Guida agli investimenti – La guida per investire al meglio il suo patrimonio

Categorie d'investimento in focus: azioni

Difensive, stabili e innovative. Così si possono definire le grandi aziende farmaceutiche. Dal punto di vista di un investitore, si tratta di presupposti che creano valore aggiunto non solo in periodi di incertezza.

Stiamo invecchiando – Il settore farmaceutico ne approfitta

Quando i mercati azionari vanno in subbuglio, le azioni difensive danno il meglio di sé. Il mercato azionario svizzero è particolarmente richiesto in queste fasi di mercato. Nello Swiss Market Index (SMI), attraverso una forte ponderazione del gruppo alimentare Nestlé e dai due colossi farmaceutici Novartis e Roche, questa caratteristiche difensiva è molto evidente. Il ragionamento sembra semplice: il settore alimentare non si ferma mai, mentre quello sanitario è caratterizzato da una domanda anelastica.

Non sorprende quindi che Novartis e Roche abbiano nettamente surclassato il mercato nelle ultime settimane. Anche all'estero, aziende farmaceutiche come la britannica GlaxoSmithKline, la francese Sanofi o la statunitense Merck sono attualmente le favorite degli investitori. Se la guerra in Ucraina o i timori degli investitori legati all'inflazione favoriscono la fuga verso investimenti sicuri, dal punto di vista degli investitori vi sono altri elementi che giustificano l'ingresso nel settore sanitario.

Andamento dell'aspettativa di vita in Svizzera, in anni

Fonti: UST, Raiffeisen Svizzera CIO Office

Il settore beneficia soprattutto dell'aumento dell'aspettativa di vita e della relativa crescita dell'invecchiamento della popolazione. Dal 1970 in Svizzera l'aspettativa di vita è aumentata in media di circa 10 anni, sia per gli uomini sia per le donne. 

Dividendi in crescita grazie a uno sviluppo costante degli affari

Margini e guadagni stabili sono ulteriori aspetti che parlano a favore del settore e facilitano anche i pagamenti dei dividendi. Di conseguenza, da almeno 20 anni le principali aziende farmaceutiche svizzere hanno aumentato ogni anno la loro distribuzione agli investitori. Anche se questo non costituisce una garanzia di un ulteriore incremento dei dividendi, le opportunità restano intatte, soprattutto perché i nuovi concorrenti si trovano di fronte a barriere d'ingresso impegnative a causa dei costi di ricerca e sviluppo molto elevati. 

Dividendi, in franchi svizzeri

Fonti: Bloomberg, Raiffeisen Svizzera CIO Office

Data la forte domanda degli investitori, dall'inizio dell'anno il settore sanitario è rincarato e, rispetto al mercato complessivo, è negoziato con premio. Tuttavia, poiché i pro superano i contro, manteniamo la nostra sovraponderazione in azioni svizzere. A seguito delle costanti incertezze, abbiamo ridotto la quota azionaria in Europa e nei paesi emergenti.