Mercati e opinioni

Radar di mercato

27 settembre 2021 – La Germania ha votato. L'SPD, con il suo candidato cancelliere, Olaf Scholz, ha vinto le elezioni. Tuttavia, di chiaro c'è ancora ben poco. Gli imminenti colloqui su una coalizione saranno interessanti – sono possibili molti scenari.

I 60.5 milioni di aventi diritto di voto in Germania si sono espressi. L'SPD, con il suo candidato cancelliere, Olaf Scholz, ha vinto le elezioni con il 25.7% (+5.2%) di voti, sostituendo quindi la CDU/CSU quale partito con il maggior numero di elettori. Con il suo risultato del 24.1% (-8.9%), la CDU/CSU ha addirittura ottenuto un minimo storico. Oltre all'SPD, i Verdi (14.8%) sono stati tra i vincitori, benché il risultato sia stato piuttosto deludente, date le grandi ambizioni. Anche l'FDP ha registrato un leggero aumento (11.5%). Nel complesso vi è stato un chiaro slittamento a sinistra. 

Tuttavia, ben poco è stato deciso. Fuori discussione è solo una coalizione rosso-rosso-verde, che avrebbe significato imposte più elevate, più tasse e regolamentazione per la Germania – ciò sarebbe stato lo scenario «worst case» dal punto di vista economico. Dal punto di vista matematico, ci sono ora tre possibili varianti: 

Semaforo (SPD, Verdi, FDP)

In base ai risultati elettorali, questa alleanza sarebbe la più ovvia. Sarebbe la coalizione dei tre «partiti vincenti». A ciò si aggiunge che nei sondaggi Olaf Scholz è chiaramente più apprezzato come cancelliere dell'avversario della CDU Laschet. I punti critici delle trattative in una tale coalizione sono soprattutto temi di politica fiscale. L'FDP si è chiaramente espressa contro l'aumento delle imposte e un allentamento del freno all'indebitamento. 

Giamaica (CDU/CSU, Verdi, FDP)

Questa variante è stata definita da Armin Laschet nella serata delle elezioni come la «coalizione del futuro» – probabilmente anche perché è la sua unica possibilità di ottenere la cancelleria. Giamaica sarebbe la variante preferita anche dall'FDP. Resta però da vedere fino a che punto i Verdi (e soprattutto la base) saranno disponibili per tale governo. I Verdi non saranno certamente disposti a scendere a compromessi sui loro obiettivi climatici.

Grande Coalizione 2.0 (SPD, CDU/CSU)

Un tale governo verrebbe probabilmente ritenuto «un frettoloso rimpasto» e difficilmente corrisponderebbe alla volontà degli elettori. Tuttavia, se le trattative per formare una coalizione tripartitica dovessero fallire, si potrebbe giungere a una riedizione della Grande Coalizione, sotto la guida dell'SPD.

In generale le borse politiche hanno le «gambe corte»

La formazione del governo richiederà probabilmente tempo. Quattro anni fa, i colloqui esplorativi tra i partiti e le successive trattative per formare una coalizione sono durati 172 giorni – quasi un semestre.

L'incertezza ha un effetto negativo sulla borsa. Ma poiché le tre possibili opzioni di governo non sono una rivoluzione politica, l'impatto sui mercati finanziari rimarrà entro limiti contenuti. Il programma del futuro governo si baserà su compromessi. Una cosa è tuttavia chiara: la transizione ecologica della più grande economia europea proseguirà. L'incentivazione delle energie rinnovabili, della mobilità elettrica e delle propulsioni alternative sarà al centro della politica economica. Che ciò sia realizzabile senza imposte e tasse più elevate è piuttosto improbabile. La prossima legislatura sarà quindi in ogni caso complessa – non importa di che colore sarà il nuovo Governo federale.  

Per le prospettive a medio termine sui mercati azionari sono decisivi l'ulteriore evoluzione della pandemia da coronavirus, lo sviluppo economico e la politica monetaria globale. In generale le borse politiche hanno infatti le «gambe corte». In termini di tattica d'investimento, le elezioni del Bundestag non comportano quindi necessità d'intervento da parte nostra.  

Bilancio disomogeneo 

L'indice azionario tedesco non ha tenuto il passo con l'indice mondiale durante l'era Merkel.

L'indice azionario tedesco non ha tenuto il passo con l'indice mondiale durante l'era Merkel.

Fonte: Bloomberg, Raiffeisen Svizzera CIO Office