Un'impresa su tre si affida a Raiffeisen

«La fiducia al di là delle cifre di bilancio»

global.content.print

Produrre ascensori rotondi, trapezoidali o che scorrono in diagonale? Ecco le sfide tecniche che Ascenseurs Menétrey SA, un'azienda a conduzione familiare con sede a Romont (FR), non rifiuta mai di affrontare. «L'unico limite è dato dalla fisica e dalle norme» ci tiene a dire Gil Menétrey, il giovane e dinamico direttore che rappresenta la 4a generazione al vertice di questa società specializzata nella produzione di ascensori esclusivi su misura. Nell'intervista ci spiega quanto sia importante avere al proprio fianco un partner finanziario che assista nelle sfide da affrontare.

global.sr.chevron.slider.left
  • disegno, progetto
    disegno, progetto
  • saldatore
    saldatore
  • collaboratori, deposito
    collaboratori, deposito
  • sede Ascenseurs Menétrey SA
    sede Ascenseurs Menétrey SA
global.sr.chevron.slider.right

    Gil Menétrey, quali sono le sfide del suo settore di attività?

    La sfida principale consiste nel riuscire a mantenere la produzione dei nostri ascensori a Romont, nonostante i prezzi del mercato. Infatti è qui che creiamo tutte le cabine, i contrappesi e la maggior parte dei pezzi. Puntiamo alla qualità e non lesiniamo sulla materia prima, l'acciaio, che assicura la solidità dei nostri impianti.

     

    Come vede il rapporto con il suo consulente della Banca Raiffeisen Moléson?

    Il rapporto diretto che ha con noi gli permette di avere una visione più chiara della nostra azienda. Il nostro consulente è coinvolto a livello locale. Sa come ci battiamo tutti i giorni sul nostro mercato. Non ho a che fare con un teorico che si fa un'idea della nostra azienda consultando il nostro sito Internet. La fiducia che si sviluppa da questa conoscenza reciproca va ben oltre le cifre di un bilancio.

     

    La consulenza da pari a pari conta molto per lei. Che cosa significa concretamente?

    Si deve poter discutere, negoziare, trovare soluzioni insieme venendosi incontro reciprocamente.

    Conosco molto bene i miei interlocutori della Banca, capiscono le mie preoccupazioni. Abbiamo un rapporto di fiducia. C'è un impegno da entrambe le parti.

     

    Perché ha scelto Raiffeisen come partner finanziario?

    Conosco alcune persone presso Raiffeisen e i valori della Banca sono simili ai nostri. Infatti nella scelta di un partner finanziario, il prezzo non è il mio criterio principale.

     

    Che cosa si aspetta dal rapporto con il suo consulente clientela aziendale?

    Che duri nel lungo periodo! (Ride) Abbiamo bisogno di poter contare su un partner affidabile durante tutte le varie fasi di vita della nostra azienda. Nei periodi di successo, ma anche nei momenti più difficili.

     

    Che cosa consiglierebbe agli imprenditori che si affacciano a questo tipo di mercato?

    Sono una persona molto positiva: consiglierei loro di avere fiducia in se stessi, nei loro collaboratori e partner. E, soprattutto, di mantenere la rotta tenendo fede alle loro scelte.

     

    Qual è la chiave per restare al passo in un settore di nicchia come il suo?

    Aprire le nostre porte al pubblico e farci conoscere meglio. Spesso le persone non si rendono conto di quello che facciamo e di quello che siamo in grado di fare. Se invece visitano il nostro stabilimento di produzione, comprendono perché siamo leggermente più cari. Vale la pena farsi conoscere.

     

    Dove si vede tra dieci anni?

    Mi piacerebbe poter continuare a produrre prodotti solidi e specializzati. Abbiamo dei progetti innovativi. Un ascensore funzionerà sempre in base allo stesso principio: un peso, un contrappeso e una cabina che sale e scende. Ma noi abbiamo un potenziale d'innovazione in tutto ciò che riguarda il peso e le nuove tecnologie.

     

     

    Informazioni su Ascenseurs Menétrey SA

    Gil Menétrey, direttore di Ascenseurs Menétrey SA
    Gil Menétrey, direttore di Ascenseurs Menétrey SA

    A 35 anni, Gil Menétrey è il direttore di Ascenseurs Menétrey SA e il rappresentante della 4a generazione che ne è a capo. Dopo una formazione iniziale in informatica, scandita da estati passate sui cantieri di montaggio degli ascensori, nel 2006 decide di entrare nell'azienda di famiglia della quale assumerà la guida nel 2015.

    Questa storia familiare di successo ha avuto inizio nel 1924, quando Léon Menétrey fondò, da autodidatta, un'officina di meccanica generale. Nel dopoguerra, l'impresa con sede a Romont (FR) si specializza in ascensori e montacarichi e poi perfeziona l'orientamento strategico per concentrarsi principalmente sui mercati della produzione su misura, dell'industria e delle abitazioni individuali. Leader del suo settore nella Svizzera romanda, Ascenseurs Menétrey SA dà oggi lavoro a 130 collaboratori e produce circa 120 ascensori all'anno, suddivisi tra creazioni originali e sostituzioni di impianti esistenti. È una delle poche aziende in Europa a poter costruire ascensori esclusivi in fatto di dimensioni e design personalizzati. 

    www.menetrey-lift.ch