a 53.3 punti.

Lo dimostra l'edizione attuale del Raiffeisen Purchasing Manager Index delle PMI, sulla base di un sondaggio rappresentativo.

 

Intervista agli esperti sulla situazione economica in Svizzera

L'esperto di economia Raiffeisen Domagoj Arapovic presenta nell'intervista la situazione attuale delle PMI svizzere.

 

Signor Arapovic, qual è la situazione attuale delle PMI svizzere?

Domagoj Arapovic: Fino a poco tempo fa l'andamento degli affari delle PMI del settore industriale era ancora estremamente solido. Il 2018 è stato un anno eccellente per l'economia svizzera e lo dimostrano anche i dati delle PMI. Anche se nel frattempo la congiuntura è rallentata, non si tratta certo di un crollo, bensì di una normalizzazione. I numerosi rischi geopolitici, come ad esempio la controversia commerciale tra Stati Uniti e Cina, hanno compromesso la domanda estera e comportano il sempre forte apprezzamento del franco. Le PMI del settore industriale svizzero sono ancora in espansione. Come dimostra il Purchasing Management Index delle PMI, la dinamica di crescita è però rallentata rispetto al 2018. Gli investimenti nella razionalizzazione sono di nuovo in primo piano. Le PMI con il registro degli ordini pieno possono però prendere in considerazione anche investimenti nell'espansione.  

 

Cosa misura esattamente l'indicatore congiunturale?

D. A.: Il Raiffeisen Purchasing Manager Index delle PMI misura il clima che aleggia presso le PMI svizzere nel settore industriale. Oltre 200 PMI analizzano mensilmente la propria situazione economica e forniscono una valutazione su diversi aspetti dell'attività aziendale. Aggreghiamo le loro risposte in più componenti, che successivamente vengono fatti confluire nell'indice globale. I componenti sono i seguenti (la percentuale di importanza è espressa tra parentesi): portafoglio ordini (30 %), produzione (25 %), occupazione (20 %), termini di consegna (15 %) e magazzini commerciali (10 %). L'indice mostra se le PMI reputino la situazione migliorata (indice superiore a 50) o peggiorata (indice inferiore a 50) rispetto al mese precedente. Al termine del sondaggio di giugno 2018, il PMI delle piccole e medie imprese è quotato a 58.8 punti, ossia in un'area decisamente positiva. In seguito al sondaggio di luglio 2019, il Purchasing Management Index delle PMI è quotato a 53.3 punti, ossia in un'area positiva.

 

A cosa serve un indicatore congiunturale per le PMI svizzere?

D. A.: Le PMI sono notoriamente la spina dorsale dell'economia svizzera. Ciò nonostante, sono pochi i dati significativi sulla loro situazione economica, in quanto i dati congiunturali ufficiali federali, quali ad esempio le analisi trimestrali del PIL o le statistiche sulle esportazioni, non prevedono una ripartizione in base alle dimensioni dell'azienda. Tra PMI e grandi aziende possono tuttavia esservi delle grandi differenze. Questo aspetto è risultato evidente ad esempio dopo lo shock del franco, che ha colpito con maggiore severità le piccole e medie aziende rispetto alle grandi aziende. Su questo punto interviene Raiffeisen, con il suo indicatore congiunturale proprio per PMI. L'indicatore congiunturale è un importante indicatore che serve a riconoscere tempestivamente gli impulsi positivi o negativi del mercato. In questo modo creiamo trasparenza nel settore delle PMI e contribuiamo ad affinare ulteriormente la sensibilità dell'opinione pubblica rispetto alle questioni legate alle PMI.

 

E come si fa a garantire che i risultati del sondaggio siano affidabili?

D. A.: Perché abbiamo selezionato con cura le PMI che partecipano al sondaggio. In fase di selezione, l'aspetto più importante era l'appartenenza a un determinato settore. Le faccio un esempio: il settore farmaceutico è estremamente importante per la Svizzera. Contribuisce alla creazione di un quarto del valore nel settore industriale. Nonostante ciò il suo peso all'interno del nostro indicatore congiunturale è ridotto, in quanto il settore farmaceutico è dominato principalmente da Roche e Novartis, mentre solo una piccola parte della creazione di valore deriva dalle PMI. Abbiamo proceduto in questo modo per ciascun settore. Le circa 200 aziende che partecipano al nostro sondaggio sono pertanto rappresentative di tutte le PMI del settore industriale svizzero. Il peso maggiore è conferito all'industria metallurgica, meccanica, alimentare, orologiera e della lavorazione del legno. Assieme, questi settori contribuiscono per circa due terzi al nostro indicatore congiunturale.

 

Quali sono le particolarità del Raiffeisen Purchasing Manager Index delle PMI?

D. A.: L'indicatore è strutturato in modo semplice e non si basa su modelli poco trasparenti. Viene pubblicato di volta in volta il primo giorno di lavoro del mese successivo e, al contrario rispetto ad altri indicatori congiunturali, è pertanto estremamente tempestivo. La particolarità consiste tuttavia soprattutto nel fatto che l'attenzione principale sia rivolta alle PMI. Finora in Svizzera un indice dei responsabili degli acquisti che includesse solo le PMI non era mai esistito.

 

Ogni mese viene pubblicata una nuova edizione del Purchasing Management Index delle PMI. Desiderate sapere in che modo sta cambiando il clima per le PMI svizzere? Abbonatevi alla nostra newsletter. Vi forniremo regolarmente informazioni sulla situazione economica attuale delle PMI.

 

L'esperto di economia Raiffeisen Domagoj Arapovic

Domagoj Arapovic, Senior Economist Raiffeisen Svizzera
Domagoj Arapovic, Senior Economist Raiffeisen Svizzera

Domagoj Arapovic ha studiato Economia all'Università di Zurigo. Ha poi lavorato dal 2007 al 2012 presso la Banca nazionale svizzera nell'Economic Research e nella Gestione dei rischi. Detiene dal 2011 il diploma di Chartered Financial Analyst, e dal 2013 è impiegato presso Raiffeisen Svizzera come Senior Economist.

Far parte dell'indicatore congiunturale (solo PMI industriali) e vincere CHF 5'000.– 

Siete una piccola o media impresa attiva nel settore industriale? Siamo alla ricerca di ulteriori PMI che compilino mensilmente un breve sondaggio (< 5 minuti). Partecipate subito a un'idea di successo: l'indicatore congiunturale è un importante indicatore che serve a riconoscere tempestivamente gli impulsi positivi o negativi del mercato.

Tra tutte le PMI industriali partecipanti sorteggeremo un premio in denaro di CHF 5'000.–. Riceverete inoltre tutti i risultati del sondaggio e delle analisi prima della loro pubblicazione.