Cosa ne sarebbe della mia azienda, se mi dovesse accadere qualcosa?

«Come pianifico la successione aziendale interna alla famiglia in modo equo e sostenibile?»

Stampa

Se un figlio acquisisce l'azienda familiare, gli altri figli non devono in alcun modo uscirne penalizzati. Oltre all'equità, tuttavia, è determinante anche la sostenibilità economica: infatti, la successione può rivelarsi un onere finanziario. Scoprite qui come è necessario procedere per evitare sgradite sorprese.

 

 

Successore in difficoltà

Roland Wyss è stato un imprenditore appassionato. Il fatto che abbia potuto trasferire il lavoro di una vita a suo figlio Marc al momento del pensionamento è stata una grande gioia per il vedovo. Per facilitare a Marc il finanziamento, Roland gli ha consegnato la ditta individuale a un prezzo fortemente scontato, ossia regalandogliene una grande porzione. La sorella di Marc era d'accordo – l'importante era che la falegnameria rimanesse in famiglia.

Dieci anni più tardi, Roland Wyss muore inaspettatamente in seguito a una breve malattia. Marc e sua sorella sono in lutto – ma per Marc arriva presto un altro duro colpo: deve versare un importo elevato a sua sorella in modo che l'eredità sia suddivisa in modo equo. Marc, infatti, non deve solo compensare la donazione ricevuta dal padre a suo tempo: deve anche trasferire alla sorella parte del plusvalore da lui stesso generato con la sua azienda da quando è avvenuta l'acquisizione 10 anni prima. Marc si ritrova tra l'incudine e il martello: non dispone di liquidità sufficienti per pagare la sorella. Se non trova un accordo con lei, non gli rimane che vendere tutta l'azienda o una parte di essa.

 

Il problema è il seguente: l'azienda è soggetta all'obbligo di collazione

Affinché uno dei figli possa subentrare nella propria azienda, gli imprenditori spesso rinunciano a una parte del prezzo di vendita a favore del figlio (donazione mista) o addirittura gli donano interamente l'azienda a titolo di acconto della quota ereditaria. Il problema è il seguente: se l'imprenditore decede, si applica l'obbligo di collazione del diritto successorio. In concreto, significa che la somma donata viene tenuta in considerazione al momento della divisione dell'eredità e computata all'eredità del successore. Se la donazione è maggiore della parte che spetta per legge al successore, quest'ultimo deve corrispondere agli altri eredi quanto dovuto di conseguenza (ved. esempio grafico). Spesso però, chi succede nell'azienda non ha la liquidità per farlo.

 

compensazione impresa

A ciò si aggiunge che in caso di eredità, viene considerato il valore attuale dell'azienda e non il valore al momento della cessione, ossia come se l'azienda appartenesse ancora al patrimonio del testatore al momento del suo decesso. Il figlio che ha acquisito l'azienda deve quindi compensare non solo la donazione ricevuta all'epoca, ma anche una parte del plusvalore generato da quando è avvenuta l'acquisizione aziendale. Se l'importo da compensare supera la capacità di pagamento del successore, nel peggiore dei casi l'azienda familiare deve essere venduta.n.

 

La soluzione: regolamentazioni specifiche di compensazione

Anche se è fondamentalmente in linea con lo spirito dell'imprenditore che tutti i figli siano trattati allo stesso modo nella divisione dell'eredità, in molti casi l'obbligo di collazione previsto dal legislatore non è l'ideale. Tuttavia, esiste la possibilità di stabilire le proprie regolamentazioni tramite un contratto successorio stipulato di comune accordo. In questo contratto, gli interessati possono impostare la situazione in modo tale che la soluzione successoria sia equa per tutti gli eredi e finanziariamente sostenibile. In particolare, essi possono:

 

  • stabilire l'importo della liquidazione: Se tutti sono d'accordo, ad esempio, verrà applicato alla compensazione il valore dell'azienda al momento del suo passaggio e non il valore di mercato al momento della divisione dell'eredità. Se in seguito l'azienda guadagna valore, il successore non dovrà sostenere costi imprevedibili. Se invece dovesse perdere valore, questo non si ripercuoterà anche sugli altri eredi. Tale regolamentazione tiene conto del fatto che l'andamento del valore di un'impresa è molto influenzato dalle decisioni dell'imprenditore.
  • stabilire il periodo di pagamento: Se, in base a quanto concordato, il successore è tenuto a pagare la donazione ai suoi fratelli, ad esempio entro i 10 anni successivi o mediante un piano di pagamento, egli ha il tempo di compensare la somma necessaria con gli utili generati.

 

Altre possibilità per garantire che la successione aziendale sia equa e sostenibile per tutti gli eredi:

  • Fare una donazione dello stesso valore agli altri figli al momento della cessione (qualora si disponga del patrimonio adeguato). Senza ulteriori disposizioni, tuttavia, il successore aziendale dovrebbe ancora compensare il plusvalore maturato dopo la cessione.    
  • Mantenere il controllo finanziario come imprenditore, assumere il successore come amministratore e lasciare in eredità l'azienda al successore solo dopo il decesso. Il successore riceverà in questo modo l'azienda come computo ai suoi diritti ereditari. Tuttavia, tale ripartizione non deve ridurre le aspettative degli altri eredi, altrimenti il successore è tenuto a compensarli di conseguenza. Una tale regolamentazione presuppone che la restante parte del patrimonio dell'eredità sia sufficiente o che il successore disponga di mezzi finanziari propri adeguati per pagare i coeredi. 

 

A tale proposito, l'imprenditore può anche esonerare il suo successore dall'obbligo di collazione tramite testamento. Nel fare ciò, tuttavia, non deve violare le cosiddette porzioni legittime – la quota minima dell'eredità prescritta dalla legge – degli altri eredi. In caso contrario, il testamento potrebbe essere impugnabile. Trovate maggiori informazioni sulla divisione dell'eredità qui.

 

Conclusione: occupatevi per tempo della pianificazione della successione 

Glühbirne

Quando si lascia in eredità un'azienda, molti ostacoli dovrebbero essere eliminati per ogni evenienza. Assicuratevi inoltre che la ripartizione dell'eredità sia equa. Siate critici: chiedetevi se sia davvero realistico che uno dei vostri figli possa permettersi di pagare i suoi fratelli in un secondo momento. È meglio coinvolgere tutti gli interessati e affrontare l'argomento senza fretta, insieme ad esperti. 

Se non esiste ancora, cogliete l'occasione per redigere un mandato precauzionale, che è fondamentale per gli imprenditori! Senza un mandato precauzionale, la prosecuzione della vostra azienda potrebbe essere gravemente limitata, se non addirittura bloccata in caso di incapacità di discernimento. Scoprite di più qui 

Mediamente, la pianificazione della successione all'interno della famiglia richiede quasi sette anni. Inoltre, la successione fallisce in circa il 30 % di tutte le PMI svizzere. Quindi agite ora, rivolgendovi a esperti che possano affiancarvi.

Altri argomenti che potrebbero interessarvi

Ereditare l'abitazione

«Come lascio in eredità la mia abitazione primaria mentre sono ancora in vita?»

Realizzare un desiderio dei «figli» – questa è la motivazione che spinge molti genitori a lasciare la propria casa alla prossima generazione mentre sono ancora in vita. Qui potete scoprire quali misure accessorie sono necessarie per evitare che questo gesto generoso non si trasformi in un fiasco finanziario.

All'articolo