Mercati e opinioni

Commento sul mercato – Uno sguardo alla settimana borsistica

I dazi punitivi rimangono uno dei temi preferiti di Donald Trump anche nel periodo prenatalizio e quindi rilevanti per il mercato. Al momento un «mini deal» tra USA e Cina si allontana sempre più.

Grafico della settimana

La disillusione della guerra commerciale

Probabilità di un meeting Trump/Xi prima di fine 2019

La disillusione della guerra commerciale

Fonti: Predictit, Raiffeisen Svizzera CIO Office

Questa settimana i mercati azionari hanno dovuto incassare la prima sensibile frenata durante il rally di fine anno. Tra gli investitori si prende ormai atto del fatto che, quest'anno, nel conflitto commerciale non si arriverà più neanche a un «mini deal». Gli speculatori delle borse di scommesse ne hanno preso atto già a novembre, scontando gradualmente la probabilità di un incontro tra Trump e Xi.

In primo piano

Gli acquisti frenetici degli americani

Il grande fine settimana dello shopping ha generato nuove cifre record negli USA. Tra il Giorno del ringraziamento e il «Cyber Monday», quasi 190 milioni di consumatori USA (+14 % rispetto al 2018) sono andati a caccia dei regali di Natale, spendendo in media circa USD 362 (+16 %).

 

In agenda

Elezioni in Gran Bretagna

Per la prima volta dopo 45 anni i britannici devono, rispettivamente possono, recarsi nuovamente alle urne in inverno. Secondo gli ultimi sondaggi la probabilità di una vittoria dei Conservatori è elevata. Per vedere se vi sarà di nuovo un «hung parliament», si dovrà aspettare il 12 dicembre.