Diritto all'autodeterminazione nel concubinato

«Cosa succede in caso di incapacità di discernimento del mio partner?»

Stampa

Molti diritti e doveri sono collegati al matrimonio. Le coppie in concubinato hanno invece meno possibilità sancite per legge di occuparsi l'uno dell'altro – soprattutto se accade qualcosa a uno dei due partner. Leggete qui come garantire di potervi assistere reciprocamente anche in caso di emergenza.

 

 

Il partner ha le mani legate

Poco prima di cena, Dominic riceve la terribile notizia: Priscilla, la sua partner, ha avuto un incidente sulla strada di casa e si trova gravemente ferita in ospedale. Non è cosciente. Le settimane successive non portano ad alcun miglioramento. Dominic vuole stare vicino alla sua partner, ma il medico curante rifiuta di fornirgli informazioni e gli vieta le visite nel reparto di terapia intensiva.

La situazione a casa non è migliore: le carte di Priscilla si stanno accumulando: giustificativi della cassa malattia, fatture del cellulare, contributi assicurativi in scadenza... tuttavia, Dominic non può occuparsi degli affari della sua partner. Non essendo sposati, ha le mani legate. 

 

Il problema: non dispone di alcun diritto di visita o di rappresentanza

Molti aspetti della vita in comune sono ancora legati al matrimonio tradizionale. Ad esempio, la legge sancisce che i coniugi possono rappresentarsi a vicenda nelle operazioni quotidiane, come per il pagamento delle fatture o per il disbrigo della posta, se uno dei coniugi è incapace di discernimento. Questo non vale per il concubinato. In caso di incapacità di discernimento, l'autorità di protezione dei minori e degli adulti (APMA) definisce un curatore che si occupa delle questioni. Prima che il curatore assuma le sue funzioni, si perde del tempo prezioso: nel frattempo, molte cose restano in sospeso. La sensazione di non poter aiutare e sostenere il proprio partner in concubinato aggrava la situazione.

Le coppie in concubinato sono svantaggiate anche quando si tratta di temi medici: una visita all'ospedale o informazioni sullo stato di salute possono, in alcuni casi, essere consentite solo al coniuge e ai parenti stretti, ad esempio quando la persona interessata è in terapia intensiva.

 

La soluzione: esprimere chiaramente la propria volontà

Affinché voi e il vostro partner possiate trovarvi vicini al capezzale, dovreste quindi assegnarvi reciprocamente il diritto di visita. Potete stabilirlo in modo relativamente semplice con una dichiarazione firmata in duplice copia – non è necessaria un'autenticazione pubblica. Per regolamentazioni che vanno oltre il diritto di visita, è necessario redigere delle direttive del paziente. Attraverso le direttive del paziente, stabilite a quali trattamenti medici volete essere sottoposti e a quali no. Con le direttive, potete anche concedere al vostro partner in concubinato, coniuge o partner registrato, la procura per prendere decisioni per voi in merito a un intervento medico in caso di emergenza. È quanto può accadere, ad esempio, nel caso di un'operazione rischiosa che potrebbe procurarvi danni, o se occorre decidere in merito a misure di sostegno vitale. Con le direttive del paziente, potete esonerare i medici dal loro obbligo di riservatezza, in modo che possano fornire informazioni al vostro partner in caso di emergenza.

Esiste una soluzione anche per il caos dei documenti cartacei che arrivano a casa: se volete che il vostro partner possa decidere e agire per vostro conto in tutte le questioni personali, finanziarie e legali nel caso diventaste incapaci di discernimento, potete stabilirlo in un mandato precauzionale. Ciò eviterà ai vostri cari molte preoccupazioni e burocrazia. Con un mandato precauzionale, non c'è più bisogno di una lunga procedura per la nomina di un curatore. L'APMA deve solo verificare l'incapacità di discernimento e determinare inoltre se il mandato precauzionale è valido e se la persona ivi menzionata è idonea al compito. Generalmente, questa verifica non richiede molto tempo. In seguito, la vostra persona di fiducia è autorizzata ad agire nelle sfere della vita che riguardano la tutela personale, la cura degli interessi patrimoniali e la rappresentanza in questioni legali.

Conclusione: prendetevi cura fin d'ora della vostra previdenza

Glühbirne

È importante che agiate subito, in modo da essere ben preparati in caso di emergenza. Infatti, un evento cruciale, come una malattia o un infortunio, non è necessariamente legato a una determinata età. Pertanto, redigete un mandato precauzionale e create disposizioni chiare per voi e per il vostro partner in concubinato. È possibile redigere a mano il mandato precauzionale per conto vostro oppure redigerlo insieme a un esperto di previdenza Raiffeisen e farlo quindi certificare da un notaio.

 

Avete domande sulla vostra situazione previdenziale personale? Volete sapere quali altri aspetti richiedono un'azione nel vostro caso? Con la nostra consulenza ottenete anche risposte a domande riguardanti il vostro testamento, il contratto matrimoniale o successorio, l'esecuzione testamentaria, le necessarie assicurazioni e molto altro. Fissare ora un colloquio di consulenza

Altri argomenti che potrebbero interessarvi

Konkubinat & Todesfall

«Cosa succede se il mio partner muore?»

Se non vengono adottate altre misure, i partner in concubinato non beneficiano di alcun diritto al momento della divisione dell'eredità. Questo può portare a difficoltà finanziarie, soprattutto se è in gioco un'abitazione primaria comune. Leggete qui come evitare questo scoglio.

All'articolo